Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconFor Her
line break icon

Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata

NEWBORN, GIRL

niktalena - Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 29/07/21

Nella sera di martedì scorso una mamma ha lasciato la sua bimba di due giorni nella culla pensata per chi affronta una maternità difficile. Le ha messo accanto qualche pannolino, segno di un amore vero e fragile.

Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like.

La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera.

Affidata, non abbandonata

Sono ovviamente poche le informazioni specifiche sul caso, ma tutto quello che c’interessa davvero è noto. A Genova è stata deposta una neonata nella culla per la vita all’ospedale Villa Scassi.

La “culla per la vita” è stata donata al Villa Scassi e al Galliera dai Lions nel 2007: si tratta di una struttura dotata di sportello e culla, collegata con l’interno dell’ospedale, che ha un sensore che si attiva quando qualcosa viene poggiato al suo interno. O qualcuno, nel caso specifico di martedì sera: una bimba di due, massimo tre giorni, che il medico di turno del Villa Scassi e la puericultrice si sono trovati davanti poco prima delle dieci di sera. Un episodio senza precedenti a Genova nei 14 anni di presenza delle culle per la vita.

Da Genova Today
NEWBORN, HOSPITAL

Tutto lascia supporre che sia stata la madre a lasciarla lì, accanto alla neonata sono stati messi quattro pannolini e un biglietto con il suo nome. Un corredino minimo che però ci permette di non usare la parola “abbandonata”. Affidata. Quel che possiamo immaginare, oltre il velo di sacrosanto anonimato, è una donna che è stata portata – da chissà quale storia – a fare la scelta di far nascere sua figlia e affidarla alle cure altrui: le ha lasciato, probabilmente, tutto ciò che poteva permettersi. Pannolini, ma soprattutto un nome. Come a dire: sei mia figlia, ti riconosco.

Urtare contro la realtà

Vale la pena di riportare le parole del dottor Gabriele Vallerino, direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia del Villa Scassi, che ha commentato il ritrovamento:

“Quanto accaduto mi ha commosso molto – conclude Vallerino – perché è un gesto di estremo amore. Questa mamma con tutta probabilità in difficoltà ha urtato contro la realtà e ha fatto il gesto più bello che c’è: privarsi dell’amore per la figlia, per il suo bene.”

Ibid.

È bella l’espressione ‘urtare contro la realtà’, onesta e tutt’altro che negativa. La realtà non accarezza quasi mai, piuttosto s’impone con una presenza ponderosa. E noi, quando ponderiamo, facciamo l’opposto di chi si nutre di ideologia. Pensare è prendere atto del peso della vita reale, della sua consistenza oggettiva. Concepire un figlio ha un peso oggettivo, fin da quei pochissimi quasi-grammi vivi e presenti nel grembo materno. Rimanere incinta può essere un urto, di sicuro non è un’impressione astratta che diventa reale solo quando scegliamo di accettarla.

La culla per la vita funziona così: fa scattare un allarme quando il peso del neonato viene appoggiato lì sopra. L’essere umano senz’altro non è una macchina, ma in tempi di pensieri impazziti si può imparare qualcosa anche dai sistemi meccanici. Quando una vita c’è si sente.Chi la porta in grembo s’innesca esattamente come l’allarme di cui sopra, forse perché è vero il ragionamento a ritroso: la madre è proprio la culla per la vita, versione originale e ogni altra macchina sostitutiva assomiglia a lei.

Quando una madre urta contro ogni tipo di realtà gravosa, violenta, difficile, quel che di davvero umano si può fare è moltiplicare ‘culle per la vita’ (cioè moltiplicare le forme di accoglienza). Umano è soccorrere e sopperire a ciò che una madre non può, e non convincere una madre che la sua unica scelta sia eliminare quella piccola vita che già ha un suo peso.

La prima volta in 14 anni

Sono circa 50 le culle per la vita distribuite sul territorio nazionale. Fu un’idea che nacque negli anni ’90 per limitare i casi di neonati abbandonati nei cassonetti o per strada e rappresentano un supporto concreto alle maternità difficili, oltre ai CAV e alla possibilità di parto in anonimato.

A Genova la culla per la vita dell’ospedale Villa Scassi fu donata dai Lions nel 2007. Da allora nessun caso di neonato lasciato alle cure mediche, fino a martedì scorso. 14 anni di inattività.

“La culla non era mai stata utilizzata – conferma il dottor Gabriele Vallerino – Tempo fa vi erano stati alcuni falsi allarmi, ma per molto tempo il sensore è rimasto silenzioso. Ieri sera è scattato l’allarme, collegato con il medico di guardia di pediatria. Il pediatra è sceso di corsa con la puericultrice, e hanno trovato nella culla una neonata”.

Ibid.

Molti falsi allarmi dunque e un impianto, sicuramente costoso, che non era mai stato utilizzato. Però è stato pronto ad accogliere una neonata quando c’è stato bisogno. Senz’altro, misurando il valore di un prodotto con l’ottica ristretta del costo-beneficio, si potrebbe far notare lo spreco e gli scarsi risultati di questo investimento. Ed è esatto. Spreco è la parola giusta. E per quel che riguarda la vita, si investe proprio per sprecare.

Per una vera economia dello spreco

Minima spesa, massima resa. È una prospettiva gratificante, ma non sempre. Segue la legge del guadagnarci qualcosa. Investi poco e quel poco frutta molto. Benone, strofiniamoci le mani.

Ma cos’è poi il guadagno? Avere qualcosa – o qualcuno – in più (non solo avere qualcosa in più di quello che si è investito). L’economia della vita è un campo di investimenti in cui per avere una presenza in più occorre buttare via una montagna di tempo e risorse. Ci si perde un sacco. E ci si guadagna solo quando si spreca. Il caso di Genova è eclatante e chiaro: una culla inoperosa per 14 anni ha salvato una vita. Fossimo nel campo ittico sarebbe un fallimento: pensiamo a un pescatore che butta una rete e dopo 14 ore ci trova dentro solo una piccola sardina.

Ma non siamo nel campo ittico, né in quello finanziario. Quel che ‘ha pescato’ una culla inerte per 14 anni non è un prodotto utile a qualcuno. È invece un’anima unica e irripetibile. Pesa appena 2,9 kg ma porta dentro una novità di cui il mondo non può fare a meno. L’economia dello spreco è proprio questa: un investimento gigante per un irrinunciabile guadagno minuscolo. Pur di non perdere per strada nessun seme di vita, si gettano reti grandi a dismisura che saranno vuote per tantissimo tempo. Perché sono come sentinelle, basta che ci siano e non mollino il posto che presidiano. Turni di guardia estenenuanti e noiosi valgono quanto l’istante in cui uno urla: “Ecco, c’è qualcuno laggiù”.

Lasciamo ad altri di seminare post con lo slogan giusto sul corpo della donna e raccogliere migliaia di like. Minima spesa, massima resa (quale poi? quella di far remare l’umano contro se stesso?). Noi continuiamo a costruire culle ‘inutili’ per decenni ma essenziali al momento giusto. Sprechiamo reti ovunque, lo scopo non è raccogliere molto ma salvare uno alla volta.

Tags:
madrineonatovita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni