Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Hanno perso le due figlie negli attentati di Parigi: “Non abbiamo conosciuto Dio fino alla loro morte”

FRANCE

GUILLAUME SOUVANT / AFP

Violeta Tejera - pubblicato il 16/09/21

Come hanno seguito il nuovo cammino di fede?

Hanno iniziato ad andare a Messa più spesso, e vari sacerdoti li hanno aiutati e accompagnati nel lorolo dolore. Dal 2016, dicono, hanno una vita di preghiera continua. Pregano insieme ogni mattina con la Bibbia, e poi separatamente altri 45 minuti ciascuno in una stanza. È una routine che hanno voluto stabilire e che dà loro speranza. Prima di dormire, Sylvine scrive alle figlie, prega e legge nuovamente la Bibbia.

Suo marito recita l’Angelus ogni giorno e prega la Santissima Trinità. Come dice, sono tre preghiere per ottenere forza, saggezza e misericordia. Entrambi partecipano anche come coppia a pellegrinaggi e soggiornano nelle abbazie.

Le figlie sono sempre presenti

Hanno una vita di silenzio e meditazione. Ricordano le figlie con ogni cosa e in ogni luogo, e affermano che anche se la sofferenza non è cambiata, la vivono meglio pensando che le figlie siano con la Vergine. Sanno che non ci saranno più ricordi e che non potranno mai diventare nonni, ma dicono che Anna e Marion saranno sempre con loro.

Ora, mentre a Parigi si celebra il processo contro i terroristi che hanno provocato 137 morti e 415 feriti nelle strade e nella sala Bataclan, Érick e Sylvine hanno deciso di pubblicare un libro.

Si intitola Attentats du Bataclan: l’espérance qui nous fait vivre (Gli attentati del Bataclan: la fede che ci mantiene vivi), ed è un racconto con cui cercano di avvicinare a Dio coloro che hanno subìto una disgrazia perché non restino nel vuoto di non sapere cosa fare. Loro, nel frattempo, cercano di andare avanti. La loro fede e il fatto di sapere che un giorno incontreranno di nuovo le figlie è l’unica speranza che nutrono.

  • 1
  • 2
Tags:
attentatoparigi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni