Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Genitori e docenti preoccupati per il contenuto violento della serie Squid Game

squid game

DANIEL CONSTANTE - Shutterstock

Dolors Massot - Ricardo Sanches - pubblicato il 15/10/21

La serie sudcoreana è già la più vista nella storia di Netflix, ma il suo contenuto violento preoccupa gli educatori

La serie Round 6, lanciata a livello mondiale con il titolo Squid Game, è già la più vista nella storia di Netflix. In meno di un mese, già 111 milioni di persone hanno assistito alla produzione sudcoreana. Il record precedente era di Bridgerton, che ha ottenuto 82 milioni di visualizzazioni in 28 giorni.

Round 6 ha successo ovunque, anche tra i bambini, ed è proprio questo che preoccupa genitori ed esperti del settore educativo. L’esposizione dei minori alla trama del programma divide le opinioni.

Classificata indicativamente per maggiori di 16 anni, la serie ruota intorno a un gruppo di 456 persone rimaste senza denaro e invitate a partecipare a un concorso con giochi popolari e infantili. Il premio è attraente, e per ottenerlo i giocatori sono capaci di tutto.

È qui che appaiono scene macabre, di violenza, sesso, tortura psicologica e omicidi. I giocatori non sanno che se perderanno moriranno. Per ogni giocatore “eliminato” c’è una somma di denaro che va ad aggiungersi al premio finale.

Ogni persona “vale” 100 milioni di won sudcoreani, equivalenti a 38.480.580 dollari statunitensi o 33.120.450 euro.

Tradotto nel linguaggio universale, ogni persona ha un prezzo. Il concorso spinge ad eliminare gli altri concorrenti per guadagnarsi il premio.

Allerta di scuole ed esperti

Molti esperti dell’educazione stanno mettendo in guardia i genitori di fronte al successo della serie Round 6 tra i bambini.

Perché è scattato l’allarme? Nel Regno Unito, è accaduto quando vari account sulle reti sociali proponevano giochi in cui se si sbaglia si viene colpiti in faccia da un fucile ad aria compressa.

SQUID GAME

In Spagna, varie scuole hanno constatato che i bambini delle scuole elementari giocano a ricreazione imitando azioni e scene del programma. Televisión Española si è fatta eco di questa problematica. In Belgio è accaduto lo stesso, e il 5 ottobre, attraverso un messaggio virale su Facebook, le famiglie hanno lanciato l’allarme vedendo che i bambini giocavano a un gioco popolare aggiungendovi però atteggiamenti violenti visti nella serie.

SQUID GAME

Gli psicologi avvertono che il pericolo del fatto che i bambini vedano la serie risiede dal fatto che in tenera età il bambino si sta ancora formando un’idea del bene e del male, e non distingue chiaramente tra finzione e realtà.

In un’intervista allaRevista Crescer, la neuropsicologa Deborah Moss ha parlato dell’impatto che provoca in bambini e adolescenti l’esposizione a contenuti violenti, spiegando che “alcuni possono impressionarsi, altri rimanere ammirati, ma parlando soprattutto di bambini piccoli, in genere hanno incubi, paura di rimanere soli, confondono la realtà con la finzione, diventano ansiosi”.

Anche l’esperto di educazione infantile e giovanile José Martín Aguado ha affrontato la questione:

  • 1
  • 2
Tags:
televisioneviolenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni