Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Venceslao
home iconStorie
line break icon

I dubbi dell’ultimo cattolico in Afghanistan: “Signore, ti sei addormentato?”

Credere | Settimanale

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 01/09/21

“Sono cattolico, ma a volte la mia fede traballa. Mi sorprendo a chiedermi: “Signore, cosa stai facendo? Guardi giù o ti sei addormentato?”. Se sei in Afghanistan oggi ti vengono dubbi come questi”, dice Alberto Cairo, fisioterapista della Croce rossa, a "Credere"

«Sono cattolico, ma a volte la mia fede traballa. Mi sorprendo a chiedermi: “Signore, cosa stai facendo? Guardi giù o ti sei addormentato?”. Se sei in Afghanistan oggi ti vengono dubbi come questi. Quando è esplosa la bomba all’aeroporto di Kabul, mi sono domandato: “Ma Dio dov’era? Non può dormire tutto il tempo!”». A parlare così è Alberto Cairo, fisioterapista della Croce rossa internazionale, cuneese di origine. 

Dal Sud Sudan all’Afghanistan

Dei suoi 69 anni, 31 li ha trascorsi – dopo essersi formato presso “La Nostra Famiglia” di Bosisio Parini (Lecco) e aver lavorato in Sud Sudan – a servizio dei disabili in Afghanistan (ne ha curati 210 mila). In un’intervista esclusiva a Credere – a firma di Gerolamo Fazzini – in edicola dal 2 settembre, Cairo racconta come vive la drammatica situazione del Paese e come la fede la sostenga nei momenti più bui. 

AFGANISTAN
Kabul.

“Non parto!”

Dopo la partenza del responsabile della “missio sui iuris”, padre Giovanni Scalese, delle suore di Madre Teresa e delle religiose a servizio della Onlus “Pro bambini di Kabul”, oggi Cairo è uno dei pochissimi cattolici – «forse il solo» – rimasti nel Paese. 

Racconta: «Quando le ambasciate hanno invitato gli stranieri a partire, ho messo un cartello sulla porta “Non parto!” perché tanti si interrogavano sul mio futuro. Assicurare i miei collaboratori che voglio restare dà loro forza». 

AFGANISTAN
La presa dei talebani.

“Orrore dopo ansia e depressione”

La situazione oggi in Afghanistan è tremenda: «Fino a poco fa la gente provava ansia e disperazione – dice l’ultimo cattolico in Afghanistan – Oggi anche orrore. A differenza di 25 anni fa, quando i talebani arrivarono la prima volta, ora la gente è più informata. Si sperava che, col ritorno dei talebani, in cambio della libertà sarebbe stata data almeno la pace. Invece no: i talebani non controllano i terroristi. Quindi moltissimi vogliono scappare, perché nemmeno più la sicurezza è garantita». 

“Mai visto la gente così disperata”

Cairo, che ha passato quasi un terzo della sua vita a servizio del popolo afgano, confessa nell’intervista a Fazzini di provare tantissima tristezza. «Non ho mai visto la gente così disperata. Ho perso una decina di collaboratori che hanno preso la via dell’estero, tra cui alcune ragazze giovani molto preparate. C’è una sfiducia generalizzata. Viviamo un’angoscia infinita». 

Dialogare con i talebani

Nonostante tutto, Cairo dichiara a Credere che con i talebani il dialogo è l’unica via: «Difficile fare previsioni sul futuro del Paese, ma visto che il loro regime resterà per tanto tempo, c’è da augurarsi che sia meno rigido e più aperto di prima. La comunità internazionale dovrà vigilare che i diritti vengano tutelati. Non solo: tra un po’ l’interesse sul Paese si spegnerà. Diventa fondamentale, quindi, che l’attenzione sull’Afghanistan rimanga viva». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni