Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconSpiritualità
line break icon

Le vergini cristiane sono molto vicine agli angeli: ecco perchè

Di conrado|Shutterstock

don Marcello Stanzione - pubblicato il 26/08/21

Sant'Ambrogio, grande amante e cantore della verginità, esorta le fanciulle cristiane affinché si mostrino quali “angeli fra gli uomini”, poiché “niente è più bello”

Sono prima di tutto i Padri della Chiesa che hanno celebrato con ostinazione l’eccellenza extraterrena della verginità cristiana. Così, per esempio, dice San Basilio da Cesarea: “Chi scelse la vita angelica, si elevò ad una maniera di vivere eterea, ammesso che superò le ordinarie possibilità della natura umana. Effettivamente è proprio della natura degli angeli essere liberi dalla società matrimoniale e non lasciarsi allontanare dalla contemplazione di altra bellezza che non sia quella del volto divino”.

“Angeli tra gli uomini”

Sant’Ambrogio, grande amante e cantore della verginità, esorta le fanciulle cristiane affinché si mostrino quali “angeli fra gli uomini”, poiché “niente è più bello”. Non senza una certa esagerazione San Gregorio Niseno afferma: “Nell’offrire se stesso a Dio si segue il trasformarsi della natura e dignità umana in angelica”.

E dopo aver cantato le glorie della verginità San Giovanni Crisostomo conclude: “Già vedi quanto eccellente sia la verginità, e come agli abitanti di questa terra fa condurre loro una vita simile ai cittadini del cielo e non permette a quelli che sono rivestiti di corpo di essere vinti dalle virtù incorporee, riparando tuttavia gli uomini che sono emuli degli angeli”.

San Giovanni Crisostomo ha “avvicinato” angeli e vergini.

La verginità e la vita degli angeli 

La verginità è “l’immagine della santità angelica” e “vita di angeli”; riproduce l’integrità degli spiriti celesti; costituisce nel seno della Chiesa di Cristo la parte angelica”. Da qui l’obbligo che hanno le vergini cristiane di adattare tutta la loro esistenza alla dignità che possiedono e vivere e restando nella carne, come se fossero esenti da essa. La loro patria è il cielo e la loro occupazione è imitare i santi angeli. Le vergini, secondo la splendida idea di San Geronimo, costituiscono la famiglia di Gesù Cristo e fanno le veci della corte celestiale: “Appena il figlio di Dio venne al mondo, si formò una nuova famiglia, di modo che Colui che era adorato in cielo, avesse anche angeli sulla terra.

Le vergini consacrate

A volte i Padri presentano la verginità come un ritorno al Paradiso terreno, alla vita angelica di Adamo ed Eva. “Nelle vergini consacrate contempliamo la vita degli angeli sulla terra che un giorno perdemmo in Paradiso”, dice Sant’Ambrogio. E San Leandro, rivolgendosi ad una vergine, sua sorella Santa Fiorentina: “Rinunciando al lecito, salì fino alle alture da dove Eva cadde per aver preso l’illecito. Eva trovò il proibito e perse la verginità”. 

La vita sessuale

E’ ovvio che San Gregorio da Nisida insiste particolarmente su questo, su coloro per i quali la vita sessuale è l’effetto del primo peccato. Ricordiamoci della splendida immagine del coro celeste, formato da angeli e uomini, le cui le armoniose danze furono distrutte dalla colpa originale. Bene, tale è il potere della verginità, che conduce di nuovo gli umani al Paradiso perduto, “insieme al padre degli spiriti di modo che lassù possano godere un’altra volta con gli angeli del cielo nella festa interminabile”.

Il Paradiso celestiale

Però i Padri parlano della verginità con molta più frequenza come un’anticipazione della realtà escatologica del Paradiso celestiale, che come un regresso alle origini del genere umano. Il testo di San Luca (20, 34-36) su cui si basa particolarmente la dottrina patristica, si presta meglio a questa interpretazione: se “i figli di questo secolo prendono mogli e mariti”, quelli che non si sposano sono già figli del secolo venturo, “i figli della resurrezione”. È naturale che tale aspetto è prevalso. 

TINTORETTO VIRGINS
Le Vergini rappresentate in una nota opere d’arte di Tintoretto.

“Oh Dio amante delle anime”

Già l’anima appassionata di Origene esclamava, vibrante di entusiasmo, riferendosi alla verginità: “Dato che dobbiamo essere somiglianti agli angeli, cominciamo ad essere sin da adesso quello che c’è stato promesso che saremo in cielo”. 

E tuttavia oggi la liturgia romana nel bellissimo prefazio della consacrazione delle vergini canta: “Oh Dio amante delle anime! […] in tal modo ripristini nel tuo Verbo la natura umana viziata nel primo uomo, ingannato dal diavolo, che, non solo la ristabilisce nell’innocenza originale, ma la conduce all’esperienza dei beni eterni che andranno a possedere nell’altro mondo, e a quelli che tuttavia sono legati dalla condizione di mortali li elevi a somiglianza degli angeli”. 

Dio spinge le vergini 

I santi Padri esprimono la stessa idea, ma in modo diverso; riguardo allo stesso prima hanno vissuto un grande numero di variazioni. Dio spinge le vergini, “già da adesso, a mettere in pratica e a manifestare quella trasformazione dei corpi in una natura simile a quella degli angeli del cielo”. La verginità “non è altro che una prova della vita futura”. Una certa partecipazione dello stato angelico è intento ad imitare nella carne corruttibile la incorruttibilità dell’eterno. 

Grande cosa è la verginità, che ci colloca fra gli angeli, si distacca dalla terra, sopprime il mondo, dimentica il presente per il futuro, mostra in un colpo mortale “le primizie della resurrezione” riflette la beatitudine del mondo a venire, “assapora già nella vita presente quello che è più desiderabile fra i beni della resurrezione. Sì, perché Dio promette ai giusti, dopo la resurrezione, una vita simile a quella degli angeli ed è proprio tipico di questi vivere liberi dal matrimonio, si può dire che quelli hanno già ricevuto i frutti della promessa, essendo immersi negli splendori dei santi e imitando, con la purezza della loro vita, la limpidezza degli spiriti puri”.

“Godete della gloria della risurrezione”

San Cipriano riassume bene queste idee quando, rivolgendosi alle vergini, dice loro: “Quello che saremo nell’altra vita sta già cominciando ad essere vostro; godete in questo secolo della gloria della risurrezione; passate in questo mondo senza essere contaminate. Mentre vi conservate caste e pure, siete uguali agli angeli di Dio”.

Tags:
verginità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni