Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 14 Agosto |
San Massimiliano Maria Kolbe
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Intervista: i talebani hanno ucciso i genitori di questo cristiano afghano

AFGHAN

Wandel Guides | Shutterstock

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 20/09/21

Aiuto alla Chiesa che Soffre ha intervistato Ali Ehsani, che ha lasciato l'Afghanistan dopo che i suoi genitori sono stati uccisi per la loro fede


Ali Ehsani ha 38 anni ed è avvocato. Dopo un percorso molto lungo e difficile è arrivato in Italia a 13 anni, da solo. Aveva lasciato l’Afghanistan dopo che i suoi genitori cristiani sono stati uccisi per la loro fede. Anche il suo unico fratello era morto. In Afghanistan viveva la sua fede nella segretezza più assoluta.

Da bambino si considerava “normale”, uguale ai suoi amici, tutti cresciuti in famiglie musulmane. Ma non era così. Anche se non ne era consapevole, Ali era cristiano. I suoi genitori non parlavano mai apertamente della loro religione perché pensavano che lui li avrebbe involontariamente traditi. Ricorda come sua madre tenesse sempre un posto vuoto a tavola nel caso in cui qualche bisognoso andasse a chiedere da mangiare.

Raquel Martín, di Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), ha intervistato questo cristiano afghano la cui vita è stata modellata dall’aspirazione a seguire Cristo e ad essere perseguitato per questo.

Come hai scoperto che la tua famiglia era cristiana?

Quando avevo 8 anni sono andato a scuola, e i miei compagni mi hanno chiesto perché mio padre non andava alla moschea a pregare. Sono tornato a casa e l’ho chiesto a mio padre, e lui ha detto: “Chi lo ha detto?” Mio padre mi ha detto che non dovevo dire a nessuno che eravamo cristiani. Mi ha spiegato che i cristiani andavano in chiesa, ma lui aveva smesso di farlo perché temeva che io sarei andato a raccontare della nostra fede e la gente l’avrebbe scoperta.

Cos’è accaduto allora?

Alla fine la gente ha scoperto che eravamo cristiani. Un giorno sono tornato a casa da scuola e ho visto che i talebani avevano distrutto la nostra casa e ucciso i miei genitori. Mio fratello ed io siamo stati costretti ad abbandonare l’Afghanistan. Lui aveva 16 anni, io 8. Il viaggio ha richiesto cinque anni. Ho descritto la nostra odissea nel libro Tonight we look at the stars. È stato un viaggio difficile che ci ha portati attraverso Afghanistan, Pakistan, Iran, Turchia e Grecia, fino ad arrivare in Italia. Mio fratello è morto nel tragitto.

Con il fratello ha preso una barca per raggiungere le coste della Grecia. Mohammed non ce l’ha fatta. Ali si è salvato aggrappandosi a un contenitore di benzina. In quel momento, ha detto ad ACS, ha pensato “Se Gesù esiste, mi salverà dall’annegamento”. Era completamente solo ad appena 11 anni. Quando è arrivato in Italia, sapeva esattamente cosa voleva fare: avrebbe studiato Giurisprudenza, per poter difendere i deboli e aiutare chi aveva sofferto come lui.

Non ha mai dimenticato le sue radici afghane. Ha contattato una famiglia cristiana che viveva segretamente la propria religione nella sua patria e l’ha sostenuta nella fede.

  • 1
  • 2
Tags:
afghanistanpersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni