Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Il messaggio di Nice contro l’infibulazione ci riguarda (purtroppo) da vicino

Shutterstock|Di pixelheadphoto digitalskillet

Giovanna Binci - pubblicato il 21/09/21

Nice Leng'ete è una donna Masai scappata dal suo villaggio in Kenya a nove anni per non subire mutilazioni genitali. Con la sua storia ha salvato dal "taglio" ventimila ragazze. Meno due bambine di Piacenza.

Che la battaglia di Nailantei Leng’ete(Nice) non sia solo per l’Africa ce lo conferma una recente notizia di cronaca che viene da Piacenza

Infibulazione in Italia

Due bambine, figlie di migranti, sono tornate dalle vacanze nel paese di origine dei genitori infibulate

Questa è solo l’ultima (e purtroppo temo non ultima) storia di minori portate all’estero dal nostro paese per subire mutilazioni dei genitali vietate in Italia

L’infibulazione, pratica a cui sono sottoposte le donne soprattutto originarie di Egitto, Somalia, Corno d’Africa, Yemen, Guinea, Mali, sud est asiatico e Nigeria, è vietata e punita dal codice penale del nostro paese con reclusione da quattro a dodici anni grazie a una legge del 2006. Questo anche se il reato è commesso all’estero.

Il padre delle due bambine è stato arrestato mentre pare sia stata proprio la mamma delle piccole a denunciarlo. La procura indaga per capire se la donna fosse già a conoscenza delle intenzioni del marito prima della partenza (fonte skytg24). 

Di certo una magra consolazione dopo la violenza subita, ma comunque un importante segnale che ci dice che qualcosa sta cambiando. E il cambiamento sta partendo proprio dalle stesse donne. 

Ecco perché è ancora più importante l’attività di sensibilizzazione di ragazze come Nice. 

La storia di Nice

Orfana masai, Nice viene da un villaggio al confine tra Kenya e Tanzania dove la pratica dell’infibulazione è segno di appartenenza e inclusione nella comunità stessa. Ecco perché, dopo essere stata aiutata dalla sorella a scappare per non sottoporsi alla mutilazione dei genitali a nove anni, per lei inizia una vita da vera reietta.

Emarginata per quella sua volontà di non sottomettersi a una pratica non solo barbara nel suo intento psicologico di sottomissione e riduzione della donna a oggetto, ma anche dolorosa. Soprattutto se si pensa che nel corso della loro vita le donne o meglio bambine, dato che si comincia dagli otto giorni di vita, possono essere sottoposte a più infibulazioni (spesso “il taglio” che restringe il canale urinario va riaperto, ad esempio, per facilitare il parto) o se si considerano i rischi per la salute: infezioni continue delle vie urinarie, rapporti sessuali dolorosi per non parlare delle tante che muoiono nell’intervento. 

View this post on Instagram

A post shared by Nice Nailantei Leng’ete (@nicelengete)

Nice non si arrende: è convinta, come scrive su Instagram, che sia necessario cambiare questa cultura da dentro. Così comincia la sua rivoluzione. Quella che la porterà tra le cento donne più influenti al mondo secondo il Times e ad essere ambasciatrice mondiale di Amref Health Africa contro le mutilazioni genitali femminili. 

Un libro per lanciare un messaggio: no all’infibulazione

Oggi, la sua storia di bambina e donna coraggiosa è raccontata in un libro edito Piemme: “Sangue. La storia della ragazza masai che lotta contro le infibulazioni“.

Quella storia ha salvato dal taglio quasi ventimila ragazze, si legge su Vanity FairMeno le due bambine di Piacenza. 

Ecco perché non possiamo fermarci nel denunciare e far conoscere che c’è un’altra possibilità. Anche un “A Nice Place“: un luogo sicuro dove poter scappare che Nice sta creando per dare a queste donne e bambine il conforto e il sostegno che a lei è mancato nel dire “no” a infibulazioni e matrimoni forzati

La consapevolezza del proprio valore e dei propri diritti, primo di tutti quello di essere rispettate come persone e non merci da matrimonio, è il primo passo:

“Oggi”, dichiara Nice, che adesso ha 29 anni, “lotto affinché ogni ragazza possa diventare la donna dei propri sogni… proprio come me”.

Vanity Fair

I dati parlano chiaro: quella contro le mutilazioni genitali è una battaglia ancora da vincere. Save The Children parla di duecento milioni di vittime di questa pratica. 

La stessa Amref 

“considerata la velocità alla quale sta crescendo la popolazione in Africa ritiene che saranno ben 68 milioni coloro che subiranno una forma di mutilazione genitale entro la fine del 2030″.

(Il Messaggero

Il sogno di libertà di Nice per tutte le donne deve essere anche il nostro. Perché prendersi cura dell’infanzia e dei diritti calpestati a qualunque latitudine non sia solo una questione di paese o di etnia di appartenenza. 

La storia delle bambine di Piacenza ci dimostra che anche in mezzo alla così detta “civiltà”, lontani dalle tribù, è sempre sulle persone e sui valori che si portano dentro, che non bisogna smettere di lavorare.

Tags:
mutilazioni genitali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni