Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Esiste un’emergenza salute mentale nei giovanissimi

Di HTWE|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 13/10/21

L'ultimo rapporto Unicef sulla condizione dell'infanzia si concentra sulla salute mentale, messa duramente alla prova dalla pandemia. Ma il quadro era già serio prima dell'era Covid. A sostegno della campagna di sensibilizzazione per la salute mentale dei testimonial d'eccezione, amatissimi da milioni di giovanissimi in tutto il globo, la band sudcoreana di K-pop: i BTS.
Amare sé stessi è di sicuro un imperativo salutare e naturale; ma ripeterlo ai concerti e nei tweet è la strada giusta per insegnarlo?

In diverse testate hanno rilanciato i risultati, preoccupanti, del rapporto UNICEF uscito il 5 ottobre scorso sullo stato di salute mentale dei bambini nel mondo: “La condizione dell’infanzia nel mondo – Nella mia mente: promuovere, tutelare e sostenere la salute mentale dei bambini e dei giovani”.

Prima di dire “ve l’avevamo detto” vediamo che fotografia restituisce questo dossier.

Certo, l’esperienza diretta di tutti noi ci conferma già nella certezza che i giovani e i bambini abbiano subito un carico di stress e nel contempo grandi deprivazioni sociali, motorie, ricreative, educative e formative nei lunghi mesi di lockdown. Per loro lockdown è stato sinonimo di maggior solitudine, ore di lezioni frontali allo schermo (la famosa DAD), niente sport. Non solo, ricordiamolo; perché non pochi sono stati anche i risvolti positivi di vederci, tutti, restituiti ad una dimensione familiare diversa, per certi versi più naturale.

Risultati dell’indagine

Più di 1 adolescente su 7 tra i 10 e i 19 anni convive con un disturbo mentale diagnosticato; tra questi 89 milioni sono ragazzi e 77 milioni sono ragazze. 86 milioni hanno fra i 15 e i 19 anni e 80 milioni hanno tra i 10 e i 14 anni. L’ansia e la depressione rappresentano il 40% dei disturbi mentali diagnosticati. I tassi in percentuale di problemi diagnosticati sono più alti in Medio Oriente e Nord Africa, in Nord America e in Europa Occidentale.

Unicef

Il rapporto dell’organismo sovranazionale dedicato all’infanzia indica come fattore di generale aggravamento proprio la pandemia di Covid-19, soprattutto per le ricadute sociali e psicologiche che si sono riversate sui più piccoli.

 anche prima del COVID-19, bambini e giovani portavano il peso delle problematiche relative alla salute mentale senza che ci fossero investimenti significativi volti ad affrontarle. Secondo quanto emerso, i bambini e i giovani potrebbero sentire per molti anni a venire l’impatto del COVID-19 sulla loro salute mentale e sul loro benessere.

Ibidem

Comportamenti suicidari tra bambini e adolescenti

Quasi 46.000 adolescenti muoiono a causa di suicidio ogni anno – più di uno ogni 11 minuti –una fra le prime cinque cause di morte per la loro fascia d’età.

Ogni genitore, non appena sfiora con la mente questa possibilità, prova un’angoscia e un anticipato senso di impotenza che non sa come gestire. Probabilmente la reazione più diffusa è quella di scacciare il pensiero, di esorcizzarlo, di pensarsi al sicuro.

Pensare che il proprio figlio, bambino o poco più, che noi abbiamo “imparato” da neonato, innocente, naturalmente portato alla gioia e alla fiducia verso la vita, possa infliggersi il male più irreparabile è un’ipotesi che fiacca pensieri e forze.

Invece, come in ogni cosa, il primo passo da fare è guardare la realtà; anche solo nel suo quadro d’insieme, che mette distanze ma aiuta anche a leggere i passaggi che i nostri figli e i figli in generale si trovano ad attraversare.

Vivere è sempre anche un atto di resistenza: al dolore, all’impressione del non senso, alla solitudine, alle ingiustizie. E’ sempre la speranza che qualsiasi angustia ci tocchi in sorte non sarà definitiva. Dove queste angustie diventano insopportabili, quando la solitudine sembra non aver fine, se la violenza fisica o psicologica si fa opprimente e la percezione del senso del vivere non fa più capolino nelle nostre giornate allora sì, anche un giovane o un giovanissimo, può pensare, e con più radicalità forse di un adulto, che la vita sia insopportabile e cercare disperato sollievo nello strapparsela di dosso.

Suicidio tra le prime cause di morte per bambini e adolescenti in tutto il mondo

Sebbene l’adolescenza sia uno dei periodi di maggiore buona salute del ciclo della vita, si stima che ogni anno 45.800 adolescenti muoiano per suicidio. Il rischio di commettere suicidio aumenta con l’età.
In tutto il mondo, il suicidio è la quinta causa di morte tra gli adolescenti dai 10 ai 19 anni.

Per gli adolescenti tra i 15 e i 19 anni, è la quarta causa di morte più comune; e persino per gli adolescenti più giovani, il suicidio resta tra le prime 10 cause di morte.

Per i ragazzi tra i 15 e i 19 anni, il suicidio è la quarta causa di morte dopo gli incidenti stradali, la violenza interpersonale e la tubercolosi. Per le ragazze dai 15 ai 19 anni, il suicidio è la terza causa di morte, preceduta da tubercolosi e Patologie materne in gravidanza.
Tuttavia, il numero di ragazze che muoiono ogni anno per suicidio (5 ogni 100.000 persone) è inferiore rispetto a quello dei ragazzi (6 ogni 100.000 persone).
In Europa orientale e in Asia centrale, il suicidio è la prima causa di morte tra gli adolescenti dai 15 ai 19 anni;

In Nord America, Europa occidentale, Asia meridionale e Africa occidentale e centrale, è la seconda causa più diffusa e in America Latina e nei Caraibi è la terza causa di morte più frequente.

Ibidem

Le differenze tra maschi e femmine: disturbi mentali e disagio psicologico

Nel 2020, in tutto nel mondo si contavano circa 1,2 miliardi di adolescenti dai 10 ai 19 anni. Secondo alcune stime, oltre il 13% soffriva di disturbi mentali. Si tratta di più di 160 milioni di adolescenti colpiti da disturbo mentale.

Per entrambi i gruppi di età, i ragazzi adolescenti hanno una probabilità leggermente superiore di soffrire di disturbi mentali rispetto alle ragazze. Tuttavia, secondo uno studio del 2021 sugli adolescenti di 73 paesi, le ragazze hanno maggiori probabilità di soffrire di disagio psicologico, che si traduce nell’insoddisfazione nei riguardi della propria vita o nell’assenza di benessere e felicità.

Ibidem

Impatto pandemia sul benessere psicologico e psichico dei giovani: il grosso deve ancora arrivare

Un anno e mezzo per un adulto con una condizione di vita grosso modo stabile è una cosa; per un bambino o un ragazzo è tutt’altro. Si tratta di anni che vedono compiersi tappe importanti dello sviluppo cerebrale, emotivo e relazionale. Il locdown ha desertificato il contesto nel quale questi passi di solito vengono compiuti. Per questo, osserva il direttoe generale di UNICEF, il grosso deve ancora arrivare, in termini di impatto e costo psicologico per i nostri giovani.

Sono stati 18 lunghi mesi per tutti noi, specialmente per i bambini. Con i lockdown a livello nazionale e le restrizioni di movimento legate alla pandemia, i bambini hanno trascorso anni indelebili della loro vita lontano dalla famiglia, dagli amici, dalle aule, dal gioco – elementi chiave dell’infanzia stessa.

L’impatto è significativo, ed è solo la punta dell’iceberg. Anche prima della pandemia, troppi bambini erano gravati dal peso di problemi non affrontati di salute mentale. I governi stanno investendo troppo poco per affrontare questi bisogni fondamentali. Non viene data abbastanza importanza alla relazione tra la salute mentale e le conseguenze future sulla vita”.

Ibidem

Mancanza di risorse e servizi per la cura e il sostegno della salute mentale

Quello che il dossier vuole mettere in luce è la dimensione del fenomeno, anche se molti aspetti sono da valutare con metodi di indagine più precisi e approfonditi, e la necessità di mettere risorse per offrire servizi e risposte a questa grande domanda di salute che disattesa si tradurrebbe inevitabilmente in costi ancora più elevati, soprattutto in termini di sofferenza personale dei futuri adulti.

La Condizione dell’infanzia nel mondo invita i governi e i partner del settore pubblico e privato a impegnarsi, comunicare e agire per promuovere la salute mentale di tutti i bambini, adolescenti e persone che se ne prendono cura, proteggere chi ha bisogno di aiuto e assistere i più vulnerabili, tra cui: 

– Investimenti urgenti nella salute mentale dei bambini e degli adolescenti in tutti i settori, non solo in quello sanitario, per sostenere un approccio alla prevenzione, alla promozione e alle cure che coinvolga tutta la società.

– Integrare e aumentare gli interventi basati su evidenze nei settori della salute, dell’istruzione e della protezione sociale – compresi programmi per i genitori che promuovano un’assistenza attenta e amorevole e sostengano la salute mentale di genitori e persone che si prendono cura dei bambini; e garantire che le scuole supportino la salute mentale attraverso servizi di qualità e relazioni positive.

– Rompere il silenzio che circonda le problematiche di salute mentale, affrontando la stigmatizzazione, promuovendo una migliore comprensione della salute mentale e prendendo sul serio le esperienze dei bambini e dei giovani.

Ibidem

A tutt’oggi, secondo il rapporto in esame, le risorse destinate alla promozione e difesa della salute mentale sono solo il 2% dei fondi governativi per la salute generale.

L’ecologia è integrale se centrata sull’uomo

Ora, se è vero, come osserva Alessandro D’Avenia sul Corriere della Sera, che ci siamo abituati a seguire scrupolosi protocolli per prevenire il contagio del virus Sars-CoV-2 per evitare di sviluppare la malattia, è perché abbiamo capito con una progressiva approssimazione come il virus funziona, come si diffonde, come vive.

Ora, non è il caso, di fronte alla ricchezza che più deve stare a cuore ad ogni forma di civiltà umana evoluta, i nostri figli, mettersi davvero a riflettere su cosa serva loro per crescere, imparare, diventare uomini e donne? Su come funziona una mente in evoluzione, su come apprende, su cosa invece la scoraggia e spegne?

Lo sappiamo, la DAD è stato un surrogato in attesa di poter tornare in presenza ma anche tornati in classe perché non si rimette a tema il bisogno principale di ogni ragazzo, che sta in una risposta sul fronte della relazione, prima e necessaria persino ad ogni futuro apprendimento? Basta ingozzarli di contenuti (e questo vale per chi ha almeno il diritto all’istruzione garantito); basta privarli delle poche cose fondamentali che li fanno crescere bene, anche in mezzo ad altre privazioni.

Ciò che serve a ciascuno di noi, e a maggior ragione a chi è in formazione, è riconoscersi come un valore assoluto, e non subito e solo come produttore di valore economico. Su questa radice possono germinare tronchi e rami anche molto articolati di conoscenze, competenze, specificità.

Sponsor della campagna di sensibilizzazione i BTS. #Lovemyself

La campagna di sensibilizzazione contro la violenza, il bullismo e per la promozione della salute mentale è stata sostenuta da testimonial d’eccezione: il gruppo K-Pop seguito da milioni di fan in tutto il mondo, i BTS.

Mia figlia me lo diceva: “Mamma, guarda che nelle canzoni dicono (anche) cose utili come per esempio che devo imparare ad amare me stessa”. (mentre magari suggeriscono stili di vita improbabili, fatti di magrezza estrema, per questo si aggiungono anche le BlackPink, perfezione estetica, consumismo).

Benissimo, ben vengano messaggi semplici, positivi e fatti arrivare ad un pubblico tanto vasto e distribuito in tutte le nazioni.

Ma per amare sé stessi è davvero utile insistere tanto sullo sforzo intrapersonale? Amare gli altri, è vero, nasce dalla capacità di amare sé stessi. Però da dove ha preso forma quell’amore a noi stessi che ci troviamo dentro e che la stessa Bibbia insegna ad usare come unità di misura dell’amore al prossimo?

Ogni autostima, ogni amore di sé, nasce dalla coscienza di sapersi guardati e amati, di avere per qualcuno un valore che nessun fallimento o caduta o tradimento potrà mai compromettere.

Meglio di sicuro messaggi genericamente positivi che non suggestioni horror e non troppo velate istigazioni all’autodistruzione come si trovano in altri cantanti e gruppi ma il cuore dei giovani ha fame sul serio e non bastano pochi stuzzichini.

Soprattutto, carissimo Rap Monster (il leader del gruppo) se l’appello che anche tu ti pieghi a fare è quello ad esprimere sé stessi nel senso che l’ideologia gender imperante intende e vuole che tutti intendiamo.

Tags:
giovanisalute mentale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni