Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Quando la Vergine Maria fermò la lava dell’Etna

WEB-Volcano eruption. Mount Etna erupting from the crater Voragine – shutterstock_354902900

© Wead/Shutterstock

Maria Paola Daud-Spain - pubblicato il 24/09/21

Il sacerdote salì su una roccia con la statua della Vergine. Quello che accadde in seguito può essere definito un miracolo

Accadde il 6 gennaio 1865. Dopo un’eruzione dell’Etna, la lava stava scendendo verso il paese di Vena. Tutto era perduto. Il sacerdote del luogo salì su una roccia con la statua della Vergine e pregò intensamente la Beata Madre.

Iniziò a soffiare un vento furioso, come se volesse colpire la Vergine, ma poi all’improvviso tutto si calmò. Si verificò il miracolo, qualcosa, una mano “onnipotente”, frenava la lingua di lava, la grande forze della natura.

Così ricorda uno scritto dell’epoca:

“Dopo un’eruzione improvvisa, un imponente flusso di lava, che partiva dai monti Sartorius, arriva al distretto di Giretto e minaccia il paese di Vena, arrivando a meno di un chilometro dal santuario. Non si possono descrivere il panico e lo spavento che hanno invaso gli abitanti di Vena. La speranza di quei buoni e fervidi cristiani, però, non è venuta meno: hanno fatto ricorso alla Vergine, l’onnipotente Madre di Dio, e l’hanno portata in processione verso la lava che minacciava con distruzione e morte, non la Santa Icona, ma una statua di legno della stessa Madonna di Vena che si venerava nel santuario, su immagine del dipinto di San Gregorio Magno.

Sulla terra scendeva il crepuscolo vespertino, e i riflessi rossicci di quel fiume immenso e incandescente formavano in quel tratto di cielo come un lago di sangue. Il reverendo Cantone, che aveva preceduto i suoi fedeli, salì su una roccia sporgente, che gli servì da pulpito, e da lì incitò ancora una volta, tra i singhiozzi dei suoi fedeli, al pentimento e alla preghiera fiduciosa alla Vergine.

All’improvviso si leva un vento furioso che con tremendi mulinelli si trascina sulla lava ardente fino a colpire la statua della Vergine arrossandole il volto. Un grido di pietà e di misericordia sorge spontaneamente dalla folla presente! Dopo qualche secondo torna la calma, e con calma la lava, come fermata da una mano onnipotente e invisibile, si blocca. Il prodigio, il grande e innegabile prodigio, era stato ottenuto: quei bravi fedeli hanno continuato ad essere padroni delle loro piccole vigne e delle loro case. Quella statua, da quel giorno, è stata chiamata ‘Madonna del Fuoco’”.

Questo è ciò che si legge negli atti storici del Santuario di Santa Maria della Vena (Madonna della Vena), situato a Vena, Piedimonte Etneo.

Il santuario e il suo primo miracolo

Il santuario, come la città, è molto antico, ed è sorto per un altro miracolo avvenuto grazie alla Vergine Maria.

Si verificò nel 597, quando dei monaci basiliani, fuggendo dalle persecuzioni, decisero di nascondersi sulle vette dell’Etna, portando con sé un quadro della Vergine dipinto su una tavola di cedro.

Una leggenda racconta che la mula che portava il quadro a un certo punto si fermò e iniziò a scavare a terra con gli zoccoli, e in quel punto apparve una vena d’acqua.

I monaci ritennero quell’evento un segno divino e decisero di fermarsi nel luogo indicato dalla mula.

Lì, con il consenso di Papa Gregorio Magno, fondarono il monastero gregoriano di Vena.

La devozione alla Vergine divenne così popolare che molti decisero di rimanere lì vicino, e in poco tempo sorse così il paese di Vena.

Fonte: santuariodellavena.it, siciliafelix.it

Tags:
miracolosiciliavergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni