Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconFor Her
line break icon

Bebe Vio “presta il braccio” al fotografo: si può sorridere anche dei propri limiti

https://youtu.be/1qAh8Ll96Q4

Giovanna Binci - pubblicato il 27/08/21

Non bisogna prendersi troppo sul serio, nemmeno quando si tratta dei propri limiti. Bebe Vio a Tokyo 2020 "presta il braccio" artificiale al fotografo e auto ironizza su quella diversità in modo (davvero) normale.

Ci ha fatto un po’ preoccupare la nostra Bebe Vio in questi giorni, dopo aver annunciato su Instagram che non l’avremo vista nelle gare di sciabola alle Paralimpiadi di Tokyo 2020

Niente sciabola, ma umore sempre al top

L’atleta lo ha detto col sorriso che la contraddistingue, chiedendo supporto per i suoi colleghi e ringraziando tutti quelli del suo team che hanno creduto che potesse farcela ad affiancare questa disciplina alla sua specialità, il fioretto

“Per una serie di motivi” che spera di poter spiegare, la schermitrice ventiquattrenne salirà invece in pedana oggi e domani, 29 agosto.

View this post on Instagram

A post shared by Beatrice Vio (@bebe_vio)

Speriamo niente di grave e intanto continuiamo a goderci lo spettacolo dello sport e tifare per lei e tutto il team dell’Italia. 

Per fortuna ci ha pensato sempre Beatrice a tranquillizzare gli animi col suo solito umorismo e l’auto ironia che non perde mai… non come il suo braccio destro a quanto pare! 

Dammi una mano… ehm… un braccio! 

Proprio quello infatti la campionessa, colpita nel 2008 da una meningite fulminante, che le ha causato un’infezione a gambe e braccia per la quale è stata necessaria l’amputazione, lo ha lasciato per qualche minuto in prestito al fotografo per alcuni scatti con l’arto che tiene un cartellone. Mentre nel video postato su Instagram si vede l’uomo da lontano e che restituisce la protesi alla proprietaria dalla transenna, la ragazza commenta:

“Tranquillo Agu (Augusto, il fotografo, ndr), nei momenti di difficoltà ti darò sempre una mano. Lo sai, sono sempre a disposizione”.

Prestare anche quello che non si ha: ecco una cosa che noi “normodotati” non potremmo mai fare e che ci ricorda che no, non siamo i migliori in tutto, anche con due braccia. 

Normale come scherzare

 “Da piccola mi dicevano che non si può tirare di scherma senza braccia e che avrei dovuto cambiare sport, ma ho dimostrato a tutti che le braccia non servono: se hai un sogno, vai e prenditelo”,

ha detto Bebe alla conferenza stampa di apertura delle Paralimpiadi. (Fonte: dire.it

E lei se lo è preso a Rio e spera di bissare.

Intanto resta campionessa indiscussa di speranza e di autoironia, facendosi ambasciatrice non solo dello sport, ma di un modo nuovo di vivere e vedere la disabilità. Una cosa normale, per citare un altro dei suoi post: come quando ti svegli la mattina e indossi le scarpe… Ehm… Le braccia spaiate! 

Bebe ci ha abituati a questo umorismo che spesso noi, pensando di essere irrispettosi verso chi è diverso, non ci concediamo con tanta facilità. Certo, ogni persona ha una sensibilità che va considerata quando si parla di disabilità o malattia. Eppure forse, la normalizzazione delle differenze passa anche da questo. Senza esagerare come con tutti: una battuta sulla mia pancetta ve la concedo anche io, dai.

Nel sacro santo dovere di rivolgerci ad ogni persona, disabile o no, come desidera e di rispettarla, ricordiamoci che anche trattare sempre la diversità con i guanti bianchi la rende qualcosa di davvero tabù, lontano, asettico.

Rendere normali i limiti

Saper ironizzare sui propri limiti è quello che ci ricorda che sì, ne abbiamo tanti, tantissimi, a volte ci sembrano insormontabili, ma lamentarsi e abbattersi ci fa già partire da sconfitti. Forse non possiamo vincere, ma dobbiamo fare come il calabrone la cui “struttura alare non è adatta al volo, ma lui non lo sa e vola lo stesso”, come ha scritto Bebe poco prima della partenza per il Giappone sotto una foto con tuta bianca e ali da angelo. 

E se Bebe presta il fianco… ehm… il braccio per le foto di rito, c’è qualcuno che le guarda sempre le spalle: sua sorella, Sole. Anche lei la tagga scrivendo “Bebe mi sa che ti hanno rubato un pezzo”. 

Sorella bodyguard… anzi è proprio il caso di dire: hand-guard! 

“Con il fuoco si prova l’oro”

Alla fine Bebe ha vinto l’oro contro un’eccellente e sportivissima avversaria, la cinese Jingjing Zhou. E’ la sua seconda medaglia paralimpica del metallo più prezioso nella sua specialità, ma sembra che quello con cui hanno fuso questo trofeo sia stato estratto da una vena aurifera di qualità superiore.

Accetta quanto ti capita,

sii paziente nelle vicende dolorose,

perché con il fuoco si prova l’oro,

e gli uomini ben accetti nel crogiuolo del dolore.

Siracide, 2, 4-5

Alla fine, dunque, ce lo ha detto il motivo per cui ha rischiato di non partecipare a questa edizione dei Giochi Paralimpici: ciò che ha rischiato è ancora più serio di una rinuncia ad una competizione per cui si preparava tenacemente da 5 anni.

 “Ad aprile ho avuto un’infezione da staffilococco, talmente grave che si prospettava l’amputazione del braccio sinistro e addirittura la morte. Quindi è un miracolo che io sia qui e questo oro pesa molto di più di quello di Rio”. E’ la confessione choc di Bebe Vio, che ha parlato ai media dopo il trionfo nel fioretto alle Paralimpiadi, spiegando anche la sua decisione di non gareggiare nella sciabola. “E’ stato un miracolo e per questo devo ringraziare l’ortopedico che mi ha operato, si chiama Accetta…, e tutto lo staff che mi ha aiutato a prepararmi. Un’impresa che sembrava impossibile. Ecco perchè ho pianto tanto”, ha aggiunto.

Ansa

Questa giovane donna, atleta piena di talento e dotata di una tenacia che sembra inestinguibile, continua ad offrire a sé stessa e al mondo uno spettacolo di forza e coraggio talmente convincente da non lasciare spazio ad alcuna stucchevole retorica. Eccola, la prima vera qualità della vita, smisurata, sempre fuori scala: essere viva.

(aggiornamento del 30 agosto 2021, Paola Belletti)

Tags:
disabilitàparalimpiadi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni