Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Von der Leyen su Bebe Vio: «Lei è l’anima dell’Europa e del suo futuro»

YVES HERMAN / POOL / AFP

Paola Belletti - pubblicato il 17/09/21

La nostra Bebe, campionessa paralimpica e testimonial di tenacia e positività, invitata dalla Presidente della Commissione europea e proposta come modello e ispirazione per l'Europa.

Standing ovation per Bebe

Non vedeva l’ora di tornare a sedersi, Bebe Vio, una volta presentata con tutti gli onori e la calorosa ammirazione della Presidente Ursula Von Der Leyen e accolta da una standing ovation di lunghi applausi.

“Bebe ha superato così tanto nonostante la sua giovane età. La sua storia è veramente un contrasto delle avversità, lei ce l’ha fatta attraverso il talento, la tenacia, il suo è un atteggiamento positivo, è una paladina dei valori in cui crede, ha raggiunto i suoi risultati applicando il suo credo: se sembra impossibile allora può essere fatto, lei è l’anima dell’Europa e del suo futuro”.

Ansa

Non sapeva dove mettere le mani, sì le sue protesi hanno svolto egregiamente anche il servizio di mostrare il suo comprensibile imbarazzo: incrociate, a toccarsi il sopracciglio, appese alle tasche, dietro la schiena.

Una forza eccezionale

Adorabile, davvero, questa ragazza che, con il suo fisico asciutto e temprato dal continuo lavoro atletico, le sue cicatrici esposte ma non esibite, il viso attraversato da segni ma tutto riassunto nel suo sguardo vivace, lascia intravvedere un’anima non comune.

Bella, Beatrice, e sicuramente adattissima a rappresentare un modello, una fonte di ispirazione, e a divenire la beniamina di tutte le cause apparentemente impossibili e gli ideali ardui ma meritevoli dei nostri sforzi.

Si capisce dalla mimica e dai movimenti delle labbra sotto la mascherina che chiede soccorso e lo racconta lei stessa, commentando l’episodio: quando si avvicina a Gentiloni lo fa per chiedere aiuto, perché la sostenga in questo “momento botola” (quando cioè si è sotto gli occhi e l’attenzione di tutti e non si desidera altro che si apra una botola sotto i nostri piedi per sparirvi all’interno).

La visione per il futuro dell’Europa

La presidente della Commissione europea ha pronunciato il suo discorso programmatico l’altro ieri, mercoledì 15 settembre, davanti al Parlamento europeo, emiciclo nel quale ha voluto fortemente che fosse presente anche la nostra Beatrice Vio.

Ogni discorso pubblico, soprattutto se deve motivare decisioni e cambiamenti non indolori, ma anche quando deve disegnare l’orizzonte di grandi imprese, ha bisogno di immagini forti, di metafore e ancor più di testimoni credibili.

Qual è l’anima dell’Unione?

La Von Der Leyen ne è sicura: quest’Europa ha un’anima, l’ha vista sottesa a tutti gli sforzi messi in campo per contrastare la pandemia, ne ha sentito la mancanza quando l’Occidente si è ritirato dall’Afghanistan.

Cita anche uno dei padri fondatori della casa europea, Robert Shuman che dichiarò: “l’Europa ha bisogno di un’anima, di un ideale e della volontà politica di servirla”.

Ma quali sono i tratti di quest’anima tanto evocata, quali gli ideali che la abitano?

Difesa militare, investimento sui giovani, diritti civili

Se stiamo ai contenuti del discorso, ciò che emerge è l’intenzione di costituire una difesa militare comune; una politica estera forte e unitaria; di investire sui giovani, di garantire diritti (quali, però? I cosiddetti diritti civili imposti dall’agenda progressista?).

Transizione verde, conti in rosso?

Arrivano anche conferme entusiastiche al cammino di transizione ecologica in atto, che invece lascerà segni rossi su cittadini e imprese per le scudisciate degli aumenti di prezzo delle materie prime, gas in primis, se l’azione dei governi non ne attutirà il colpo.

Insomma, prima di cedere al giusto compiacimento per la scelta della giovane, tenacissima Bebe come tedofora della fiamma che arde nel cuore d’Europa, dobbiamo considerare con prudenza a quale tipo di anima si riferisca la Presidente. Certo, è solo un discorso e non può contenere né esprimere in toto la visione politica di un’istituzione tanto complessa come l’Unione. Emergono però senza dubbio i tratti più distintivi di un identikit che si vuole sempre più dettagliato.

Tenacia davanti alle avversità. Ma non basta

Nell’additarla intende significare una forza volitiva, una positività tenace, il desiderio di superare le avversità, di compiere l’impossibile, soprattutto se è generalmente giudicato tale. E di questi valori, è vero, Bebe Vio sembra la personificazione; non c’è dubbio: è esempio, ispirazione e modello da proporre.

Lei stessa, quando racconta la malattia che l’ha portata ad un passo dalla morte, la prima e non ultima volta, e poi l’esito terribile delle amputazioni, non lo nasconde: desiderava morire. Fino ad una svolta, ad un guizzo dello spirito ed alla novità dello sguardo che si è trovata liberamente ma quasi irresistibilmente ad abbracciare: la vita è una “figata pazzesca”.

E lo ha detto dal fondo della sofferenza, dall’inizio della china che doveva guadagnarsi tutta, non già dai podi che con grande merito si è via via guadagnata.

Dal rischio di morire alla medaglia d’oro

“Prendiamo Bebe come esempio di ispirazione, questa è l’anima dell’Europa e del suo futuro”.

Nel discorso riferisce di come l’atleta le abbia ha rubato il cuore, quest’estate, mentre la vedeva vincere in quel modo e sapendo quel che aveva passato solo pochi mesi prima; la stessa Von Der Leyen li misura in giorni. 119 giorni prima era uscita dall’ospedale dopo aver subito un intervento e aver corso il rischio concreto di morire. Ricordate? la stessa Beatrice lo aveva rivelato solo dopo aver cinto l’oro al collo e aver esultato con una forza ancora più intensa del solito: eccone il motivo, ci aveva spiegato. Ho rischiato di morire e invece ce l’ho fatta.

Nell’anima cristiana risuona un’altra voce

Bellissimo, grazie Bebe e grazie anche alla Presidente. Però proprio non basta, c’è qualcosa che non viene detto, una debolezza che non è ancora abbracciata in questa pur autentica commozione e solidarietà umana. Nemmeno Bebe vale solo perché ce l’ha fatta, nemmeno la sua bellezza è tutta solo nella resilienza di cui è campionessa (finalmente qualcuno che possa usare a buon diritto questa parola, abusata); il suo vero valore non è tutto nei successi, pure esaltanti. Evviva il talento, la tenacia e l’eccellenza, sono importantissimi. Eppure…

Al posto dell’espressione di Bebe, ripetuta in un chiaro ma buffo italiano da Ursula Von Der Leyen, “se sembra impossibile allora si può fare” l’anima cristiana, quindi profondamente umana, è abituata a lasciare risuonare l’eco di una voce non Sua che dice “Nulla è impossibile a Dio”: finalmente un po’ di compagnia in quest’anima che sembra debba solo tendersi in un continuo sforzo titanico.

Il valore di ciò che non è misurabile

Serve la difesa dell’uomo nella sua inviolabilità assoluta, dall’inizio alla fine, serve la promozione di un lavoro dignitoso per tutti, serve la difesa della cellula fondamentale della civiltà umana, la famiglia, serve la cura dei deboli, dei preziosissimi “improduttivi”, di chi nemmeno può pensare di farcela. Serve che rimettiamo al centro dei nostri valori ciò che precede ogni altro valore misurabile. Ne vedremmo delle belle, su tutti i fronti.

Tags:
donneeuropagiovani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni