Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 03 Ottobre |
San Francesco Borgia
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

“Anche noi siamo come il figliol prodigo”

RETURN OF THE PRODIGAL SON

Rembrandt van Rijn | Public Domain

Catholic Link - pubblicato il 02/09/21

Almeno una volta nella vita anche noi abbiamo deciso di allontanarci e siamo tornati pentiti tra le braccia del Padre

di Sandra Estrada

Conosciamo tutti la parabola del figliol prodigo, e sono convinta che almeno una volta nella vita anche noi abbiamo deciso di allontanarci e siamo tornati pentiti tra le braccia del Padre.

Vi è capitato che quelle debolezze di cui pensavate già di esservi liberati, cosa per la quale rendevate grazie a Dio, siano tornate all’improvviso a tormentarvi?

In momenti di forti crisi vediamo che sono ancora latenti. È doloroso trovarci di fronte a quello che ci costa di più di noi stessi – le nostre debolezze, i peccati, le manie, le ferite…

E a questo aggiungiamo la paura di “Cosa penserà Dio”. Dio mi vedrà allo stesso modo dopo che sono stato un tale disastro, così peccatrice? Perché permette questo? Gli piace vederci umiliati?

La parabola del figliol prodigo può aiutarci a meditare su vari temi:

1. Il figlio crede di poter contare solo sulle sue forze

Quando ci troviamo di fronte alle nostre mancanze, capiamo che non era la nostra forza a mantenerci “virtuosi”, ma la grazia di Dio.

Al culmine della sua vita spirituale, Sant’Ignazio ha scritto la sua famosa preghiera Suscipe:

“Prendi, o Signore, e accetta tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che ho e possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, lo ridono. Tutto è tuo: tutto disponi secondo la tua piena volontà. Dammi il tuo amore e la tua grazia, e questo solo mi basta”.

Ignazio affronta la realtà per cui tutto ciò che sa, fa, ha e dà è per grazia. E l’amore? Come figliol prodigo, intende che non valgono gli applausi, né di santi né di re, né la fama, né i contatti nel regno o in Vaticano.

L’unica cosa di cui abbiamo bisogno è l’amore di Dio!

  • 1
  • 2
Tags:
figliol prodigo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni