Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Vaticano all’ONU: i cristiani sono il gruppo più perseguitato del mondo

Paul Richard Gallagher

RICCARDO DE LUCA / ANADOLU AGENCY / AFP

i.Media per Aleteia - pubblicato il 27/09/21 - aggiornato il 27/09/21

Monsignor Gallagher ha parlato alle Nazioni Unite del problema del razzismo contro i migranti e dell'eugenetica contro i disabili in occasione del 20° anniversario della Dichiarazione di Durban

“Molti migranti […] affrontano razzismo e xenofobia […] nel Paese di destinazione, anziché ricevere il sostegno di cui hanno bisogno”, ha denunciato monsignor Paul Richard Gallagher, segretario incaricato dei Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato della Santa Sede, il 23 settembre.

In un discorso alle Nazioni Unite, monsignor Gallagher ha anche criticato la “pratica insidiosa” di un’altra forma di discriminazione, l’eugenetica.

Il presule britannico è intervenuto nel contesto della commemorazione del 20° anniversario della Dichiarazione di Durban, che ha istituito un programma di azione multilaterale su “riparazioni, giustizia razziale e uguaglianza per le persone di origini africane”.

Il diplomatico ha ricordato che la Santa Sede combatte il razzismo e la discriminazione, ma che la lotta contro questi fenomeni non deve “servire come giustificazione perché gli Stati violino i diritti umani delle minoranze o censurino le loro opinioni”.

La soluzione, ha osservato, risiede soprattutto nella promozione di una “cultura dell’incontro, della fraternità e della solidarietà”, non nel “noi contro loro”.

I cristiani, i più perseguitati

La lotta contro la discriminazione razziale procede di pari passo con quella contro “l’intolleranza basata sull’appartenenza a una religione”, ha detto il vescovo, denunciando che chi perpetra queste discriminazioni nel mondo di oggi “gode spesso di totale impunità”.

Monsignor Gallagher ha ricordato che i cristiani sono attualmente “il gruppo più perseguitato del mondo”, e ha sottolineato che la mancanza di rispetto del diritto alla libertà religiosa e alle credenze è il precursore della violazione di altri diritti fondamentali.

Ha quindi descritto la natura discriminatoria della “mentalità eugenetica” che “spesso si nasconde dietro le tecniche di procreazione artificiale e i lati oscuri delle diagnosi prenatali”.

Il mancato rispetto dei diritti degli esseri umani “per motivi di disabilità, sesso o altre caratteristiche”, ha concluso, consacra princìpi di discriminazione totalmente opposti ai valori affermati nella Dichiarazione di Durban.

Tags:
cristiani perseguitationu
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni