Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Fondato il primo monastero cattolico del Tagikistan, Paese con soli 120 fedeli

Lago-Karakul-no-Tajiquistao.jpg

БорисМир, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Francisco Vêneto - pubblicato il 26/07/21

Il Paese, che apparteneva all'estinta e atea Unione Sovietica, ha ora 7 suore e 2 sacerdoti

È stato appena fondato il primo monastero cattolico del Tagikistan, Paese di 9 milioni di abitanti con appena 120 fedeli della Chiesa Cattolica Apostolica Romana.

L’Istituto del Verbo Incarnato è la famiglia religiosa responsabile del nuovo monastero di vita contemplativa nel territorio di questo Paese dell’Asia Centrale, la cui popolazione è a maggioranza musulmana. Il monastero è dedicato a San Giovanni Paolo II.

La presenza della Chiesa cattolica in Tagikistan risale alla fine degli anni Settanta, quando il Paese faceva parte dell’ormai estinta Unione Sovietica. Il regime comunista, ferocemente ateo, impediva la pratica pubblica della fede e considerava la religione un veleno, ma per Provvidenza quello stesso regime ha finito per favorire l’arrivo del cattolicesimo nella regione, perché i primi sacerdoti e laici cattolici vi sono stati mandati come deportati.

Padre Pedro López, al servizio pastorale della piccola comunità cattolica tagika, si è espresso così circa il nuovo monastero:

“Ha un grande significato, perché sono religiose che pregano per i frutti di apostolato a cui stiamo lavorando, ed è molto opportuno in questo tempo di conflitto. È un privilegio molto grande”.

Nella fondazione del monastero, la celebrazione eucaristica è stata presieduta da padre Jerzy Maculewicz, amministratore apostolico del vicino Uzbekistan. C’è stata anche una toccante processione con l’immagine di Nostra Signora di Luján, patrona dell’Argentina, intronizzata nell’edificio del monastero.

“È stato emozionante perché non sono cose che siamo abituati a vedere in questo Paese. Non ci sono divieti espliciti, ma in genere non ci sono manifestazioni pubbliche della fede [cristiana]”.

Il nuovo monastero ha quattro religiose dell’Istituto del Verbo Incarnato, provenienti da Uzbekistan, Paraguay e Argentina. L’edificio è situato accanto a una delle uniche due chiese cattoliche presenti nel Paese, una parrocchia dedicata a San Giuseppe.

Oltre alle quattro religiose contemplative appena arrivate, la comunità cattolica locale include altre tre suore di vita attiva e due sacerdoti.

Tags:
monasterounione sovietica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni