Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Maurizio
home iconFor Her
line break icon

Loretta Goggi esce dai social: concediamoci il lusso di distanziarci dall’odio

Mauro Fagiani / NurPhoto / NurPhoto via AFP

Giovanna Binci - pubblicato il 14/09/21

Insulti per il vestito, per il trucco, per aver cantato in playback: Loretta Goggi non ci sta e decide di chiudere i profili social. A noi che siamo immersi nella cultura digitale e non possiamo concederci il lusso di uscire resta una lezione: lasciamo cadere l'odio anche sul web e prendiamo le distanze dagli attacchi o dalle polemiche sterili.

Una volta “maledetta” era la primavera, ma da quando non ci sono più le mezze stagioni bisogna adattarsi e anche a Loretta Goggi è toccato un (triste) restyling del suo storico brano.

Maledetti social” sarebbe il titolo perfetto per l’ultimo pezzo di addio al web scritto dalla cantante e presentatrice direttamente sul suo profilo Facebook. No, nessun arrangiamento musicale o playback per cui è stata così duramente criticata dopo l’esibizione ai Seat Music Awards all’Arena di Verona. Solo un triste sfogo in prosa per salutare i fan e per congedarsi dal mondo virtuale, da cui però, leggendolo, trapela benissimo il tono di voce deluso e rassegnato della Loretta nazionale. 

Vestita come un pagliaccio, ridicola, un viso di plastica sono solo alcuni dei duri commenti sui profili social e il sito web della cantante che proprio a Verona festeggiava l’anniversario dei quaranta anni del suo brano più amato.

Non importa quanta esperienza hai: fa male 

Gli insulti feriscono. A tutte le età. Non importa da quanto tempo tu sia nella mischia o quante ne abbia viste. È impossibile passare sopra alla cattiveria. 

Ti si attacca addosso peggio dell’odore del fritto sui capelli e puoi censurarla come hanno fatto i social media manager sull’account della cantante, ma brucia maledettamente, per dirlo Goggi-style. 

Incassi il colpo, con eleganza, come ha fatto lei che di classe ne ha da vendere e poi prendi le distanze:

“Ho deciso di allontanarmi definitivamente dai social – sottolinea ancora – e dai relativi insulti che oltre a ledere la libertà di chiunque su come desideri vestirsi, pettinarsi o truccarsi (e guardando  bene le foto dei profili di chi li manda forse dovrebbe solo spolverare lo specchio, sempre che ne abbia uno in casa, ma dubito), offendono il comune senso del buon gusto”.

(Fonte Huffpost)

Mostrarsi vulnerabili non è cool

Mi ha fatto molta tenerezza vedere questa donna, con alle spalle una carriera che la dice già lunga e non ha nulla da dimostrare direi, sempre sorridente e con un temperamento forte e deciso, mettere in mostra la sua vulnerabilità. Scusarsi, giustificare e nel mentre difendere il suo essere anche “fuori moda” o fuori tempo per avere scampo dai “leoni da tastiera” sempre sul pezzo (di qualcun altro…). 

“…mi trucco da sempre da sola e mi piace quello scelto per quest’anno, inutile criticarlo no? Lo cambio secondo il mio spirito… Io non canto né incido più da anni, non saprei nemmeno in che modo avere una base moderna o aggiornata della vostra canzone del cuore. Mi sembrava comunque bellissimo esserci (come tanti altri, in playback o senza) per ricevere il riconoscimento a una canzone e a un’interprete che dopo 40 anni sono ancora nel cuore di milioni di persone”.

Dall’odio bisogna prendere le distanze

Una grande lezione. Perché se è vero che gli insulti fanno soffrire è anche vero che spesso, la cosa più difficile da fare davanti all’odio gratuito è proprio tacere ed evitare di diventare vittima dello stesso gioco perverso. 

Contro quei “commenti di una cattiveria, un’arroganza, una gratuità indescrivibili, tali da costringere il mio staff a cancellarne alcuni” difendersi ha poco a che vedere col rispondere a ogni hater e invece ha molto più a che fare col “non ti curar di loro“. Non solo perché è ciò che vogliono, ma perché continuerebbe a ferie noi, quell’odio che monta come l’albume delle uova quando fai le meringhe. 

È un attimo ritrovarsi una ciotola piena e non sapere più nemmeno dove è cominciato. 

Ci sono vittorie che non hanno l’ultima parola o la ragione in tasca

C’è lusso e lusso

Pochi di noi avrebbero il coraggio di fare un passo così definitivo uscendo da quei social che sono parte integrante della nostra vita. Loretta Goggi, forse anche perché non ancora così legata ai meccanismi digitali e appartenente a quel mondo fatto di incontri senza Zoom, telefonate invece che faccine Whatsapp e compagnia, si è concessa questo che a me sembra un lusso più dell’ultimo paio di Louboutin

Raccolgo l’ennesima lezione di “buon gusto”, come lo ha definito lei stessa, ed educazione di Loretta, ma soprattutto l’esempio di quel moderno e tanto di moda “self care” che, invece, non ha età:

l’odio non ci fa bene (ho il sospetto che aumenti anche la cellulite), abbiamo il coraggio di prendere le distanze

È un lusso che davvero tutti possiamo concederci. 

Tags:
social network
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni