Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Come preparare i figli all’inizio del catechismo?

COMMUNION

Marko Vombergar | Aleteia

Merche Crespo - pubblicato il 21/09/21

La catechesi di preparazione alla Prima Comunione non è un'attività extrascolastica come tante. Per i bambini significa scoprire il tesoro dell'Eucaristia

Inizia un nuovo corso, e noi famiglie ci organizziamo per conciliare al meglio gli orari di grandi e piccoli per trovare una compatibilità tra tempo dedicato allo studio e al lavoro e tempo in famiglia.

Tra le attività dei piccoli di casa, c’è forse anche l’inizio della catechesi per la preparazione alla Prima Comunione, un periodo più o meno lungo in base alla diocesi in cui i bambini ricevono la formazione necessaria e adatta alla loro età per accostarsi per la prima volta all’Eucaristia.

COMMUNION

In questo caso, come genitori che vivono una fede coerente e impegnata, dovremmo trasmettere ai nostri figli una serie di idee:

  • La catechesi che sta per iniziare non è un’attività extrascolastica come tante, e quindi bisogna darle priorità sulle altre attività, non inserirla nel buco della settimana che resta libero.
  • A catechismo insegneranno, come facciamo in casa, a mettere Gesù al primo posto. Il bambino imparerà a trattare Gesù, ad avere un incontro personale con Lui.
  • Bisogna quindi prepararli per l’occasione: arrivare puntuali in parrocchia, salutare il parroco, il catechista e i compagni di gruppi e far sì che si abbia nella testa e nel cuore il desiderio di salutare in qualche momento Gesù nel tabernacolo.
  • Come genitori che vogliono dare l’esempio, dobbiamo mostrare davanti ai bambini un vero entusiasmo nei confronti di Gesù e contagiarli con la fede che possediamo, crediamo e viviamo. I nostri figli devono notare che Gesù riempie il cuore e la vita.
  • Come quando andiamo alla Messa domenicale cerchiamo di assistervi con tutta la famiglia ben sistemati per l’occasione, anche quando si va a catechismo bisogna “essere presentabili” e bendisposti.
  • Visto che in genere la catechesi si svolge in parrocchia, sarebbe auspicabile che ogni bambino vada nella sua parrocchia, in cui è già conosciuto dal parroco, dai catechisti e dalle altre famiglie. Lì il bambino si sente accolto e a suo agio. In questo modo si costruisce la comunità.
  • Come con qualsiasi altra attività, la catechesi richiede un materiale minimo per potersi realizzare. Come se ci si iscrive a basket si ha bisogno di scarpe sportive adeguate, per andare a catechismo servono i libri e il materiale che aiutano ad avvicinarsi a Dio.
  • Bisogna anche stringere un rapporto cordiale con il catechista del proprio figlio, come a scuola si parla con i professori o con l’allenatore dello sport che pratica.
  • Anche se il catechista non è né professore né allenatore, è molto di più! È la persona in cui riponiamo la fiducia nel fatto che scopra agli occhi di nostro figlio il suo cammino di fede.

In definitiva, noi genitori siamo i primi responsabili della trasmissione della fede ai nostri figli. La nostra famiglia è la nostra chiesa domestica, e la parrocchia, soprattutto quella a cui apparteniamo, ma anche la Chiesa in generale, può e deve aiutare le famiglie a catechizzare i bambini.

È forse questa la nuova sfida che affrontano le parrocchie in questo momento: dare valore e un ruolo alle famiglie nella missione evangelizzatrice.

Per questo, è possibile che le parrocchie debbano cambiare il formato della catechesi per aiutare i genitori ad essere i primi catechisti dei loro figli. Per riuscirci, non c’è nulla di meglio e più adeguato che iniziare una catechesi familiare.

Tags:
catechismoprima comunione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni