Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Febbraio |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà gli angeli”

000_8Y96W6.jpg

Photo by Handout / VATICAN MEDIA / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 04/10/21

Papa Francesco, in occasione della ricorrenza di San Michele Arcangelo, ha parlato nuovamente degli assalti del diavolo e di come vengono respinti dagli angeli

San Michele uccide la Bestia, il diavolo. Questo accadrà nella battaglia finale. Papa Francesco ne ha parlato durante la Celebrazione Eucaristica per il Corpo della Gendarmeria Vaticana, in occasione della ricorrenza di San Michele Arcangelo, patrono e protettore della Polizia di Stato Italiana e del Corpo della Gendarmeria Vaticana, che si celebra il 29 settembre.

Gli Angeli voluti da Dio

«La Bibbia – ha spiegato il Papa – dice che con il diavolo è entrata nel mondo l’invidia, che ci distrugge, ci separa l’uno dall’altro. E nella Bibbia vediamo che il Signore ci dà gli Angeli che ci accompagnano, anche per difenderci, perché loro ci difendano da questa “politica” del diavolo, distruggere. Il diavolo vuole distruggere, come ha voluto distruggere Gesù. Ecco, questo ci ha salvato: Gesù. E per difenderci Dio ci ha dato gli Angeli che ci accompagnano. E il “capo” – per così dire – degli Angeli è San Michele». 

DEVIL

L’Apocalisse

Papa Francesco ha detto anche che «San Michele Arcangelo è colui che alla fine, nel Libro dell’Apocalisse – possiamo leggere nella Bibbia – è quello che combatte l’ultima battaglia contro il diavolo. E’ quello che fa cadere definitivamente il diavolo. Per questo noi benediciamo gli Angeli, per questo noi benediciamo San Michele. Benediciamo gli Angeli perché sono i nostri compagni di cammino. Benediciamo San Michele perché è lottatore e ti insegna, ci insegna a lottare contro il maligno, contro il nemico, che sempre crea delle insidie, delle cose per dividerci e per far cadere tutti noi».

Il Capo dell’Esercito

Secondo Papa Francesco Dio, dopo il peccato, «non ci ha lasciati soli: ci ha dato degli Angeli che ci accompagnino, che ci accompagnino durante tutta la vita. E ognuno di noi ha un compagno di viaggio, un Angelo che ci accompagna sempre. Non bisogna dimenticarsi di pregarli. E anche questo esercito degli Angeli ha un capo coraggioso, che è proprio San Michele: è lì con la spada – lo vediamo nell’immagine – uccidendo il diavolo, uccidendo quella bestia. Così sarà la fine del mondo: quando ci sarà la vittoria definitiva di Dio sul male. E sarà lui a guidare l’esercito degli Angeli in quella lotta finale».

SAINT MICHEAL
San Michele, l’angelo guerriero: è lo spirito celeste che ha combattuto contro il diavolo, in una battaglia durissima raccontata nell’Apocalisse.

Per l’invidia il diavolo è entrato nel mondo

Il Papa poi riporta la “battaglia finale” all’interno della nostra quotidianità.

«Pensiamo alla lotta finale e pensiamo alla lotta nostra di ogni giorno: ogni giorno dobbiamo lottare. Perché non è facile vivere oggi, non è facile la vita cristiana: sempre ci sono delle difficoltà… questo, quell’altro… la famiglia, i figli, i compagni di lavoro, la suocera, e tutto questo… Sempre ci sono difficoltà per dividere, per seminare il male. Per questo preghiamo San Michele, che vinca sempre il diavolo, che è quello che fa la divisione, che semina l’invidia. La Bibbia lo dice chiaro: per l’invidia, è entrato il diavolo nel mondo. E preghiamo anche l’Angelo che ci accompagna nella vita. Questa è una verità».

Tags:
san michele arcangelo
Top 10
See More