Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

Si è spento monsignor Hoser, visitatore apostolico a Medjugorje

BISKUP HENRYK HOSER

Michał Woźniak/EAST NEWS

Vatican News - pubblicato il 16/08/21

Il presule polacco aveva 78 anni. Papa Francesco lo aveva inviato nel piccolo centro della Bosnia ed Erzegovina per accompagnare la comunità parrocchiale e i pellegrini senza entrare nella questione delle apparizioni mariane. Qui - diceva Hoser – in tanti vengono per incontrare Gesù attraverso Maria

È morto ieri, venerdì 13 agosto, presso l’Ospedale del Ministero dell’Interno di Varsavia, l’arcivescovo polacco Henryk Hoser, dal 2018 visitatore apostolico per la parrocchia di Medjugorje: aveva 78 anni. Lo ha reso noto laConferenza episcopale polacca. Colpito dal covid-19, si stava riprendendo, quando ha contratto un’infezione che ha progressivamente compromesso la funzionalità di alcuni organi, fino al ricovero d’urgenza degli ultimi giorni. I funerali si svolgeranno venerdì 20 agosto nella Cattedrale di Varsavia-Praga.

A Medjugorje con un compito pastorale

Papa Francesco gli aveva affidato l’incarico di accompagnare in modo “stabile e continuo” la comunità parrocchiale di questa piccola località della Bosnia ed Erzegovina e i tanti fedeli che vi si recano in pellegrinaggio, “le cui esigenze – spiegava una nota vaticana – richiedono una peculiare attenzione”. Si tratta di un segno di attenzione del Papa verso i pellegrini, come sottolineava il direttore della Sala Stampa vaticana: monsignor Hoser era stato inviato a Medjugorje con un compito strettamente pastorale, senza entrare nella questione delle apparizioni mariane.

Inviato là dove ha bisogno la gente

Il Papa – aveva detto il presule – “ci invia lì, dove vive la gente, dove i fedeli si radunano cercando la luce della salvezza” e a Medjugorje vengono pellegrini da tutto il mondo “per incontrare qualcuno: per incontrare Dio, incontrare Cristo, incontrare sua Madre”. “La via mariana – diceva Hoser – è quella più certa e sicura” perché conduce a Gesù e qui i fedeli hanno “al centro la Santa Messa, l’adorazione del Santissimo Sacramento, una massiccia frequenza del Sacramento della Penitenza”. Si tratta di un vero culto “cristocentrico”. “Medjugorje – affermava il visitatore apostolico – ci offre il tempo e lo spazio della grazia divina per intercessione della Beata Vergine Maria, Madre di Dio e Madre della Chiesa, venerata qui con l’appellativo di ‘Regina della Pace’. Questo appellativo è ben conosciuto tramite le Litanie Lauretane”. E “il mondo – sottolineava – ha tanto bisogno di pace”.

Medico e missionario in Rwanda

Monsignor Hoser era nato a Varsavia il 27 novembre 1942, aveva studiato medicina prima di entrare, nel 1969, nella Società dell’Apostolato Cattolico (Pallottini). Ordinato sacerdote nel 1974, parte missionario in Rwanda, dove resta fino al 1995. A Kigali fonda il Centro Medico-Sociale, guidandolo per ben 17 anni ed il Centro di Formazione Familiare (Action Familiale). Per alcuni anni è stato segretario della Commissione Episcopale per la Sanità, e poi anche della Commissione Episcopale per la Famiglia, presidente dell’Associazione dei Centri Medici Associati a Kigali (BUFMAR), responsabile di un centro di monitoraggio epidemiologico AIDS e di programma di assistenza psico-medico e sociale dei malati. Nel 1994 viene nominato esperto nel campo della famiglia e dello sviluppo al Sinodo Speciale per l’Africa. Sempre nel 1994, in assenza del nunzio apostolico in Rwanda, è nominato visitatore apostolico in questo Paese, ufficio che ricopre per oltre due anni. Hoser, nei mesi dei massacri, non era in Rwanda. In alcune interviste ricorda l’impegno della Chiesa cattolica per la riconciliazione e contro la violenza nel Paese, sottolineando in particolare che in quel genocidio hanno perso la vita quattro vescovi, 150 sacerdoti, circa un quarto del clero locale, e 140 suore, oltre a centinaia di migliaia di fedeli laici, sia hutu che tutsi. 

La missione in Europa

Dal 1996 al 2003 è superiore regionale dei Pallottini e membro del Consiglio Missionario della Conferenza dei Superiori Maggiori in Francia. Nel 2004 è rettore della Procura missionaria pallottina, a Bruxelles, in Belgio, ed è impegnato nella pastorale nell’ambito della Comunità Europea. Nel 2005 Giovanni Paolo II lo nomina segretario aggiunto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e presidente delle Pontificie Opere Missionarie con dignità di arcivescovo. Nel 2008, con Benedetto XVI, diventa arcivescovo-vescovo della Diocesi di Varsavia-Praga. Nel febbraio 2017 Papa Francesco lo manda a Medjugorje come inviato speciale della Santa Sede. Nel dicembre successivo diventa vescovo emerito di Varsavia-Praga. Il 31 maggio 2018 il Papa lo nomina visitatore apostolico a carattere specialeper la parrocchia di Medjugorje, a tempo indeterminato e ad nutum Sanctae Sedis. Monsignor Hoser scompare proprio a 40 anni da quando tutto è iniziato a Medjugorje, da quando alcuni giovani, il 24 giugno del 1981, dicono di aver visto la Vergine Maria.

L’originale su Vatican News

Tags:
arcivescovo Henryk Hosermedjugorje
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni