Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Venceslao
home iconFor Her
line break icon

E Dio chiese a Giobbe: «Chi mette al mondo le gocce di rugiada?»

CHILD, WOOD, DROPS

Batkova Elena | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 01/09/21

Oggi è la Giornata per la custodia del Creato: una vera transizione ecologica parte dal cuore sporco dell'uomo che messo in mano a Dio può rinascere dentro il giardino in tempesta del mondo.

Oggi, 1 settembre, è la Giornata per la Custodia del Creato. Lo spunto di riflessione proposto dalla Chiesa è il passo di San Paolo «possiamo camminare in una vita nuova» (Lettera ai Romani, 6,4). Sembra proprio innestarsi perfettamente nel tema onnipresente della transizione ecologica. Ma cos’è questa transizione? La vita nuova è costellata solo di pannelli fotovoltaici e riduzioni delle emissioni? L’ecologia è solo un modo di guardare il pianeta o non è forse, prima di tutto, uno sguardo sul nostro cuore sporco?

La Terra non ci vuole più

Di recente Ornella Vanoni ha rilasciato un’intervista fiume ad Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera e in uno dei passaggi conclusivi dichiara:

La Terra non ci vuole più. Ci sta chiedendo di andarcene. Ed è tardi per tornare indietro.

Sfrattati da casa nostra. È un ritornello che si sente circolare da tanto, un mea culpa dell’umanità per i danni provocati all’ambiente. Ed è strano constatare una sorta di strabismo, di cui proprio l’intervista alla Vanoni è un’immagine chiara: una donna racconta a cuore aperto le cose che ha amato, gli errori, le proprie scommesse umane, domande ancora aperte e desideri … e poi esprime la sua opinione sull’ambiente. Forse, se davvero esistesse una divinità chiamata Terra sarebbe capace di sfrattarci, indifferente come la Natura di Leopardi alla sorte di ogni creatura. Ma incamminarsi verso un simile orizzonte significa separare (verbo diabolico) ciò che Dio ha unito.

Immagino che se al posto di Alzo Cazzullo ci fosse stato il Creatore a intervistare la Vanoni, un certo discorso ecologico sarebbe germogliato proprio dentro la confessione di lei,

Così caddi nella mia prima depressione. La gravidanza però è stata il periodo più bello della vita.

Da Corriere
ORNELLA VANONI

Dove hai incontrato il deserto? Dove hai dato frutto? La strada nuova di cui abbiamo bisogno non è una mera transizione ecologica, o forse è quella di riempire di senso proprio questa etichetta, prendendola come un rimetterci sui passi della Sua via, dove il deserto di ogni anima è davvero legato a doppia mandata con l’acquazzone che rinfresca i campi in piena estate.

Il mondo non è comprensibile

Oltre all’incipit del Libro della Genesi, uno dei passi biblici in cui possiamo leggere una mastodontica lode del Creato – proprio nei suoi elementi naturali – è il capitolo 38 del Librodi Giobbe. E può suonare paradossale, visto che il tema lacerante di quel testo è la sofferenza umana. Tutto s’innesca a partire da uno sfogo viscerale di Giobbe, un uomo segnato da una miriade di prove che gli sono piovute addosso senza che lui avesse meritato una cattiveria simile da parte del destino.

Mi ha gettato nel fango:
son diventato polvere e cenere.
Io grido a te, ma tu non mi rispondi,
insisto, ma tu non mi dai retta.

La risposta di Dio arriva. Dopo essere rimasto in silenzio per tanto, Dio rovescia addosso a Giobbe una montagna di parole, anzi di immagini. Quelle che cominciano con il famoso: “Dov’eri tu quand’io ponevo le fondamenta della terra?”. Anziché consolare Giobbe, Dio sposta completamente il discorso, tanto che Chesterton sintetizzò bene l’aspetto un po’ inquietante di questo dialogo tra Creatore e Creatura:

Giobbe pone un punto interrogativo; Dio gli risponde con un punto esclamativo. Invece di dire a Giobbe che il mondo è comprensibile, Dio sottolinea che il mondo è molto più strano di quanto Giobbe abbia mai pensato.

G.K. Chesterton
Croix du Lac d'Allos

La domanda di Giobbe (…e come non farla nostra) è: perché devo soffrire tanto? Dio gli risponde dicendo, tra le altre cose:«Chi mette al mondo le gocce di rugiada?». E’ una punteggiatura strana, quella con cui Dio risponde. I suoi punti esclamativi sono una pioggia di dettagli su tutto quello che ha creato, dalle stelle del cielo alle vene sul collo dei cavalli, dagli abissi del mare ai leoncini affamati che aspettano le leonesse. Dio va fuori tema, si perde per la tangente. Lo fa in modo poeticamente meraviglioso, il lettore si trova di fronte a una delle descrizioni più belle della terra e dell’universo … sembra un documentario girato in HD con il grandangolo e la lente d’ingrandimento, una narrazione da far arrorrise tutti i nostri Piero e Alberto Angela. (Ve ne abbiamo raccolto un assaggio nella gallery).

Ma perché fare una bellissima escursione naturalistica, quando il tema rovente è il dolore di un uomo? Nell’ultimo numero de I luoghi dell’infinito c’è un contributo di Ermes Ronchi intitolato Un Dio innamorato di orrizzonti che azzarda un’ipotesi proprio su come leggere questo scambio tra l’uomo e Dio che è il fulcro del Libro di Giobbe:

All’uomo esperto in dolori che gli chiede “lasciami almeno respirare”, Dio risponde con domande e immagini, così belle da togliere il fiato. Non offre risposte ai problemi, ma gli presenta il mondo come grembo che continua a partorire incantamenti e domande più grandi di qualsiasi risposta.

Ermes Ronchi

E se il dolore fosse un travaglio, cioé l’ipotesi di un cammino verso una nascita?

Dio è miope

Dov’eri tu? Questo è il punto su cui Dio pianta l’inzio del suo discorso e della nostra strada. Parlando di questo tema in redazione, mi sono affrettata ad appuntarmi un’intuizione di Paola Belletti: siamo preceduti da un dono. Tutto lo splendore, anche tumultuoso, del Creato testimonia la premura di Dio nel darci un grembo-giardino in grado di ospitare il destino infinito di ciascuno. Per ciascuno di noi è stato preparato un posto fin dalla notte dei tempi in cui le acque del mare furono separate dalla terra ferma. Dio era all’opera in quel tempo lontanissimo, pensando già a me e a te.

Un altro pensatore raffinatissimo, il filofoso Fabrice Hadjadj, ha scritto un testo teatrale per squarciare il dramma posto da Giobbe e nella sua invenzione letteraria Dio spiega così il suo essere indaffarato nella Creazione:

Non sono uno di quei direttori che guardano le cose dall’alto e tengono il conto delle poltrone, purtroppo!

Io sono

Terribilmente miope.

E dunque devo stare molto vicino a ognuno, tanto che possa sentire il mio alito sul collo…

Da Fabrice Hadjadj, Giobbe o la tortura degli amici
EYES LOOKIN UP,

Tu vieni ad allargare la frattura

Alla dea Terra non importa se ci sia una donna depressa con una voce meravigliosa, può farne a meno. Quando l’Islandese di leopardiana memoria chiese alla Natura perché lo facesse soffrire tanto, la Natura confessò persino di ignorare l’esistenza dell’Islandese fino a quel momento. Spesso è questo l’unico percorso ecologico di cui si sente parlare: l’ambiente come un orizzonte estraneo alle ferite dell’anima; fare la raccolta differenziata e mettere i pannelli fotovoltaici non c’entra nulla con le nostre scorie e il nostro bisogno di luce. L’alternativa, la vita nuova, è proprio scritta nell’ipotesi che Giobbe scopre di fronte al ritratto della Creazione fatto da Dio:

E tu non vieni a ridurre la frattura, no, tu l’ingrandisci, tu l’allarghi ancora perché vi entri il
mondo.

Da Fabrice Hadjadj, Giobbe o la tortura degli amici

Tutto lo sforzo creativo di Dio è teso ad offrirci un ambiente che sia all’altezza delle tempeste e dei prodigi del nostro cuore. La terra non è una divinità, ma un grembo che geme con noi. La premura di Chi l’ha creata è di allargarci, allargare anche le fratture per renderci ospitali alla Sua voceche vuole catturarci ed è una voce di Redenzione. Ci sta col fiato sul collo al punto da non lasciare indefinita neppure la corolla di una margherita.

Tags:
creatogiobbe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni