Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Come Dio mi fa vedere cosa devo fare

TaraPatta | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 16/10/21

Gli uomini mi hanno giudicato, ma il giudizio che vale è quello di Dio, e per Lui vale più l'amore che il denaro

A volte mi chiedo cosa devo fare. Bisogna dire di sì o di no a quello che mi chiedono? Fare attenzione ai miei desideri o reprimerli perché non mi diano fastidio? Cercare di fare di tutto per essere perfetto o lasciarmi modellare da Dio attenuando le mie resistenze?

Questa domanda mi sveglia al mattino. Dio cosa vuole che faccia oggi? Dove vuole che vada, che sia, che viva e ami?

Le domande si sommano nell’anima e mi turbano.

Sarei disposto a dare la vita, ma farlo fa sempre male, e tenerla per sé è più comodo, più semplice. Dice la Bibbia:

“Per questo pregai e mi fu elargita la prudenza, implorai e venne in me lo spirito di sapienza.
La preferii a scettri e a troni, stimai un nulla la ricchezza al suo confronto, non la paragonai neppure a una gemma inestimabile, perché tutto l’oro al suo confronto è come un po’ di sabbia e come fango sarà valutato di fronte a lei l’argento. L’ho amata più della salute e della bellezza, ho preferito avere lei piuttosto che la luce, perché lo splendore che viene da lei non tramonta. Insieme a lei mi sono venuti tutti i beni”.

La saggezza e la prudenza più di tutto l’oro del mondo. Più dei guadagni che posso ottenere con i miei talenti, con i miei beni.

La povertà di ciò che faccio

PORAŻKA

Voglio lasciare una traccia con le mie azioni, voglio cambiare questo mondo con il mio sforzo. E poi so che restano solo l’oblio, il silenzio, il vuoto.

Mi ricordano male o sono rimasti con una parte di me e l’hanno interpretata. O la mia fama cambia, in bene o in male.

E tutto quello che costruisco viene distrutto col passare del tempo. Non faccio niente di importante. E non lascio un’eredità per la quale sia valsa la pena di vivere.

Le parole fluttuano nella nebbia di questa vita, nell’umidità dell’alba. Quando il giorno finisce.

E sento di desiderare qualcosa di eterno, l’amore e la vita, un cielo vinto o conquistato. E che le mie opere ottengano quello che Dio mi chiede.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
dio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni