Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 21 Febbraio |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Brusaferro (ISS): le tre cose che un uomo di fede fa in tempo di Covid

silvio-brusaferro-iss.jpg

Youtube | ISS

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/08/21

Il presidente dell'Istituto superiore di Sanità è credente. Ma raramente si esprime su questi temi

Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità è credente ma del suo rapporto con la fede parla raramente. Anche per il ruolo che ricopre. Si è trovato a vestire, infatti, i non certo comodi panni di portavoce del Comitato tecnico-scientifico (Cts) dentro la bufera del Covid-19

Una “chiamata”

«Non amo sbandierarla, ma neppure la nascondo – dice ad Avvenire (22 agosto) – Credo che ognuno di noi nella propria vita sia chiamato a svolgere ruoli, anche impegnativi e talora del tutto impensabili, per i quali cerchiamo di essere pronti e adeguati. È quello che è successo a me: una “chiamata”». 

I talenti da far fruttare e l’attenzione agli altri

Un secondo concetto chiave, che Brusaferro mette in relazione alla fede, «sono i propri talenti, tanti o pochi: sappiamo di dover mettere ogni sforzo per farli fruttare al meglio, nel mio caso far sì, tra l’altro, che il metodo scientifico supporti le decisioni necessarie. Infine, l’attenzione agli altri: siamo inseriti in una comunità, un valore che dev’essere sempre presente».

La prossimità

Secondo il presidente dell’Istituto superiore di Sanità una delle lezioni della pandemia è che l’organizzazione sociale, come quella sanitaria, debbano tener presente che, in un tempo difficile come quello della pandemia, le relazioni personali sono occasioni preziose di salute. Alla malattia e alla sofferenza, accanto a quella tecnico-scientifica, va data anche una risposta di prossimità». 

Una persona fragile, dice Brusaferro, «ha bisogno di una rete di supporti relazionali e sociali. Creare reti di reti di relazione, sviluppare le cure primarie vicino al cittadino, sono forme di prossimità, a partire dal nostro stile di vita».

Una salute più forte

Una risposta, insomma, alle spinte individualistiche. «La pandemia – conclude – ha moltiplicato e reso evidenti le ricadute negative della solitudine, tema ben presente anche prima del Covid. La rete sociale, la comunità, i servizi di prossimità rinforzano la salute delle persone. C’è un beneficio, già noto, che ora è evidente a tutti».

Tags:
istituto superiore di sanità
Top 10
See More