Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconCultura
line break icon

Il giorno in cui Bob Dylan ha ricevuto la chiamata di Gesù attraverso un fan

ROLLING THUNDER REVUE

Netflix

Octavio Messias - pubblicato il 06/10/21

L'episodio ha ispirato la cosiddetta trilogia cristiana dell'artista, con dischi che riflettevano il suo risveglio spirituale

Alla fine degli anni Settanta, il cantautore Bob Dylan, che stava per compiere 40 anni, viveva una sorta di battuta d’arresto del successo meteorico che aveva vissuto nel decennio precedente. Il suo album più recente, Street Legal (1978), aveva deluso a livello commerciale ed era stato accolto duramente dalla critica, mentre il musicista affrontava le conseguenze degli eccessi della vita in strada.

Epifania

Dylan era alla ricerca della salvezza, che arrivò attraverso un fan durante un’esibizione a San Diego, in California, il 17 novembre 1978. “Arrivando alla fine dello spettacolo, qualcuno in platea… si rese conto che non mi stavo sentendo bene. Penso che se ne fosse accorto. E tirò un crocifisso argentato sul palco”, ha ricordato il musicista in un’intervista rilasciata al biografo Clinton Heylin, autore del libro Bob Dylan: Behind the Shades Revisited (2003).

“In genere non raccolgo cose sul palco […]. Ma guardai il crocifisso sotto di me e mi dissi: ‘Devo prenderlo’. E allora lo afferrai, lo misi in tasca e lo portai con me in camerino e poi nella tappa successiva, in Arizona. Mi sentivo ancora peggio che a San Diego”.

Nella sua camera d’albergo a Tucson, Dylan si mise il crocifisso al collo e sperimentò quella che ritiene sia stata una visione di Cristo. “Gesù mi apparve come il Re dei Re, il Signore dei Signori. C’era una presenza in quella stanza che non poteva essere di nessun altro se non di Gesù… Gesù ha posto la Sua mano su di me. È stato qualcosa di fisico. L’ho sentito. L’ho sentito completamente. Ho sentito il mio corpo tremare. La gloria del Signore mi ha abbattuto e poi mi ha risollevato”, ha affermato Dylan in quell’intervista.

Vangelo e temi cristiani

Quell’epifania è stata sufficiente per far sì che Dylan desse un nuovo senso alla propria vita e per portare avanti gli insegnamenti della Bibbia con tre dischi. Il primo è stato Slow Train Coming (1979), in cui ha sperimentato arrangiamenti gospel e ha reclutato Mark Knopfler, che all’epoca iniziava ad avere successo con il gruppo Dire Straits, per registrare le parti alla chitarra.

Il brano di apertura, You Gotta Serve Somebody (“Devi servire qualcuno”), è stato il suo primo successo in più di tre anni, e gli ha garantito il premio Grammy per la migliore performance vocale maschile nel 1980. L’album è arrivato al terzo posto nelle classifiche del Regno Unito ed è stato disco di platino negli Stati Uniti.

Quel successo ha aperto la strada ad altri due dischi di Bob Dylan con passi biblici e tematica cristiana: Saved (1980), in cui ha mantenuto arrangiamenti radicati nel gospel e nel soul, inclusa una versione del classico country A Satisfied Mind, di Jack Rhodes, e Shot of Love (1981), basato maggiormente sul rock’n’roll e su singoli come Every Grain of Sand. Durante uno spettacolo della tournée di Shot of Love, Dylan ha detto alla platea: “In genere cercavano di convincermi che ero un profeta. Ora mi espongo e dico: ‘Gesù è la risposta’”.

Tags:
bob dylan
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni