Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 11 Agosto |
Santa Chiara di Assisi
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché mantengo la calma anche se ho già perso il controllo della mia vita?

shutterstock_1453336970.jpg

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 02/08/21

I cambiamenti non mi schiacciano troppo, non sento di avere solo una possibilità di essere felice

Dietro ogni passo che faccio si nasconde Dio che tocca i miei passi. Dietro ogni decisione che prendo c’è Dio stesso che sostiene la mia vita. E io credo che tutto dipenda da me.

Mi sento come un dio che cerca di allineare gli astri in modo tale che tutto funzioni alla perfezione.

Ma poi vedo che cambio, e che quello che un giorno è sembrato innamorare il mio cuore all’improvviso non mi soddisfa.

Quello stesso volto di cui mi sono innamorato, o la sua tranquillità e la sua calma. All’improvviso mi infastidiscono cose che prima amavo. E fuggo da abitudini che una volta mi riempivano il cuore.

Starò male io o cambio? Nessuno mi ha detto che quello che prima mi piaceva avrebbe smesso di piacermi.

Ignoravo le conseguenze della decisione che ho preso un giorno convinto che fosse la via d’uscita migliore. Nulla è per sempre? Tutto cambia?

Alcune cose restano, altre cambiano

shutterstock_356533136-1.jpg

Ci sono cose che restano nel tempo, stabili e salde. E continuano a farmi innamorare col passare degli anni.

Ce ne sono però altre che cambiano, o meglio, sono io che cambio e ora non suscitano più allegria in me. Altre cose che una volta odiavo attirano la mia attenzione.

Come sempre non riesco a fare tutto bene, men che meno in modo perfetto. E non riesco a sostenere il mondo con le mie mani deboli. Sono così fragile, e il mondo è così pesante…

Mi schiaccia il passare del tempo che lascia capelli bianchi nella sua fuga senza che me ne renda conto. Temo di ripetere errori del passato o altrui. E può essere che le cose che faccio bene non valgano per sempre.

Cambio, tutti cambiano, non mi importa di constatare il passare del tempo e vedere che non sono lo stesso che ha iniziato a camminare un giorno lodando Dio per il miracolo della vita.

Ho sofferto e ho vissuto. Mi sono rallegrato e ho accolto tristezze nell’anima. Non mi importa di constatare che sono debole e piccolo.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
calmacontrollovita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni