Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
San Cleopa
home iconNews
line break icon

Haiti: Caritas dai primi momenti al fianco della popolazione.

HAITI QUAKE

Stanley LOUIS / AFP

Des rescapés fouillent les décombres de ce qu'il reste de l'hôtel Le Manguier dans la ville des Cayes, au sud-ouest d'Haïti.

Aleteia - pubblicato il 16/08/21

L’insicurezza nel Paese complica ulteriormente le operazioni di soccorso.

Dopo il drammatico sisma che ieri ha colpito il Paese alle 8.30 del mattino, ora locale, Caritas Haiti ha già mobilitato le proprie squadre raggiungendo le aree maggiormente interessate dal sisma, che sono i dipartimenti di Grande-Anse (Diocesi di Jérémie), del Sud (Diocesi di Les Cayes) e di Nippes (Diocesi di Anse-à-Veau-Miragoane). Mentre si continua a cercare tra le macerie, il bilancio attuale è di oltre 300 morti, circa 1800 feriti e più di mille edifici rasi al suolo, tra cui chiese, scuole e ospedali.

La Caritas al lavoro ad Haiti

“L’intera rete di Caritas Haiti, specialmente il team di emergenza, sta partecipando alle operazioni di coordinamento e di aiuto nei tre dipartimenti colpiti”, informa padre Jean-Hervé François, direttore di Caritas Haiti.

Molte anche le chiese danneggiate dal sisma. A Les Cayes, la residenza del cardinale Chibly Langlois, vescovo della diocesi e presidente della Conferenza episcopale di Haiti, è stata danneggiata e il porporato è rimasto ferito. Un sacerdote che alloggiava nel vescovado è rimasto ucciso sotto le macerie.

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza per un mese e nelle prossime ore, il primo ministro Ariel Henry dovrebbe recarsi sui luoghi della tragedia con le autorità competenti per valutare la situazione generale.

Uno Stato fallito piagato dai terremoti e dalla povertà

A complicare le operazioni di aiuto, non soltanto le pessime condizioni delle strade, ma anche l’alto livello di insicurezza. Il sisma, infatti, non poteva arrivare in un momento peggiore per la nazione di 11 milioni di persone, che è in preda a una crisi politica da quando il presidente Jovenel Moïse è stato assassinato il 7 luglio scorso.

“Raggiungere le zone colpite è difficile – continua padre Hervé – L’area di Martissant, che è un accesso obbligatorio per raggiungere il sud del Paese è chiuso per motivi di sicurezza”.

I bisogni della popolazione sono immensi. “Vi è assoluta necessità di cibo, acqua, tende, kit igienici e di primo soccorso”, aggiunge padre François.

 “Assistiamo con compassione e tristezza all’ennesimo disastro naturale che colpisce l’impoverita nazione di Haiti, dopo il tragico terremoto di 11 anni fa e i numerosi cicloni e sismi che da allora si sono succeduti”, afferma Aloysius John, segretario generale di Caritas Internationalis.

Come aiutare Haiti

La confederazione ha immediatamente attivato una campagna di raccolta fondi a sostegno dell’opera di Caritas Haiti. È possibile donare all’indirizzo www.caritas.org/donate-now/haiti-earthquake-2021/

“Oggi, una manifestazione di solidarietà globale è più che mai necessaria per portare il sostegno necessario alle vittime di questa crisi”, aggiunge John sottolineando come Caritas si trovi a dover rispondere a questa nuova emergenza in un contesto fortemente influenzato dal COVID-19.

“In questo terribile momento i nostri colleghi di Caritas Haiti sono ancora una volta al servizio di chiunque abbia bisogno. Desidero assicurare alla Chiesa, alla Caritas e al popolo di Haiti, le preghiere, la vicinanza e il sostegno dell’intera confederazione”.

Tags:
caritas internationalishaititerremoto haiti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni