Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Maurizio
home iconFor Her
line break icon

Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans

INDIA

Di Kichigin!|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 29/07/21

Giovane indiana uccisa dai parenti perché vestiva all'occidentale e voleva diventare una poliziotta.

Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale

Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh.

Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto.

La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli zii e la giovane, i primi contrari al suo stile troppo all’occidentale. La lite è degenerata e gli uomini hanno iniziato a colpirla con dei bastoni.

Violente discussioni e percosse mortali

Shakuntala Devi Paswan, ha detto che l’adolescente era stata duramente picchiata con bastoni da suo nonno e dagli zii dopo una discussione sui suoi vestiti nella loro casa nel villaggio di Savreji Kharg nel distretto di Deoria, una delle regioni meno sviluppate dello stato .

BBC

Aveva ottemperato ai suoi obblighi religiosi col digiuno e la sera, indossando jeans e maglietta, aveva eseguito i rituali previsti, racconta sempre la mamma.

Anche la risposta che Neha dà ai suoi nonni – che distanza dall’immagine protettiva e affettuosa che quasi tutti conservano dei propri parenti anziani – è in stile occidentale: visto che i jeans sono fatti per essere indossati, allora io li indosso, pare abbia risposto loro.

La mamma assiste impotente

La madre ha assistito alle violenze sulla figlia senza presumibilmente riuscire a fare nulla; vedendola a terra in stato incosciente aveva ottenuto dai suoceri l’assicurazione che, con il risciò in arrivo, l’avrebbero portata in ospedale.

Già queste dinamiche non possono che farci rabbrividire perché confermano la familiarità con questi abusi e con l’esercizio violento dell’autorità maschile sulle donne della propria cerchia familiare.

Sempre su BBC Hindi si riferisce di un incremento di episodi di violenza di parenti contro le donne della propria famiglia, proprio in questi ultimi giorni. Ma forse è un semplice incremento di denuncia o di fuga di notizie.

La madre resta a casa con la speranza che la figlia venga soccorsa dai medici; i parenti infatti le impediscono di accompagnarla. Ci sarebbero andati loro. E anche questo è un ulteriore abuso subito.

“Non mi hanno permesso di accompagnarli, quindi ho avvisato i miei parenti che sono andati all’ospedale distrettuale a cercarla ma non sono riusciti a trovarla”.

BBC

Saranno altri parenti ad andare a cercarla presso l’ospedale del distretto ma senza trovarne traccia.

Viene ritrovato il corpo senza vita

Alle orecchie della donna arriva voce che ci sia il corpo di una ragazza appeso al ponte sul fiume Gandak; sono andati a vederlo ed era quello di Neha.

Attualmente nonni, zii, zie, cugini e l’autista sono imputati per omicidio; da parte loro nessuna dichiarazione è ancora giunta.

Un elenco che potrebbe campeggiare nel retro di una foto di famiglia è invece quello raccoglie un clan familiare in nome del sangue, quello versato della giovane.

Il padre voleva che studiasse

Il padre di Neha, Amarnath Paswan, lavora come bracciante a giornata nei cantieri edili a Ludhiana. Lavora duramente perché vuole permettere a tutti i suoi figli di studiare, compresa Neha.

Shakuntala Devi ha detto che la loro figlia voleva diventare un’agente di polizia, ma “i suoi sogni non si sarebbero mai realizzati ora”.

I suoceri sottoponevano la giovane a continue pressioni perché abbandonasse gli studi e perché non indossasse altro che gli abiti tradizionali.

Il comportamento dei parenti assassini e la sconsolata rassegnazione dei genitori di Neha confermano la dilagante diffusione della violenza sulle donne in certe zone del mondo; vessate, uccise, stuprate.

Già nascere, in molti paesi, se fai l’errore di essere femmina, è un’impresa eroica. In India, come in altre zone del Sud Est asiatico e della Cina, essere femmina è una colpa imperdonabile, per il peso che significa dover garantire una dote, per il limite dei figli concessi, per retaggi di tradizioni inumane.

Violenza domestica

La violenza domestica è dilagante e in media 20 donne vengono uccise quotidianamente. Nelle piccole città e nelle zone rurali del Paese, donne e ragazze vivono sotto severe restrizioni con un capo villaggio o patriarca di famiglia che spesso impongono cosa indossare, dove andare o con chi parlare. Qualsiasi passo falso e qualsiasi opposizione vengono considerati una provocazione da punire. Poche settimane fa, alcune ragazze sono state picchiate senza pietà dai familiari solo perché scoperte mentre parlavano al cellulare.

TGcom24
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni