Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
San Cleopa
home iconFor Her
line break icon

L’amore madre-figlia nella tempesta del disturbo bipolare

Giovanna Binci - pubblicato il 06/08/21

Il disturbo bipolare è una malattia mentale di cui si parla ancora troppo poco. Non è stato facile arrivare a una diagnosi nemmeno per la mamma di Francesca che oggi racconta il percorso di fede e sofferenza della sua famiglia in un libro edito dalla "Tau editrice".

Le malattie mentali sono puzzle difficili da risolvere. È dura per chi la vive rimettere insieme i tasselli ancora e ancora. Una altalena di cure e ricadute, in cui ogni volta c’è da fare i conti con quello che la malattia ha lasciato dietro di sé: tempo da recuperare, ferite da ricucire. È dura attraversare la malattia come famiglia, senza uscirne a pezzi. Trovare il coraggio di ricominciare e ricominciare di nuovo, infinite volte. 

Ti racconto il disturbo bipolare

“Sembra molto più facile, quando una persona è presa e imprigionata da una malattia mentale, incolpare non solo la malattia, ma la persona stessa, ci può essere la tentazione di considerarla e giudicarla in qualche angolo del proprio cuore «cattiva» perché si è lasciata invadere dalla malattia”,

racconta Francesca Bisogno nel suo ultimo libro L’amore non ha limiti. Una mamma, una figlia, il disturbo bipolare e l’amore che salva, per Tau Editrice.

I pezzi che questa donna ha dovuto mettere insieme a causa del disturbo bipolare di cui sua madre ha sofferto fin da quando era piccola, non sono stati pochi. 

Ci sono state le domande, a quel Dio che “permetteva così tanta angoscia e devastazione”. Ci sono stati i momenti belli, le parole che non capiva, quelle che non diceva la mamma amorevole che aveva conosciuto, ma la malattia che, per periodi spesso molto lunghi, anche anni, la imprigionava.

C’è stato un papà sempre presente che per primo non ha mai smesso, non tanto di cercare quella moglie oltre il velo del disturbo bipolare che la rendeva maniacale e aggressiva, ma di amarla. 

Nel racconto di questa vicenda familiare, come un flusso di coscienza, quasi una terapia per rimettere a fuoco tutto ciò che è stato, Francesca ci restituisce la difficoltà, a tratti anche la disperazione, di quella croce che non va edulcorata. C’è però anche un percorso di speranza  fatto di parole a cui aggrapparsi e che vi restituiamo.

Ricominciare

“La vita in fondo è anche un continuo ricominciare: ricominciare dopo una sofferenza, o mentre c’è una sofferenza, ricominciare ad amare sé stessi e gli altri, ricominciare dopo un fallimento”. 

Che bella questa prospettiva che apre a tutti, malati e non, la possibilità di riconoscersi di nuovo.

Immagino la mamma di Francesca, dopo uno di quei periodi in cui il bipolarismo l’aveva portata a telefonate irruente ad amici e parenti, a spese folli, a dimenticare persino il suo buon gusto nel vestire, guardarsi allo specchio e ripartire. 

Apparentemente dietro di lei la malattia ha lasciato solo macerie, nei cuori di chi amava di più: penso al senso di colpa che schiaccia una madre per le parole pesanti dette ai figli anche se guidate dalla malattia.

Mi sento soffocare e vedo questa donna che raccoglie i pezzi di quel puzzle che è la sua vita e li rimette insieme tra telefonate da rifare e vacanze in montagna da programmare per riprendersi tempo e legami. 

Noi, quelli sani, spesso non siamo capaci della stessa umiltà di chi invece, già duramente provato nell’animo e ampiamente giustificato da una diagnosi, non ammette a sé stesso scuse. 

“Non c’è bisogno di vivere vicino a un parente affetto da una malattia come la malattia bipolare per sperimentare quotidianamente l’importanza e la necessità di ricominciare…tutti dobbiamo ricominciare, spesso quotidianamente.

Tutti viviamo spesso durante il giorno situazioni, sentimenti, imprevisti e fastidi, fatiche che vorremmo evitare, e (…) siamo tentati fortemente di giudicare quella situazione, quella persona, e persino noi stessi come irrecuperabili, come poco capaci, come soli e abbandonati alle proprie sofferenze.

È molto facile vivere un problema come una buona «scusa» con noi stessi e gli altri per fermarci, per aspettare che qualcuno ci risolva i problemi o ci «risarcisca» emotivamente di ciò che ci è mancato, di ciò che abbiamo tanto desiderato e non si è avverato, di ciò che abbiamo perso…”

Perdere e rimanere

Francesca molte volte avrebbe preferito essere dovunque, invece che con quella mamma che la metteva in imbarazzo, che non accettava i divieti o di mangiare nemmeno quando era in gioco il suo bene. 

A volte però bisogna accettare di perdere qualcuno come lo conoscevamo e semplicemente rimanere accanto a chi amiamo. 

“…è stato un continuo «allenamento» duro, a volte durissimo, ma… anche bellissimo, perché per poter superare il «limite» dell’amare la propria madre solo quando si riceve, (…) bisogna scegliere di ampliare il proprio concetto di amore, e iniziare a renderlo ancora più gratuito, vero, forte.

Bisogna decidersi anche a chiedere aiuto a Qualcuno, Dio, che sempre ci è vicino e ci ama, e ci aiuta, ma noi, testardi e concentrati solo sui nostri stati d’animo e scoraggiamenti, a volte crediamo tutti che Lui non ci sia”

Temiamo che stare nell’insoddisfazione, nella sofferenza, nel dubbio, provare rabbia o sconcerto ci allontani da chi amiamo. Francesca è testimone della paura di perdere l’amore di quella madre a ogni “no”, di non essere più capita. Lo facciamo anche con Dio: pensiamo spesso di doverlo ammansire con le preghiere, i sacrifici, piuttosto che vederli come atti di amore. 

Lui, come una madre, non ci tiene ostaggio della malattia o della sofferenza per punirci o perché vuole una dimostrazione di quanto ci teniamo. Forse, proprio quando dubitiamo e pensiamo di essere immeritevoli, ecco che lo sentiamo ancora più vicino. 

Nessuno ci allontana dall’amore di una madre, “ma se anche una madre si dimenticasse, io invece non vi abbandonerò mai”, dice la scrittura. 

Perdonare

“Non solo, ho visto papà continuare anche a «riconoscere» il suo personale grande bisogno di te, di te come sei, e come eri, anche quando stavi male;

ho visto papà farsi consolare da te, farsi aiutare da te, anche in momenti dove apparentemente sembrava solo esserci una moglie malata e un marito sano…

nessuno è solo «poverino» e nessuno è «solo» malato”.

Anche la sofferenza ha mille sfaccettature. Chi la vive da dentro se ne rende conto. Soffre per gli sguardi esterni di giudizio o commiserazione perché conosce bene la ricchezza che c’è oltre la coltre del dolore che tutti vedono. Ha imparato a guardare alla persone oltre la malattia. Non perché sia più bravo, ma perché di quella persona, malata e inutile agli occhi del mondo, non può fare a meno. 

Solo quando ricominciamo a vederla, riprendiamo  anche quel dialogo d’amore con lei, seppur in maniera diversa. 

Gli stessi medici non sempre riescono a focalizzarsi sulla persona dietro alla diagnosi. Francesca racconta di come, in questo rispetto e riconoscimento, sia stato invece gran parte del successo delle terapie di sua mamma. 

Al di là delle definizioni di sano o malato, c’è qualcuno pronto a dare e ricevere amore.

Ringraziare

Sembra una parola da dire sul finale: quando ci si volta indietro ed è più facile, fuori dalla tempesta, trovare ciò per cui essere grati. Eppure la forza di questa famiglia è stata quel non smettere di dire grazie mentre era in mezzo alle nubi più nere. 

Non c’è una ricetta magica, qualcosa che lo renda facile, ma solo un abbandonarsi fiducioso. La preghiera costante chiesta anche agli amici. Quella che lei descrive come una “sensazione di pace” in quei momenti di sguardi persi nel vuoto e continui “no” da mandare giù. 

Forse, solo sul finale saremmo in grado di dire grazie, un grazie sollevato. Ma quanta grazia c’è nel saperlo dire quando, seppur non vedendolo chiaramente, viviamo nella convinzione che c’è qualcosa di immenso anche nella sofferenza? È quell’amore che non ha limiti e che si manifesta nella sua grandezza proprio quando si staglia contro la finitezza della nostra fragile umanità.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Tags:
recensioni di librisalute mentale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni