Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché non sono capace di perdonare?

Perdonare

Shutterstock/Surasak Ch

padre Carlos Padilla - pubblicato il 14/09/21

Non c'è nulla che sia sufficiente perché avvenga il perdono, né il pentimento del colpevole, né il suo castigo o la sua condanna

Mi è chiaro che il perdono è molto difficile. Tante volte perdono in nome di Gesù. È Lui che lo fa, non sono io. Io do solo voce alle Sue parole e compio con la mia mano il Suo gesto.

E do un perdono che non è mio, perché sono troppo piccolo e il perdono trascende le mie forze. Perdono mancanze e peccati con una facilità unica. È Dio che perdona, e io obbedisco soltanto.

Poi, però, quando qualcuno mi ferisce e mi danneggia, quando il rancore si insedia nella mia anima, l’impotenza si impadronisce di me. Non posso farlo, non sono capace di assolvere nessuno nel mio nome. Non riesco a perdonare dimenticando il rancore che mi danneggia tanto.

Qualcuno ha fatto un danno a me o a persone che apprezzo e ammiro. E mi ribolle il sangue dentro. E non sorge il desiderio di perdono, quanto piuttosto quello di vendetta.

Come posso arrivare a perdonare di cuore chi mi ha fatto del male? La ferita è aperta. L’odio che è sbocciato un giorno non viene mitigato dal tempo. Mi dicono che se perdono mi libero, e se non perdono resto incatenato a chi mi ha fatto del male.

È vero, non lo nego, ma la catena del rancore è troppo spessa. E quello che resta inciso nel cuore non è facilmente cancellabile. Non riesco a dimenticarlo.

Leggevo giorni fa:

“Perdonagli quello che ti ha fatto tanto male da farti reagire in quel modo, e fa’ quello che sai che devi fare perché ti perdoni. Non permettere che nulla te lo impedisca. Solo queste cose valgono la pena, il resto non vale niente”.

Perdonare ed essere perdonati. Sembra semplice, ma tutto questo è la chiave su cui si basa la vita dell’uomo. Una riva, quella del rancore e del ricordo pieno di dolore. L’altra riva, quella della pace che deriva dal perdonare e dall’essere perdonati.

Tra le due rive mi muovo inquieto sulla mia barca. Dall’una all’altra, quasi senza rendermene conto, le acque e il vento mi trascinano. Perdonare è così difficile… Ed è miracoloso che possano perdonarmi.

Quando la ferita non ha più rimedio, e quando non posso sviarmi dal cammino percorso, trattenere le parole pronunciate, spezzare i silenzi che fanno male, contenere i gesti violenti che irrompono da dentro.

Quando non c’è possibilità di fare marcia indietro è come se il perdono pretendesse di discolpare il danno provocato. E questo non è possibile. Ci sono sempre un colpevole e una vittima.

Cosa devo fare per meritare il perdono? Quale gesto riparatore è necessario perché si giustifichi il mio oblio o la pace dopo aver perdonato?

  • 1
  • 2
Tags:
perdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni