Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere niente della Chiesa

SHEPHERDS

ana erb | Flickr CC BY-NC-ND 2.0

José Miguel Carrera - pubblicato il 23/09/21

“Perché un figlio possa decidere di tornare a frequentare la Chiesa, deve sviluppare le proprie motivazioni”

Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono sapere più niente della Chiesa è stato il tema di un importante commento condiviso da padre Wellington José de Castro sulla sua rete sociale.

“Al giorno d’oggi”, ha scritto il sacerdote, “sicuramente con una frequenza molto superiore rispetto al passato, non è difficile trovare genitori cristiani che soffrono per il fatto che i figli, influenzati da tanti mezzi, decidano di non andare più in chiesa e di non voler sapere più niente di Dio. Anche quando sono cresciuti in brave famiglie, i figli a volte si ribellano o si sviano, e i genitori sentono di aver in qualche modo fallito”.

“È innegabile che le ‘attrazioni’ del mondo mondano, con le sue false verità, che attaccano i valori morali e cristiani (per quanto riguarda aborto, famiglia, sessualità…), abbiano generato un’enorme confusione nella mente delle persone, soprattutto di quelle meno preparate. La scuola, gli amici, Internet – con i suo (de)formatori di opinione, youtubers – sono diventati, per molti aspetti, veri nemici di quei genitori che cercano di educare i figli nella fede cristiana, basandosi su valori come fedeltà, santità, rispetto della vita dal concepimento alla morte, castità, donazione, indissolubilità del matrimonio, generazione di figli…”

Figli che si allontanano dalla Chiesa

Il sacerdote ha proseguito:

“Questi genitori si vedono quindi impotenti di fronte alle posizioni dei figli, che si nutrono di notizie, articoli, libri e video non di rado in disaccordo con quello che insegna la Santa Madre Chiesa e allo stesso tempo cominciano a mettere in discussione la formazione ricevuta dai genitori, visto che gli amici ‘riempiono loro la testa’ con divagazioni e tesi che alla fin fine cercano di negare l’esistenza di Dio e la necessità della Chiesa: innanzano bandiere femministe, di genere e LGBT, deridono gli insegnamenti dei Papi (principalmente quando, purtroppo, mancano testimonianze) e finiscono per allontanarsi, provocando quasi sempre una crisi familiare. In questi casi, è comune che i genitori perdano la pazienza e la carità nei confronti dei figli, adolescenti o meno.

Come punto di vista personale, penso che non si debba agire in questo modo. I genitori devono invece cercare di essere pazienti, per quanto sia difficile. Capisco che sia frustrante provare a parlare con qualcuno che sembra ignorare la saggezza che gli si vuole trasmettere. Nella maggior parte dei casi, un ragazzo può impiegare molto tempo per comprendere tutta la situazione e quello che gli è stato detto. Non si deve quindi aumentare il problema costringendolo a prendere una decisione immediatamente. Perché possa decidere di tornare a frequentare la Chiesa, ha bisogno di sviluppare le proprie motivazioni. E questo può richiedere del tempo”.

Tempo e preghiera

Ma cosa fare allora con i figli che non vogliono sapere più niente della Chiesa?

Ecco cosa pensa padre Wellington:

“È quindi importantissimo per i genitori mantenere la calma. I figli possono sfidare le loro convinzioni più profonde, forse per la prima volta nella vita. È facile e comprensibile essere irritati, disperati e inquieti e sentire di aver fallito nel processo educativo, ma è importante resistere a questa tentazione e affrontare questa situazione in modo molto più facile.

Penso che l’insegnamento di Santa Monica, che ha pregato per tanti anni per la conversione di suo figlio confidando non nelle proprie parole o nella propria forza, ma nell’azione di grazia di Dio, sia un grande esempio di perseveranza nella preghiera da imitare, visto che ‘quelli che sperano nel Signore acquistano nuove forze’ (Is 40, 31) e che ‘se credi vedrai la gloria di Dio’ (Gv 11 ,40)”.

Tags:
chiesagenitori e figli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni