Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Eco-mafie, pedofilia, donne: così violiamo il Settimo Comandamento

PRAWA OFIARY PRZEMOCY

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/09/21

Secondo il cardinale Augusto Paolo Lojudice, queste sono manifestazioni “moderne” di questa violazione. Lojudice ne parla in un nuovo libro che si interroga sulla Legge di Dio

Eco-mafie, pedofilia, maltrattamenti alle donne: sono tutte violazioni del Settimo Comandamento, che recita “non rubare”. 

Secondo il cardinale Augusto Paolo Lojudice, queste sono manifestazioni “moderne” di questa violazione. Lojudice ne parla in un nuovo libro che si interroga sulla Legge di Dio, in un mondo che si professa ateo e che rifugge da ogni assunto universale di verità e giustizia.

Con lui, 10 Cardinali hanno preso “carta e penna” per offrire le loro riflessioni sull’attualità, punto per punto, dei precetti contenuti nei Dieci Comandamenti. Coordinati dal vaticanista Fabio Marchese Ragona hanno dato corpo a un volume originale: Dieci Comandamenti per Dieci Cardinali, disponibile nel catalogo delle Edizioni Ares di Milano (pp. 208, euro 16).

Divieto ma anche stimolo

I Dieci Comandamenti – che si trovano nelle pagine dell’Antico Testamento: nel capitolo 20 del libro dell’Esodo ai versetti 2-17, e nel capitolo 5 del Deuteronomio ai versetti 6-21 – sono il fondamento della morale biblica che regola l’alleanza tra Dio e l’uomo nell’Antico Testamento. 

I Comandamenti, per il popolo ebraico, non sono solo delle norme di comportamento, di azione, ma intendono – spiega il cardinale Lojudice – identificare una disposizione di fondo di fiducia e obbedienza verso Dio da applicare in tutti i campi della vita. Il Decalogo non è un solo un elenco di obblighi e di doveri. Ma, se accettato liberamente, vuole orientare il percorso di tutta la vita verso la fede nel Dio unico». 

In realtà, nel linguaggio semitico, «essi non hanno solo la funzione di vietare un comportamento in modo netto. Ma anche di stimolarne in forma altrettanto marcata l’aspetto positivo». 

Non rubare: incendi e alluvioni

Se il settimo Comandamento fosse considerato come difesa di ciò che è proprietà di tutti e fosse rispettato, secondo il porporato (che è anche arcivescovo metropolita della diocesi di Siena-Colle Val d’Elsa), «l’umanità non si troverebbe a fare i conti con le problematiche ambientali e sociali che oggi la sovrastano». 

Per esempio, «in un’Italia (e non solo) in cui da più di un anno non si parla altro che di COVID-19, si rischia di dimenticare i danni provocati negli anni da eventi atmosferici». Che hanno distrutto migliaia di ettari di boschi, allagato intere vallate, spazzato via case e strade, spezzato vite umane di ogni età. 

Il dito è puntato contro la malvagità della natura che, «senza guardare in faccia a nessuno, sembra abbattere la sua forza contro chi capita. Ma tanti fenomeni sono il frutto del surriscaldamento terrestre provocato anche da un eccesso di produzione di anidride carbonica. A sua volta conseguente al “furto” messo in atto da poche generazioni che nel giro di 150 anni hanno preteso di bruciare ciò che madre Terra ci ha messo milioni di anni a produrre». 

Le eco-mafie

Lojudice ammonisce sostiene che siano violazioni del Settimo Comandamento, «l’inquinamento della terra», le «“eco-mafie”». 

«Il Papa – afferma – ci dice che l’unico modo per uscirne è smettere di considerarci padroni e cominciare a concepirci come amministratori. Nessuno è padrone assoluto dei beni, bensì un amministratore della Provvidenza. Che, tradotto, significa cominciare a prendere consapevolezza che viviamo in un mondo dalle risorse limitate. E che dobbiamo amministrarle avendo sempre ben chiaro che, oltre a doverne lasciare per le generazioni che verranno, dobbiamo anche permettere ai tre miliardi di esseri umani impoveriti di uscire rapidamente dalla loro situazione di miseria»

Lo spaccio di droga e il Settimo Comandamento

Naturalmente il furto può avere mille volti, sottolinea il cardinale, «soprattutto in una società economicamente così complessa com’è la nostra». 

Una forma di violazione del Settimo Comandamento «è lo spaccio di droga che, rubando la vita, provoca un guadagno facile, illecito e mortifero. Bisogna metter fine ai furti di dignità, concretizzati dal pagamento ai lavoratori di salari inadeguati, l’estromissione dei pastori e contadini dalle loro terre, la fuga dei capitali nei paradisi fiscali, l’imposizione di regole draconiane agli Stati indebitati». 

Afghanistan
Sequestri di droga.

“Levare la dignità a una donna”

Così è furto «levare l’onore a un uomo, la dignità a una donna, la tranquillità a un famigliare, la fede a un credente, la paternità o la maternità a un nato, la speranza a un anziano, la moglie a un marito, l’affetto a un bisognoso (2 Sam 11, 2-4). Potremmo anche pensare a quell’infame furto che si consuma ai danni dei bambini, violando la loro intimità con la pedofilia, ma anche con una cattiva educazione o un’esistenza difficile, rubando a loro il futuro e spesso la stessa vita che avrebbero dovuto vivere». 

In questo periodo la pandemia da COVID-19, conclude Lojudice, «ha prodotto un altro furto molto pesante. Quello del “sorriso” che non riusciamo più a vedere e quindi a scambiarci. Ci auguriamo che questo tempo così cupo, così grigio, si concluda e possiamo nuovamente tornare a una vita normale arricchita da un’esperienza di “comunione mondiale” come non era mai accaduto nella storia».

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO “Dieci Comandamenti per Dieci Cardinali”

Tags:
dieci comandamenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni