Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconArte e Viaggi
line break icon

La Bibbia e i suoi simboli: il roveto ardente, manifestazione rovente di Dio

BURNING BUSH

Sébastien Bourdon | Public Domain

Philippe-Emmanuel Krautter - pubblicato il 08/09/21

Il roveto ardente, di cui si parla nel libro dell’Esodo, rappresenta uno dei simboli più potenti ed enigmatici della manifestazione di Dio agli uomini. Irradiamento straordinario negli occhi sbigottiti di Mosè, la sua simbolica del fuoco divino non ha mai cessato di interpellare i credenti.

L’episodio del roveto ardente sopraggiunge, nell’Antico Testamento, in un momento cruciale della storia del popolo di Israele. Mosè è appena stato cacciato dall’Egitto dal Faraone perché ha ucciso un Egizio che aveva colpito a morte un ebreo ridotto in schiavitù. 

Una nuova vita s’era allora imposta a Mosè, il quale trovò rifugio presso i Madianiti – tra le cui donne avrebbe trovato una moglie. Quest’uomo che fin dall’infanzia era stato tra i potenti della corte del Faraone si trovò a un tratto in testa a un semplice gregge, come riporta la Bibbia: 

Mosè era pastore del gregge del suocero Ietro, sacerdote di Madian. Egli condusse il gregge al di là del deserto e giunse al monte di Dio, all’Oreb. 

Ex 3,1 

Le vie di Dio sono impenetrabili – ricorda san Paolo in una delle sue epistole – e tale è l’esperienza che ne fece Mosè. La sua curiosità e la Provvidenza l’avrebbero condotto verso un arbusto, lì sulla montagna che poi sarebbe stata detta “di Dio”. Il roveto, precisa curiosamente il racconto biblico, era in fiamme ma non si consumava: 

Mosè si disse allora: «Andiamo a vedere che cosa straordinaria è questa: perché il roveto brucia ma non si consuma?» 

Ex 3,3 

La ragione umana si trova superata dall’evento inattuale, poiché a questo mondo il fuoco consuma, normalmente, ciò che avvince. Qui, invece, l’arbusto arde ma non si consuma: è un roveto ardente, è fiammeggiante ma non finisce in cenere. 

È per questa incoerenza agli occhi umani che la gloria di Dio si manifesta pienamente – cosa che chiamiamo “teofania”, vale a dire un’apparizione (o manifestazione) radiosa di Dio. Allo stesso modo il roveto ardente visto da Mosè era luminoso, ardente, ma non in modo devastante, come per dimostrare che troppo spesso le nostre categorie sono insufficienti a comprendere pienamente le vie di Dio. 

Simbolo della potenza divina 

Poiché però il roveto ardente rappresenta la potenza divina in tutta la sua forza e grandezza, Mosè si vide subito rivolgere un’ingiunzione importante: 

«Non avvicinarti qui! Togliti i sandali dai piedi, perché il luogo dove tu stai è una terra santa!» 

Ex 3,5 

La sacralità stessa di questo luogo montano, l’Oreb oltre il deserto, “la montagna di Dio” (precisa la Sacra Pagina), s’impone qui attraverso l’irraggiamento del fuoco divino promanante dal roveto ardente. Mosè fu allora indotto ad assumere un’attitudine rispettosa togliendosi i sandali e velandosi il viso per il timore di portare lo sguardo su Dio. Queste prescrizioni sarebbero poi state riprese in riti giudaici e cristiani – e ciò fino ai nostri giorni, perché la cappella del convento di Santa Caterina sul Sinai, fondato in Egitto nel VI secolo dall’imperatore Giustiniano, impone ancora oggi ai visitatori l’obbligo di scalzarsi prima di entrare nel luogo in cui il roveto ardente si sarebbe manifestato a Mosè. 

La vocazione di Mosè 

Sarebbe poi accaduto che proprio in un contesto tanto straordinario – l’apparizione di Dio a Mosè – a quest’ultimo sarebbe stata affidata una missione non meno straordinaria: 

«Io sono il Dio di tuo padre: il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe». 

Ex 3,6 

«Ho visto, ho visto la miseria del mio popolo che è in Egitto; ho ascoltato il suo grido sotto le sferzate dei suoi aguzzini: sì, conosco le sue sofferenze». 

Ex 3,7 

«Adesso dunque va’! Ti mando al Faraone: tu farai uscire dall’Egitto il mio popolo, i figli di Israele». 

Ex 3,10 

Due elementi-chiave della fede di Israele emergono dunque nel racconto biblico del roveto ardente: l’identità del Dio di Abramo e la vocazione di Mosè a guidare il suo popolo fuori dall’Egitto verso la Terra promessa. Il fuoco che si sprigiona dal roveto ardente dimostra che nulla è impossibile a Dio, e che un popolo in apparenza abbandonato da tutti può ancora sperare se sa ascoltare la voce divina. 

Non desta stupore, poi, che fin da subito i Padri della Chiesa abbiano accostato la Vergine Maria al roveto ardente, poiché ricevette il fuoco dello Spirito Santo e divenne madre senza perdere la verginità. Un parallelo che avrebbe ispirato moltissimi grandi artisti, come Nicolas Froment, nel XV secolo, il quale all’episodio dedicò un superbo trittico in cui la Vergine troneggia col Bambino Gesù nel cuore stesso del roveto. 

Buissant ardent
Nicolas Froment, Trittico del roveto ardente, Chiesa del Saint-Sauveur, Aix-en-Provence

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni