Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La feroce resistenza di Satana: così il battesimo la sconfigge

CHRZEST PRAWOSŁAWNY

Vasilii Aleksandrov | Shutterstock

don Marcello Stanzione - pubblicato il 06/08/21

“Il peccato ha perso la violenza, ma la sua natura non è cambiata. Abbiamo ricevuto il potere di combattere, però tuttora non la facoltà di essere sicuri nell'ozio”

Ogni cristiano consapevole ha rinunciato solennemente al diavolo il giorno del suo battesimo. E nelle acque battesimali siamo stati liberati dalla schiavitù di Satana.

I riti del sacramento dell’iniziazione avvenivano nell’antichità, quando si amministrava agli adulti, indimenticabile drammaticità. Già le varie cerimonie del catecumenato, l’imposizione del segno della croce, l’assaggio del sale, gli esorcismi – erano centrati intorno al tema della liberazione dal potere di Satana e preparazione della venuta di Cristo.

Girati verso Occidente

Però il momento più emozionante era la rinuncia a Satana che, con grave solennità, doveva pronunciare il catecumeno prima di immergersi nelle acque sacramentali. “Siete entrati per la prima volta nel vestibolo del battistero” – spiega S. Cirillo di Gerusalemme ai suoi neofiti – “e con i piedi rivolti verso occidente avete ricevuto l’ordine di stendere la mano, e avete rinunciato a Satana, come se questo fosse presente”. Perché girati verso Occidente? Perché è questa la regione delle tenebre, e Satana ha lì il suo impero. “In questo mondo, girandovi simbolicamente verso Occidente, rinunciate a questo principe tenebroso ed oscuro”.

Le formule di rinuncia che gli antichi cristiani ci hanno lasciato sono tutte simili. Quella che spiega il santo vescovo di Gerusalemme nella sua catechesi è la seguente: “Rinuncio a te Satana, e a tutte le tue opere, a tutto il tuo fasto e a tutto il tuo culto”. 

La rottura col demonio

Con il battesimo, il cristiano rompe del tutto con il diavolo. Non vuole più saperne del demonio però né la liberazione del genere umano da parte di Gesù Cristo, né la solenne rinuncia a Satana, che ogni cristiano pronuncia nel battesimo, impediscono che il demonio, circondato dai suoi innumerevoli seguaci, prosegua facendo la guerra a Dio e a ognuno degli uomini che pretenda colpire il suo tirannico dominio, avversario perpetuo del regno di Cristo, si oppone con tutte le sue forze e astuzie all’avanzamento della redenzione, alla conclusione finale del dramma cosmico che rappresenterà una totale distruzione del suo regno.

“La grazia ha già invaso l’uomo”

Un testo dell’antica liturgia ispanica spiega molto bene questo mistero del diavolo vinto da Cristo, in una lotta accanita, così attivo contro il regno di Dio:

“La grazia ha già invaso l’uomo, però il demonio non è ancora confinato nell’inferno. Il peccato ha perso la violenza, ma la sua natura non è cambiata. Abbiamo ricevuto il potere di combattere, però tuttora non la facoltà di essere sicuri nell’ozio. L’avversario è stato spogliato, ma non annientato. È inevitabile che diventi furioso contro quelli che dominava come sudditi, ma che ora ha perso”

La feroce resistenza del diavolo

Come Adamo nel paradiso terrestre, anche il cristiano è soggetto a questa sorte, alla tentazione nel paradiso della Chiesa. Dietro ognuno degli alberi del giardino di Cristo si annida l’antico serpente, e non ci è dato cantare vittoria mentre ci riposiamo sicuri assieme al Buon Pastore nel paradiso celeste. Principe di questo mondo, Satana non si lascia strappare il suo dominio in generale sugli uomini, senza opporre una tenace e feroce resistenza.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni