Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Venceslao
home iconFor Her
line break icon

Si torna a scuola, cantiamo la vita un endecasillabo alla volta

BOYS, RUNNING, SCHOOL

VaLiza | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 13/09/21

L'augurio di Alessandro D'Avenia agli studenti:Dante era disperato e scrisse una Commedia fatta di canti. Cantare significa prendere fiato dentro ogni evento, affidarsi al ritmo naturale del respiro che ci strappa dalla tentazione di una frenesia soffocante.

Protocolli e materiale, sono queste le parole (ben poco magiche) che hanno assillato qualunque famiglia in cui c’è almeno un figlio che oggi comincia o ricomincia la scuola. Regole e quaderni, orari e biro, autodichiarazioni e merende. Fatto tutto? Allora siamo pronti per un nuovo inizio. Uhm, forse no.

Uno zaino vuoto

La comunicazione scolastica era stata molto chiara: “Il primo giorno di scuola gli studenti dovranno avere nello zaino solo astuccio e merenda”. Facilissimo. Eppure non mi sono fidata e ho cominciato a dire a mio figlio: “Forse ti servirà anche…”. E gli anche si sono moltiplicati. Andare a scuola con lo zaino vuoto è bello per lo studente e preoccupante per il genitore. Vorremmo essere sicuri di aver dato ai nostri figli tutto ciò che occorre. Ma cos’è poi che occorre davvero?

Astuccio e merenda, neanche un quaderno: era questo dettaglio che mi lasciava perplessa. Poi ho pensato che potevo leggerla come metafora educativa: la scuola è il tempo in cui il genitore ci mette la biro e l’insegnante ci mette il quaderno. Accompagno ogni giorno i miei figli ad avere una voce, ma è bello che possano conoscerla meglio seguendo le righe e i quadretti messi sul tavolo da altri. L’ansia però non tace: riusciranno a stare dentro i bordi? Ci sarà chi riuscirà a leggere la loro scrittura (e l’anima)?

Diciamolo. Avrei voluto lo zaino dei miei figli pieno di cose infilate dentro per quietare le mie preoccupazioni. Bisogna invece lasciarlo un po’ vuoto, cioé accogliente e spazioso. Un’avventura non si affronta con troppi chili sulle spalle, il peso fiaccherebbe i piedi troppo presto.

Al passo di Dante

Presa dalle mie ansie da primo giorno di scuola, è stato quasi immediato chiedermi: chissà che augurio di inizio anno scolastico avrà pensato Alessandro D’Avenia per i suoi studenti e lettori? La sua rubrica del lunedì sul Corriere è proprio un appello, uno sguardo che ci sottrae alla tentazione di spiegare e catalogare la realtà, invitandoci invece a darle il benvenuto.

E in occasione di questo ritorno sui banchi è stato davvero chirurgico, niente discorsi astratti ma una proposta molto operativa. D’Avenia invita a leggere integralmente in classe tutta la Commedia di Dante, un canto ogni due giorni ad alta voce come inizio della giornata (ci si impiega 10 minuti).

Chi non ascolta Dante ha meno occasione di esser felice, perché, come lui stesso scrive della Commedia: «Il fine generale dell’opera è distogliere coloro che vivono in questa vita da uno stato di miseria e condurli ad uno stato di felicità». In «questa» vita, dice.

Da Corriere
View this post on Instagram

A post shared by Alessandro D'Avenia (@alexdavenia)

Dante scrisse queste parole di suo pugno a Cangrande della Scala e sono la rivoluzione copernicana del suo poema. Chi legge il suo viaggio pensando che riguardi l’aldilà si perde l’essenziale. Il presente di ogni lettore è al centro della premura di Dante, perché è l’unico tempo in cui la libertà umana risponde alla chiamata di un destino che si mette a fuoco giorno per giorno. Il presente è la scuola che inizia ogni mattina, è la selva in cui Qualcuno ci chiama a seguire un sentiero. Anche Dante si ritrovò con uno zaino completamente vuoto nella selva. Non era pronto ad attraversare l’inferno, il purgatorio e il paradiso.

L’unica cosa che lo convinse a iniziare fu la certezza che dal cielo Maria gli aveva trovato dei compagni di viaggio. Nella vita reale il poeta era un esiliato senza casa, famiglia, speranze. Potremmo dire che non era sprovvisto solo di zaino, ma anche di penne, quaderni, diario. Doveva chiedere in prestito tutto a chi, di volta in volta, lo ospitava.

E questa può essere sia la premessa di una tragedia, sia di una commedia. Diventa commedia se il protagonista si libera del terrore del vuoto di domani e si fida delle briciole di bene che di giorno in giorno gli arrivano da Colui che move il sole e l’altre stelle. Questo respiro umano, quello di un uomo che impara a camminare su una strada non sua e guidato da presenze amiche, attraversa i canti di Dante anche senza saper fare la parafrasi e aver letto commenti critici approfonditi. E’ un respiro nel senso più concreto del termine.

La Commedia va ascoltata prima che capita, come il Requiem di Mozart Yesterday: li viviamo prima di capire le parole, perché dicono una verità carnale, che abbraccia (comprendere in latino significava abbracciare) tutto l’essere, non solo la mente. I nostri bisnonni sapevano a memoria la Commedia anche se analfabeti: la comprendevano anche senza note a pie’ di pagina. Se ne lasciavano impregnare (comprendere significava anche rimanere incinta) come da una musica che dava senso a caos e fatica. Perché? È scritta in endecasillabi.

Ibid.

L’endecasillabo è la voce di chi non ha paura

Si inizia inspirando, poi si espira. Per parlare si prende fiato, si accoglie qualcosa che viene da fuori. E il tempo in cui si pronuncia un endecasillabo è quello esatto di un nostro respiro, naturale e spontaneo. Non lento, non affrettato. Provare per credere.

Provate a leggere con calma (e magari imparare a memoria) i versi di Dante, anche senza capirli, ma seguendone il ritmo: non proverete affaticamento, anzi a poco a poco vi rilasserete. Sono i benefici di una respirazione accurata, liberata dalle tensioni continue della prosa quotidiana, come avviene in una preghiera. Se leggete Dante così, dopo qualche canto, anche se ancora non «capite», dentro di voi «comprendete»: «accadono» suoni, parole, pensieri, sentimenti… come avviene con la musica che Dante stesso, nel Paradiso, definisce un «rapimento» che precede il capire le parole.

Ibid.

La poesia è una risorsa salvavita, ossigeno puro. Prima di vivere l’esperienza più traumatica della sua vita (l’esilio), Dante scriveva prevalentemente in prosa. E lo faceva molto bene. Possiamo sintetizzare dicendo che era ottimo a raccontarsela, assomigliava a noi quando ci sfoghiamo sui social o con gli audio di Whatsapp. La prosa non ha interruzioni, può essere un flusso di coscienza infinito.

Quando la botta del dolore lo colpì duro, Dante abbandonò per sempre la prosa e cominciò a scrivere in poesia. Tecnicamente, si riempì di limiti: un verso può contenere solo 11 sillabe, nella terzina ci sono solo ed esclusivamente 3 versi e devono rispettare le rime. Perché? Perché aveva bisogno di respirare. La poesia non è più raccontarsela, correre a perdifiato per sfogarsi, urlare e avere l’ultima parola.

Scrivere in endecasillabi è ammettere che ogni 11 sillabe ci si ferma. Significa affidarsi a un tempo che ci salva dalle ossessioni egoistiche. La paura ci farebbe sempre precipitare in avanti, scappare dal presente che invece è uno stare. Ed è così che si sta nel mezzo del cammin di nostra vita: non si fugge, si sta alla fine di ogni giornata sospesi come la parte di riga vuota e bianca alla fine di ogni verso. La poesia è ricordarsi che è sommamente umano abitare il noto che costeggia il mistero dell’ignoto, stare in limine direbbe Montale.

La parte più coraggiosa dell’avventura è questo camminare in compagnia del limite, essere parte di una trama complessa – meravigliosa e dolorosa – che si scopre di passo in passo. Alla fine di ogni ora (e di ogni giorno) suona la campanella. Fermati, fidati di un tempo scandito da una Provvidenza che ti vuole pieno (di senso, di felicità, di domande, di vertigine) nel qui e ora, non solo a traguardo raggiunto.

Tags:
alessandro d'aveniadante alighieriscuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni