Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco ha affidato una “missione” al regista Martin Scorsese

Martin-Scorsese-e-Papa-Francesco

Pope Francis Photo By Antoine Mekary | ALETEIA - Martin Scorsese Photo By Kathy Hutchins | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 14/10/21

Lo ha rivelato l’esperto di cinema e scrittore Antonio Monda. “Il frutto di questo suggerimento è una serie di interviste andate in onda su Netflix”

Era il 21 ottobre 2019, quando il regista americano Martin Scorsese incontrava Papa Francesco per la terza volta. Ma a differenza dei due incontri precedenti, questa volta è il Papa che sollecita di vederlo perchè ha intenzione di affidargli una “missione”.  

Antonio Monda, scrittore e cinefilo della “Film and Television Department” della New York University, ne ha parlato in una intervista alla trasmissione di Rai1 “Oggi è un altro giorno” (10 ottobre).

AFP PHOTO

Il cambio di programma

«Scorsese era a Roma voleva visitare i Giardini vaticani insieme alla famiglia – ricorda Andrea Monda -. Mio fratello Andrea (direttore de L’Osservatore Romano ndr) organizzò tutto. Però mi disse di arrivare puntualissima alle 9, alla Porta Angelica, per una questione di sicurezza. Così arrivammo puntualissimi. Ma ci fu un cambio di programma improvviso: il Papa voleva incontrare Scorsese, ma noi eravamo presi in contropiede, non eravamo pronti…ma come si fa a dire di no ad un incontro col Papa?». 

Così Monda, con la famiglia di Scorsese raggiunse il Papa. «Si erano già visti due volte, e anche in questa occasione hanno subito trovato un’intesa, parlando di Fedor Dostoevskij,  comune passione dell’uno e dell’altro, che con i suoi romanzi fa da sfondo all’opera del regista di Meanstreets e di Silence».

Il suggerimento di Papa Francesco

«Alla fine di questo incontro – continua Antonio Monda – il Papa gli suggerisce di pensare a qualcosa che può funzionare anche su un piano della comunicazione di alcuni valori. Il frutto di questo suggerimento è una serie di interviste andate in onda su Netflix, tra cui un’intervista della figlia di Scorsese, Francesca, al padre» (Il Sussidiario, 11 ottobre).

La sofferenza vista dal piccolo Scorsese

Martin Scorsese aveva parlato con il Papa anche il 25 novembre 2018, durante l’incontro “Sharing the wisdom of time / La Saggezza del Tempo”: «Santo Padre – aveva detto Scorsese – sono cresciuto nei quartieri periferici di New York. Lì c’è la cattedrale di San Patrizio. Ho passato tanto tempo in quella chiesa. Fuori, le cose erano molto diverse. Da bambino ho capito che le sofferenze che vedevo non erano in televisione o nei film. Nella strada c’ era una verità e in chiesa c’era un’ altra. E’ stato molto, veramente molto difficile metterle insieme…».

La ricetta del Papa: piangere, condividere, vicinanza 

Papa Francesco disse al regista americano che bisognava «agire», rispetto alla crudeltà da cui derivava quella sofferenza manifestata da Scorsese. In che modo? 

Con «la saggezza del piangere, il dono del piangere. Davanti a queste violenze, a questa crudeltà, a questa distruzione della dignità umana, il pianto è umano e cristiano. Chiedere la grazia delle lacrime, perché il pianto ammorbidisce il cuore, apre il cuore. E’ fonte di ispirazione, piangere. Gesù, nei momenti più sentiti della sua vita, ha pianto. Nel momento in cui Lui ha visto il fallimento del suo popolo, ha pianto su Gerusalemme. Piangere. Non abbiate paura di piangere per queste cose: siamo umani».

Poi, «condividere l’ esperienza, e torno a parlare del dialetto e dell’empatia. Condividere l’ esperienza con empatia, con i giovani: non si può avere una conversazione con un giovane senza empatia. Dove trovo questa empatia? Non condannare i giovani, come i giovani non devono condannare gli anziani, ma avere l’ empatia: l’ empatia umana. Io me ne vado perché sono vecchio, ma tu rimarrai, e questa è l’ empatia della trasmissione dei valori».

E infine con «la vicinanza. La vicinanza fa miracoli. La non-violenza, la mitezza, la tenerezza: queste virtù umane che sembrano piccole ma sono capaci di superare i conflitti più difficili, più brutti. Vicinanza, come Lei forse da bambino si è avvicinato a questa gente con tante sofferenze, e forse da lì ha incominciato a prendere la saggezza che oggi ci fa vedere nei Suoi film» (Famiglia Cristiana, 25 novembre 2018).

Il primo incontro tra Scorsese e il Papa nel 2016

Papa Francesco, il 30 novembre 2016, ha ricevuto in Vaticano, per la prima volta, Martin Scorsese. Il regista americano era a Roma per presentare in anteprima il suo ultimo film sui martiri giapponesi ‘Silence’. Con il regista, la moglie e le due figlie, insieme al produttore del film e consorte. 

Gli ospiti erano accompagnati da mons. Dario Viganò, allora Prefetto della Segreteria per la Comunicazione. «L’incontro – spiegava una nota della Sala Stampa vaticana – è stato molto cordiale ed è durato circa quindici minuti. Il Papa ha raccontato ai presenti di aver letto Silenzio, il libro che ha ispirato l’ultimo film del regista. Ha quindi parlato della ‘semina’ dei gesuiti in Giappone e del ‘Museo dei 26 Martiri’». 

I rosari regalati dal Papa

Al momento dello scambio dei doni, il regista ha donato al Pontefice due quadri legati al tema dei ‘cristiani nascosti’. «Uno di questi – si leggeva sempre nella nota della Sala Stampa vaticana – raffigura un’immagine molto venerata della Madonna, opera di un artista giapponese del Settecento. Il Papa ha offerto agli ospiti alcuni rosari».

Tags:
martin scorsese
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
7
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni