Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconStorie
line break icon

Il cappellano della nazionale olimpica italiana: “Senza fede non c’è vittoria”

cappellano nazionale olimpica

Youtube | Sardinia Tourism C2A

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/08/21

Don Gionatan De Marco, giovane prete salentino, rivela il "segreto" per caricare gli atleti prima e dopo le gare

È tornato da pochi giorni dalla spedizione esaltante alle Olimpiadi di Tokyo dove gli Azzurri si sono fatti onore portando a casa un numero notevole – imprevedibile solo alla vigilia – di medaglie. Lui è stato per loro come un angelo custode. 

Don Gionatan De Marco, sacerdote di 39 anni, originario di Tricase (Lecce), direttore dell’Ufficio nazionale della Cei per la pastorale del tempo libero, turismo e sport, è stato il cappellano della squadra olimpica italiana.

Le esperienze in Corea e Spagna

Don De Marco è stato già Cappellano della squadra olimpica italiana ai Giochi Olimpici invernali del 2018, che si sono svolti a Pyeong Chang, in Corea del Sud, dal 9 al 25 febbraio 2018. Nello stesso anno è stato a Taragone, in Spagna, al seguito degli atleti e delle atlete italiane impegnate nei “Giochi del Mediterraneo”.

La prima volta a Seul

L’Italia è una delle poche nazioni che ha inserito un cappellano nella delegazione ufficiale olimpica, dandogli così un ruolo “ufficiale e centrale”. La prima volta è accaduto alle Olimpiadi di Seul, nel 1988, con la partecipazione di mons. Carlo Mazza, a cui è succeduto mons. Mario Lusek, direttore Ufficio Sport e turismo della Cei (Piazza Salento.it, 17 giugno).

3 verbi

«Mi piace definire la presenza del cappellano all’interno della squadra olimpica italiana con tre verbi: ascoltare, stare vicino, sorridere. Vivere le Olimpiadi con i nostri atleti – ha detto all’AgenSir (21 agosto) è stata soprattutto un’esperienza di ascolto, molto spesso del non detto. Si è trattato di riconoscere nei loro volti e nei loro movimenti i lineamenti di sogni e ‘bi-sogni’, a cui dare voce attraverso un sms prima o dopo la gara». 

Vivere le Olimpiadi con i nostri atleti «ha significato poi stare vicino, a volte senza dire nulla, ma con uno sguardo attento a tutti i segni attraverso cui chiedevano una parola di incoraggiamento o di festa. Vivere le Olimpiadi, per un cappellano, ha significato soprattutto donare sorrisi. In quei giorni all’interno della squadra c’era molta tensione, molta concentrazione… e un sorriso può poteva guarire paure o accarezzare l’entusiasmo».

“Un continuo allenamento a cercare…”

Secondo don Gionatan De Marco «senza fede non c’è vittoria! E questo vale sempre!». Nelle Olimpiadi si incontrano «giovani che hanno una grande fede: chi solo nei propri talenti, chi anche nell’aiuto degli altri, chi addirittura in Dio. Ma la fede che noi accostiamo al verbo credere, nello sport si impara ad accostarla un po’ di più al verbo cercare… perché è un continuo allenamento a cercare risorse, tattiche, alleanze…». 

«Penso – conclude il cappellano della nazionale olimpica italiana – che sport e vita cristiana trovino in quell’allenamento a cercare sempre il modo per dare il meglio di sé una comunanza che andrebbe un po’ più coltivata e valorizzata».

Tags:
olimpiadi tokyo 2020
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni