Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconFor Her
line break icon

Bambini e Long Covid, molti interrogativi ma la ricerca va avanti

BABY GIRL, MASK, COVID

Di L Julia | Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 12/08/21

Si parla di Long Covid quando la comparsa o persistenza di segni e sintomi provocati dal SARS-CoV-2 si manifesta dopo oltre 4 settimane dall’infezione acuta. Rararamente può interessare anche i bambini.

Di Andrea Campana

A distanza di più di un anno da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’infezione da SARS-CoV-2 un’emergenza globale, possiamo dire di conoscere bene le manifestazioni cliniche legate alla fase acuta, sintomatica, della malattia. Tuttavia, ancora molto resta da comprendere riguardo una condizione sempre più frequentemente descritta nell’adulto, ma che può interessare qualunque età, caratterizzata dalla comparsa, a distanza di settimane – talvolta mesi – dall’infezione acuta, di disturbi tali da compromettere il pieno ritorno al precedente stato di salute.
Si tratta del Long COVID, che infatti è definito come la comparsa o persistenza di segni e sintomi provocati dal SARS-CoV-2 dopo oltre 4 settimane dall’infezione acuta. Questa condizione, seppur più raramente, può interessare anche i bambini e, se non riconosciuta e adeguatamente trattata, può influire sul loro sviluppo cognitivo e sulla salute mentale nel medio-lungo periodo.

Il Long COVID rimane per diversi mesi, e può essere caratterizzato dalla comparsa in tempi differenti di sintomi tra loro diversamente associati, come: febbre, disturbi gastro-intestinali, nausea, affaticamento persistente, mal di gola, manifestazioni della pelle, mal di testa, dolore ai muscoli e alle articolazioni, stanchezza, cambiamenti del tono dell’umore, disturbi del sonno, difficoltà di concentrazione, vertigini, palpitazioni, sensazione di fame d’aria, problematiche cognitive. Accanto alla clinica, rimangono tuttora aperti molti interrogativi di ricerca, non essendo ancora chiaro se tali disturbi siano espressione di un danno neurologico diretto causato dal virus, di una risposta del sistema immunitario contro l’organismo, oppure se siano dipendenti dall’intervento medico e/o favoriti da problematiche psichiatriche preesistenti.

Come gestire il Long COVID

Per gestire correttamente il Long COVID nei bambini è indispensabile affrontare il problema con un approccio integrato, che coinvolga specialisti esperti di diverse discipline, definendo le necessità assistenziali, stabilendo programmi di controllo, percorsi di cura e di supporto psicologico/neuropsichiatrico, ma prima ancora promuovendo iniziative che informino adeguatamente i genitori circa quelli che potrebbero essere i disagi e i sintomi d’allarme di questa malattia.

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Tags:
bambinicovid

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni