Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
San Cleopa
home iconSpiritualità
line break icon

Come si fa a capire se una esperienza è realmente mistica?

UKRAINE

Pawel Waligora | Aid to the Church in Need

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/08/21

Ci sono dei segni che la distinguono da una normale esperienza di meditazione o riflessione. Ecco quali sono

Quali sono i segni che gli esperti di vita spirituale rilevano per definire autentica una esperienza mistica? O, al contrario, che si tratta semplicemente di un’ “imitazione” di tale esperienza?

Max Huot de Longchamp con Antonino Raspanti lo spiegano in “Cos’è la mistica” (Città Nuova). 

La fede professata

Il primo di questi segni è la fede stessa. Per esempio, il fatto stesso che Bernadette di Lourdes professa ciò che la Chiesa professa.

Il secondo segno sarà che il mistico abbia un comportamento conforme a questa fede professata: poiché «la carne produce solo fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria, odio, rivalità, gelosia, dissensi, intrighi, divisioni, settarismo, invidia, bere, orge e simili – ci dice san Paolo – i frutti dello Spirito sono amore, gioia, pace, pazienza, bontà, gentilezza, fedeltà, dolcezza e autocontrollo» (Gal 5, 20-23).

DUSZE CZYŚĆCOWE WEDŁUG MISTYCZEK
La beata Emmerick: le sue esperienze mistiche erano intense e dolorose.

La contemplazione passiva

La percezione che il mistico ha di se stesso in questo tipo di esperienza, come spiega il carmelitano Honoré de Sainte-Marie è la «contemplazione passiva»:

Poiché la contemplazione passiva è un puro dono di Dio, egli la concede quando gli piace e quando un’anima spirituale meno se lo aspetta. Infatti, accade che senza aver pensato a una sì grande grazia, essa si trova improvvisamente elevata a uno sguardo amoroso di Dio e delle sue perfezioni, durante il quale gode di una inspiegabile soddisfazione. A volte sente che lei entra in un dolce e pacifico riposo, e che la sua volontà brucia di un amore sacro, senza nemmeno concepire ciò che ama. Altre volte vede nella parte più intima di se stessa un dolce raccoglimento che la riempie di gioia. E infiamma la sua volontà dell’amore di Dio, senza che la sua mente sia applicata ad alcun oggetto particolare.

mystic benoite rencurel
Una delle mistiche e veggenti francesi più note: Benedetta Rencurel, che avrebbe dialogato con la Madonna nel villaggio di Laus.

Improvviso e istantaneo 

Ma poiché è molto difficile sapere quando questo raccoglimento, questo sguardo o questa contemplazione sia un dono di Dio, un effetto della meditazione, un inganno del diavolo o un’incomprensione dell’anima stessa, se ne potrà giudicare dai seguenti segni.

Il primo è che nella preghiera passiva questa elevazione, questo sguardo, si fa come in un istante e all’improvviso. Perché l’intendimento e la volontà sono attratti e come trasportati da una mano sovrana, con grande dolcezza e in modo così eccellente, che supera ogni industria umana e tutta l’astuzia dei demoni.

Quando piace a Dio

Un altro segno per sapere quando si è favoriti dal dono della contemplazione è quando l’elevazione e il raccoglimento iniziano non quando l’anima vuole, ma quando piace a Dio.

Possiamo sapere, dice santa Teresa, quando è lo spirito di Dio che ci conduce a questa preghiera o quando siamo noi stessi, tramite un sentimento di devozione che ci dona, a giungere in questo stato. In tal caso, essa non produce alcun effetto, e subito ricadiamo nella secchezza. 

La “mano” del diavolo

Se è il diavolo che ci spinge ad essa, un’anima potrà conoscerlo, perché rimarrà nell’inquietudine con poca umiltà, poca disposizione a praticare ciò che Dio vuole, poca luce nell’intelletto e nessuna fermezza per la verità. 

Infine, quando questa preghiera passiva è un effetto della liberalità di Dio, accende presto nel cuore il fuoco dell’amore divino (Tradizione dei Padri sulla contemplazione, III, III, § 3).

Manifestazioni “spettacolari”

A volte sopraggiungono manifestazioni spettacolari come la levitazione, le stigmate, le visioni ecc. Contrariamente alle caratteristiche che Honoré de Sainte-Marie ha appena ricordato, queste manifestazioni non sono universali. 

Infine, lo sviluppo di una vita contemplativa si fa molto spesso secondo una cronologia abbastanza stabile. Anche se, come ci avverte Louis Lallemant, «nelle varie comunicazioni che Dio fa alle anime dei suoi doni e delle sue visite, non c’è un ordine certo e limitato, così che potremmo dire: dopo questa operazione, per esempio, seguirà quest’altra; o, da un tale grado di preghiera si passa a questa» (Dottrina spirituale, VII, 4, 9). 

Avendo puntualizzato ciò, l’itinerario mistico di riferimento si ripartisce in tre fasi principali, corrispondenti a tre percezioni della presenza divina. Ma in realtà corrispondenti allo sviluppo di ogni vita di relazione. L’individuazione di questo itinerario continuerà a far luce sulla natura del fenomeno mistico, ed è per questo che vale la pena di dedicarvi l’ultima parte di questo capitolo.

Tags:
misticismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni