Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

“I mostri vicino alla culla”. La prima volta che Padre Pio vide il diavolo

©MP | Portfolio | Leemage

Padre Pio cammina tra i fedeli con un calice. Anni Sessanta.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/09/21

Il frate con le stigmate era bambino e sua madre provò a rassicurarlo. Ne parlò, da adulto, anche al suo direttore spirituale, padre Benedetto da San Marco in Lamis

Padre Pio fu assaltato dal diavolo sin da bambino. Ci sono numerose testimonianze che riportano queste aggressioni violente che il futuro santo subiva. Racconti scioccanti che Don Marcello Stanzione riporta nel libro “L’universo demoniaco” (Sugarco edizioni). 

I mostri

Alla figlia spirituale Cleonice Morcaldi, Padre Pio rivelò: «Ricordo che tanti mostri si mettevano intorno alla culla per spaventarmi ed io strillavo». 

Anche al suo direttore spirituale, padre Benedetto da San Marco in Lamis, Padre Pio descrisse le continue apparizioni del diavolo: «Mia madre spegneva il lume e tanti mostri mi si mettevano vicino ed io piangevo. Accendeva il lume ed io tacevo perché i mostri sparivano. Di nuovo lo spegneva e di nuovo mi mettevo a piangere per i mostri». 

DEVIL

Al ritorno da scuola

Ma pure di giorno, secondo la testimonianza del maestro don Nicola Caruso, il piccolo era perseguitato «da un uomo vestito da prete, che al ritorno da scuola lo aspettava sulla soglia di casa e non lo voleva fare entrare. Allora Francesco si fermava, veniva un ragazzino scalzo, faceva un segno di croce, il prete spariva e il bambino, sereno, poteva finalmente rientrare».

Il noviziato e la nuova aggressione

Per Padre Pio nel 1903, a 16 anni, era iniziato il tempo del noviziato, un periodo segnato finalmente da una tregua negli assalti diabolici. Ma il silenzio si interruppe bruscamente mentre si trovava nello studentato di Sant’Elia a Pianisi. 

Odore di zolfo

Egli stesso raccontò quanto gli accadde nel settembre 1905: «Una notte sentii dei rumori che mi sembravano provenire dalla cella vicina. «Che farà a quest’ora fra Anastasio?”, mi dissi; e pensando che vegliasse in adorazione mi misi a recitare il rosario. C’era infatti tra noi una sfida a chi pregava di più e io non volevo rimanere indietro. Continuando però questi rumori, anzi diventando sempre più insistenti volli chiamare il confratello. Si sentiva intanto un forte odore di zolfo». 

Il salto dell’animalaccio

«Mi sporsi dalla finestra per chiamare – proseguiva Padre Pio – le nostre due finestre erano così ravvicinate che ci si poteva scambiare libri o altro sporgendo la mano. “Fra Anastasio”, chiamai senza alzare troppo la voce. Non ottenendo risposta, mi ritirai. Ma quale non fu la mia sorpresa quando dalla porta vidi entrare un grosso cane dalla cui bocca usciva tanto fumo. Caddi riverso sul letto e udii che diceva: “È iss” (è lui). Mentre ero in quella postura, vidi l’animalaccio spiccare un salto sul davanzale della finestra, da qui lanciarsi sul tetto di fronte, per poi sparire».

Una persecuzione, quella del demonio, che accompagnò tutta la vita di Padre Pio. Un tormento continuo che si aggiungeva alle altre sofferenze patite dal frate con la stigmate, fino alla sua morte, avvenuta il 23 settembre 1968. 

Tags:
padre pio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni