Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 26 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Medjugorje saluta mons. Hoser: “il nostro Vescovo polacco” e uomo di preghiera

Henryk-Hoser-EN_01257078_0001.jpg

Karol Porwich/East News

Iwona Flisikowska - pubblicato il 02/09/21

“L'arcivescovo Hoser è stato per noi un uomo incrollabile di preghiera. Spesso era rimasto in adorazione, in ginocchio, nella sua veneranda età, edificandoci tutti con la sua grande testimonianza di fede viva e autentica”

Medjugorje ricorda l’arcivescovo Hoser

“Dopo anni di rude comunismo nell’ex Jugoslavia, l’arrivo della Gospa 40 anni fa è stata la nostra salvezza. Anche se i bambini a cui apparve Maria, ebbero anche momenti difficili, perché furono ripetutamente interrogati dalle autorità di allora. Il parroco di S. Giacomo a Medjugorje, il frate francescano Jozo Zovko, che difendeva i bambini vedenti della Gospa, è stato arrestato e imprigionato per tre anni, picchiato e torturato. Sono stati mesi, giorni e anni difficili”.

“Quando tre anni fa papa Francesco ha inviato a noi l’arcivescovo Henryk Hoser, ci siamo subito resi conto di avere non solo un visitatore apostolico, ma soprattutto un buon pastore che si prende cura del suo gregge”.

Si può dire che Medjugorje è stato il culmine della vita e del ministero sacerdotale dell’arcivescovo Hoser. Com’era qui al “Villaggio della Madonna”?

Come un padre preoccupato, esigente, ma pieno di gentilezza e apertura. Sostenendo con una buona parola, ma anche con azioni concrete, i residenti e le comunità locali. Uno di questi è la Comunità di Nuovi Orizzonti che opera non solo a Medjugorje ma anche in altri luoghi.

Un uomo di preghiera

– L’arcivescovo Hoser è stato per noi un uomo di preghiera incrollabile. Spesso è rimasto in adorazione, in ginocchio, nella sua veneranda età, edificandoci tutti con la sua grande testimonianza di fede viva e autentica. Terminata la liturgia, gli piaceva fermarsi ad incontrare i pellegrini. Per noi è stato un pastore mite e umile che il Papa ci ha donato per accrescere la nostra fede in Dio e la devozione a Maria, Regina della Pace, condivise dai membri della Comunità di Novi Orizzonti.

– L’Arcivescovo era molto interessato alla nostra complicata sorte, il ritorno dalle “tenebre alla luce” – dice David della comunità Cenacolo. – Che puoi cambiare la tua vita, che puoi fidarti di noi e darci sempre una possibilità. Non solo ci ha dato la sua benedizione, ma ha anche semplicemente creduto in noi, cosa molto importante per noi, spesso “sopravvissuti”.

– Potremmo sempre contare sull’aiuto pastorale del Visitatore Apostolico – affermano le sorelle della Comunità delle Beatitudini. – Era molto importante per noi.

– È stato su invito dell’arcivescovo Henryk che sono venuto quest’anno per la seconda volta al Festival dei giovani a Medjugorje – afferma l’arcivescovo Tadeusz Wojda, metropolita di Danzica. – L’Arcivescovo mi ha chiesto di preparare una catechesi per i giovani che vengono qui da tutto il mondo. L’arcivescovo Hoser ci mancherà.

– Si può dire che il nostro vescovo polacco, qui a Medjugorje, è stato trattato come “il nostro uomo”, qualcuno vicino che è nato qui o ha trascorso molti anni. Era apprezzato come inviato di papa Francesco. Ma anche come un uomo modesto, sacerdote e medico, al quale, se necessario, ci si può rivolgere senza imbarazzo o gesti ufficiali. L’arcivescovo Hoser era benvoluto e rispettato a Medjugorje, dice Wiesław Jindraczek, che vive a Medjugorje da quasi 20 anni. Incontra spesso pellegrini da tutto il mondo per condividere la sua straordinaria testimonianza della trasformazione della vita dove tutto ha avuto inizio qui a Medjugorje.

Incontreremo il nostro Arcivescovo alla casa del Padre

L’arcivescovo è ricordato anche da Ania Golędzinowska, di cui conosciamo la storia, perché proprio qui a Medjugorje la top model e conduttrice televisiva ha abbandonato radicalmente la sua “vecchia” vita per rinascere.

– Conoscevo padre Hoser e avevo buoni contatti con lui. Posso dire che non era un prete superficiale e si ricordava sempre di cosa parlavamo. E poi lo ha chiesto nella prossima intervista. Ha definito Medjugorje un luogo unico, riferendosi soprattutto alle vocazioni e alle conversioni che qui avvengono.

– La nostra ultima conversazione, per telefono, è stata di recente. Padre Hoser aveva una voce diversa, piena di sofferenza. Sfortunatamente, ho avuto la sensazione che questi fossero gli ultimi momenti in cui possiamo ancora sentirci. Anche se ho cercato di dire a me stesso ea lui che ci vedremo a Medjugorje alla fine di agosto. L’arcivescovo ha chiesto della mia scuola. Il 29 luglio sono riuscito a mandargli un messaggio che avevo superato tutti gli esami. Poi solo silenzio…

– In effetti, ci vedremo alla fine di agosto … Solo non a Medjugorje, ma a Varsavia in una solenne messa di commiato. Anche per pagargli l’ultimo inchino terreno. Mi mancherà molto – scrive Ania Golędzinowska sui suoi social.

– Incontreremo il nostro Arcivescovo nella casa del Padre – mi dicono alla fine gli abitanti ei pellegrini che vengono a Medjugorje.

Tags:
arcivescovo Henryk Hosermedjugorje
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni