Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Venceslao
home iconNews
line break icon

La sfida dell’insegnante di religione: formarsi per formare

Oton Naglost | DRUŽINA

La catechesi in presenza deve seguire regole rigorose. Laddove non è possibile attuarle, meglio farla in digitale.

Ateneo Pontificio "Regina Apostolorum" - pubblicato il 13/09/21

di Giorgia Brambilla* e Matteo Vozza**

«Prof., a che mi serve questa materia?» – è la domanda che ogni Insegnante di Religione (IdR) si sente rivolgere in aula. In questa domanda c’è tutta quella ricerca di senso che ogni studente – ma potremmo dire ogni essere umano – ha nel cuore. Ed è per questo che l’insegnamento della Religione Cattolica si presenta come la disciplina scolastica chiamata ad avere come obiettivo principale quello di aiutare i ragazzi nella propria maturazione personale a dare senso alla propria esperienza e a elaborare ed esprimere il proprio progetto di vita.

Eppure, oggi, capita che l’IdR si abbandoni a quella visione generalizzata che lo vede come la “cenerentola” del mondo della scuola, quell’idea che considera il suo esserci solo come una “concessione” dello Stato italiano alla Chiesa cattolica a seguito del Concordato del 1929 e del 1984, quella convinzione fasulla che considera tale insegnamento una sorta di “catechesi scolastica” e, per di più, autoreferenziale in quanto è l’unica disciplina sottoposta a facoltatività.

La nostra società spesso dimentica che «la dimensione religiosa dell’esperienza umana svolge un ruolo insostituibile per la piena formazione della persona (..) portando al massimo sviluppo il processo di simbolizzazione che la scuola stimola e promuove in tutte le discipline, consente la comunicazione anche su realtà altrimenti indicibili e inconoscibili» [1]. Chi, poi, vorrebbe abolire l’ora di religione non tiene conto che «il confronto con la forma storica della religione cattolica svolge un ruolo fondamentale e costruttivo per la convivenza civile, in quanto permette di cogliere importanti aspetti dell’identità culturale di appartenenza e aiuta le relazioni e i rapporti tra persone di culture e religioni differenti»[2].

Insomma, all’IdR viene richiesto di qualcosa di veramente unico e speciale: formare persone, forgiare i cittadini di domani, contribuire alla realizzazione di una società sempre migliore curandone ogni piccolo mattoncino! E questo non come un lavoro “in solitaria”. Infatti, tenendo sempre presenti i documenti di riferimento e il contesto in cui si trova, egli è chiamato a impegnarsi sempre più nel costruire sinergie con gli altri elementi del corpo docente e con tutti gli organi scolastici. Ogni docente, qualsiasi materia insegni, dovrebbe sentirsi parte di un ingranaggio più grande, di una squadra che lavora in sinergia verso le medesime finalità, ciascuno con le sue proprie caratteristiche e con i contenuti propri della disciplina di cui si è titolari, in un’ottica non di competizione ma di collegialità. Tuttavia, nella pratica, si riscontrano impostazioni diverse riguardo al proprio ruolo di docente: alcuni concepiscono ancora l’insegnamento come una trasmissione individuale di un sapere da parte di un professionista del settore che non ha niente a che fare con gli altri colleghi. Si concepisce così un insegnamento a compartimenti stagni, suddiviso in tante discipline, perdendo di vista il raccordo verso una visione di unitarietà del sapere.

In tale scenario, i documenti in vigore mettono al centro l’azione dell’IdR: è proprio lui, infatti, che per la sua azione specifica, può promuovere efficacemente una sinergia tra i diversi componenti del consiglio di classe, strutturando percorsi interdisciplinari e favorendo un’azione condivisa verso obiettivi comuni. Questo richiama l’IdR, forse più ancora degli altri docenti, a lavorare con grande creatività, ideando innumerevoli percorsi trasversali per poterli raggiungere.

Per tale sfida diventa assolutamente necessaria un’attività di ricerca, di studio, di formazione permanente.

Ed è per questo che l’Istituto Superiore di Scienze Religiose dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (ISSR) si prepara a offrire, a partire da ottobre, la Terza Edizione del Corso di Formazione permanente per IdR “RELIGIONET. Il Corso nasce “dal basso”, cioè dal confronto quotidiano con il mondo della scuola e da due fondamentali convinzioni:

1. È fondamentale affrontare questa importante missione, “facendo rete insieme”, oggi infatti per le sfide che si pongono di fronte all’IdR, non è possibile stare nel mondo della scuola “da soli”;

2. È necessario continuare a formarsi dopo la Laurea, per poter offrire ai nostri studenti sempre il meglio, in modo da contribuire in modo positivo e importante alla loro crescita personale e culturale.

L’obiettivo di RELIGIONET è quello di offrire un aiuto agli IdR a mantenersi in costante aggiornamento, così da aiutarli a continuare a lavorare sullo sviluppo delle competenze specifiche richieste dal loro ruolo (competenza disciplinare, competenza psicologico-pedagogica, competenza comunicativo-relazionale, competenze digitali, competenza umana, etica e valoriale). Questo permette loro di saper padroneggiare situazioni, attivare metodologie, elaborare progettualità in modo sempre più efficace nei diversi contesti in cui sono chiamati ad agire.

RELIGIONETè anche uno spazio di incontro tra IdR, che favorisce uno scambio di esperienze e di idee e che costituisce un arricchimento reciproco fondamentale. La metodologia didattica del Corso lo evidenzia: alle conferenze degli esperti – scelti ogni anno tra i più grandi professionisti dell’ambito delle Scienze Religiose – segue sempre una sezione laboratoriale e di confronto tra docenti dei vari ordini e gradi scolastici, oltre che di tutta Italia. Infatti, il Corso, fruibile anche con la Carta Docente, può essere seguito in sede o online, sia in diretta sia in modalità asincronica.

Siamo convinti che proporre tale formazione sia un’esperienza fondamentale per tutti gli insegnanti di Religione; uno strumento ulteriore per “affrontare la sfida”.

————

*Coordinatrice Laurea Magistrale in Scienze Religiose (indirizzo pedagogico-didattico) dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

**Cultore della materia dell’ISSR – Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

1) Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, in «Annali della pubblica istruzione», Le Monnier, Firenze 2012, p. 84.

2) Ibidem

Tags:
ateneo pontificio regina apostolorumreligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni