Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Paola Turani, dalla diagnosi di infertilità al parto naturale di Enea

PAOLA TURANI

Luca Ponti | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 13/10/21

Una gravidanza arrivata naturalmente dopo una diagnosi di infertilità e pochi giorni fa la nascita di Enea Francesco. Paola Turani ha condiviso la meraviglia di scoprirsi forte e lieta attraversando il dolore del travaglio e la spossatezza del post-parto.

Paola Turani, modella e influencer di origini bergamesche, è un volto amatissimo. Tra le celebrities che spopolano sui social il suo profilo spicca per garbo e naturalezza, anche eleganza. Lavora da quando aveva 16 anni nel mondo della moda, ma negli ultimi anni la sua carriera è decollata in modo strepitoso. Le grandi firme se la contendono, l’abbiamo vista sfilare sui red carpet più glamour, ma nei suoi canali social si mostra sempre con una spontaneità gentile.

Dietro questa facciata meravigliosa, covava un segreto di dolore. Per 8 anni ha desiderato diventare madre, ma non è accaduto. E poi, dopo una diagnosi di infertilità e la preparazione per il percorso della fecondazione assistita, ecco arrivare una sopresa che scardina tutto. E’ rimasta incinta naturalmente e pochi giorni fa, l’8 ottobre, è nato Enea Francesco all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Travaglio e parto senza filtri

La dura legge delle influencer nell’era Ferragni è una condivisione che non conosce porte chiuse e diventa una narrazione volutamente familiare. Instagram è diventato un reality show di scatti, stories e reel. Il pubblico apprezza i contenuti domestici, le confessioni aperte sugli squarci di vita più intimi e ormai si parla di “famiglia” anche per riferirsi al proprio bacino di followers.

E così anche Paola Turani ha tenuto la porta aperta su quel tempo intimo che è il travaglio. Ha voluto condividere con la famiglia dei suoi di follower – circa 2 milioni – l’esperienza della nascita e la meraviglia di scoprire il dolore e la forza di cui è capace il corpo materno. E noi pubblico assistiamo a questo racconto, in cui – per una volta – ritorna sotto i riflettori nient’altro che il dato di natura di un figlio che viene alla luce accompagnato da quel tumulto serrato che sono le contrazioni:

View this post on Instagram

A post shared by PAOLA TURANI (@paolaturani)

È iniziato tutto alle 18 di giovedì quando ho rotto le acque, qualche piccola contrazione gestita tranquillamente insieme a Veronica la mia ostetrica e poi dalle 20 (mentre la mia amica Melissa mi massaggiava per alleviare il dolore) le contrazioni sono diventate sempre più forti e ravvicinate. 

Le contrazioni sono quel ritmo impazzito che scardina ogni presunzione umana di saper gestire il tempo. In uno stato di scarsissima lucidità la madre fa esperienza di un passo che si impone e non è il suo. Essere in travaglio significa essenzialmente seguire qualcosa che va avanti per conto suo, non si fa nulla (non si conduce il gioco, ecco). Si è presenti in corpo, spirito, fatica e dolore a un evento che logora ogni fibra muscolare.

Ed è questo che è entrato in tendenza e ha catturato migliaia di clic negli ultimi giorni: non l’ennesimo capriccio umano, non l’ennesima trovata tecnologica assurda, ma l’esperienza di un abbandono in cui la persona è protagonista seguendo il passo che detta la vita.

Provata

E proprio perché il tempo della nascita non è dettato dalla volontà dei genitori o dagli strumenti dei dottori, occorre stare a quel che accade. Paola Turani aveva messo in conto di fare l’epidurale, ma non ce n’è stato il tempo, la sua dilatazione è stata veloce ed è arrivata al momento delle spinte poco dopo il ricovero in ospedale. Dunque ha attraversato senza filtri anestetici il tanto temuto dolore del parto. Temuto perché una certa narrazzione astratta continua a proporlo come uno spauracchio terribile ed evitabile. E’ bello perciò che dall’altoparlante mediatico di un’influencer di successo esca la voce di chi ringrazia anche di aver attraversato in pienezza qualcosa che lacera il corpo fino allo sfinimento ma non lo distrugge, e anzi misteriosamente gli restituisce una forza impensabile:

Mamma mia, che potenza, l’esperienza più dolorosa e incredibile al tempo stesso! Quanta forza abbiamo noi donne in quel momento? Pazzesco! Ringrazio mio marito per essere stato sempre al mio fianco.

Vita reale

E poi silenzio, finalmente. Dopo la gioia della nascita, per qualche giorno Paola Turani non ha pubblicato nulla sul suo profilo. Potere della vita che s’impone ed è più forte di ogni pianificazione virtuale. Sì, anche Instagram può ‘tacere’.

Instagram verità. Onestà. Questi due giorni non stati semplicissimi. […] Nuovi ritmi, nuovo equilibrio, nuovo tutto. Priorità LUI. Ed è bellissimo così, ma mi sono un po’ annullata. Dovevo, non riuscivo a fare altrimenti.

Annullata e provata, una madre lo è. Soprattutto nelle prime settimane e mesi dopo aver dato alla luce un figlio. Lo rimane anche dopo ed è solo un abbaglio moderno considerare l’annullamento della donna che diventa madre come una brutta cosa. Quello che si riduce a nulla non è la persona, ma la grande mole di pensieri ed emozioni egocentrate. Molte presunzioni e illusioni si riducono a nulla, lasciano spazio a una vera relazione in presenza.

E la storia della maternità di Paola Turani ha proprio questo accento particolare, quello di una presenza che si è fatta spazio oltre le pianificazioni a tavolino e oltre le ipotesi disilluse di una coppia che si credeva non fertile.

Eravamo pronti, ma …

Struccata e in lacrime, lo scorso aprile Paola Turani si era mostrata ai suoi quasi 2 milioni di followers su Instagram per raccontare la storia dolorosa del suo desiderio a lungo frustrato di diventare mamma. Legata da tanti anni all’imprenditore Riccardo Serpellini, che ha sposato nel 2019 con rito civile, ha condiviso con lui la sofferenza di non riuscire a concepire naturalmente un figlio per tanti anni.

Nel 2013 i due decidono che “sono pronti” per fare un figlio. Sì, lo sappiamo, uno dei verbi preferiti dell’ homo contemporaneus è pianificare. Essere pronti, che abbaglio. Lo si può essere di fronte alla venuta di un figlio? Mai. E la cronaca di questa storia è proprio tutta nello scarto che c’è tra il volere un figlio e il riconoscere una sorpresa.

Nel 2013 io e Ricky ci siamo sentiti pronti a provare ad avere un figlio, senza fretta, ci siamo detti “Vediamo cosa succederà!”. Per molto tempo l’abbiamo vissuta con serenità, fortunatamente siamo sempre stati impegnati con il lavoro ed ero talmente concentrata che non ho mai pensato seriamente al tempo che passava. Poi però i mesi che trascorrevano sono diventati anni. “Arriverà.. magari non è il momento giusto.. riproveremo” pensavamo. Ma questo momento non arrivava mai. Ci sono stati mesi in cui mi sentivo più suscettibile e soffrivo; mesi, invece, in cui non ci pensavo. 

Paola Turani – Instagram

Sì, ha ragione. L’infertilità è un argomento tabù, anche se molto diffuso (e in crescita). Fa bene Paola Turani a parlarne senza girarci attorno: ci si sente impotenti, ci si vergogna di fronte a chi ingenuamente chiede “E voi? Quand’è che fate un figlio?”.

Ridurre l’infertilità a un difetto che rende la persona incapace di procerare è l’anticamera per distruggere anche la vita di coppia. Tutto potrebbe ridursi ad addossare la colpa al marito o alla moglie.

Ho capito che quando si parla di infertilità si parla di infertilità di coppia e quindi si parla al plurale.

Paola Turani – Instagram

“La vita ci ha sorpreso in un momento inaspettato”. Cos’è un miracolo?

Stenta ancora ad essere ospitata nella comunicazione mainstream la voce di un’alternativa più compiutamente umana della mera riduzione del tutto a una fabbricazione di figli. Perché è – apparentemente – facile il sentiero di chi riduce tutto al “manca un figlio-ti metto in braccio un figlio”.

Per cui non c’è da stracciarsi le vesti nel constatare che a Paola Turani e suo marito sia stata offerta come unica alternativa possibile quella della fecondazione assistita. Loro erano pronti ad affrontare un percorso che sapevano non facile.

E poi i fatti che si sono messi in fila nella storia di Paola Turani l’hanno portata a riconoscere l’evidenza di un “piccolo miracolo”. Miracolo è una parola che può benissimo essere usata senza nessuna accezione religiosa e resta eclatante, purché sia piantata nella realtà. Di solito la si pronuncia per dire l’inatteso, una corrispondenza imprevista e non pianificata.

Ed è l’irruenza di questo scarto rispetto alla progettualità che lascia sulla soglia della meraviglia.

Avevamo preparato tutto. In frigorifero tenevamo le punture per la mia cura ormonale da effettuare durante il percorso. … è successo qualcosa che ha dell’incredibile. Proprio nel mese in cui dovevamo iniziare la procreazione medico assistita io sono rimasta incinta, naturalmente. Questa notizia ha spiazzato tutti, medici compresi, eravamo increduli ma di una felicità che è impossibile spiegare a parole! È successo così, dopo 8 anni. Mi piace chiamarlo: il nostro piccolo grande miracolo. Dopo tanta sofferenza è arrivata la nostra gioia».

Paola Turani – Instagram

Ecco la definizione esatta di incidente, qualcosa di non previsto che incide. Un segmento non allineato e secante, che scrive un’altra storia dentro quello che era stato sigillato in un progetto prestabilito. Vanno a quel paese le tabelle e i medici sono spiazzati. Gli ormoni in frigo restaranno lì a raffredarsi. Quello che non era affatto probabile, accade. Miracolo sì, è vero. Ma attenta, cara Paola, a definirlo nostro.

Miracolo è proprio tutto ciò che nostro non è. “Nostro” è saper identificare gli orari migliori per pubblicare una foto su Instagram, pianificazioni basate su mere statistiche. Ma quando una presenza nuova è uno schiaffo ai nostri schemi, allora “nostro” non basta più. L’orizzonte si dilata in un campo da gioco più vasto, assai poco ego-centrato. Ed è proprio quello il miracolo, riconoscere il cambio di corsia … il tornante pericoloso … il dosso imprevisto sul rettilineo.

Tags:
infertilita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni