Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Ottobre |
Aleteia logo
home iconArte e Viaggi
line break icon

3 vie leggendarie di pellegrinaggio fuori da quelle più battute

MACHAERUS

Shutterstock | Drone Media Studio

Daniel R. Esparza - pubblicato il 24/07/21

Non c’è alcuna prova del fatto che Patrizio abbia mai visitato l’isola, ma è ben noto che il monastero in rovina che vi è presente risale al V secolo ed è stato molto probabilmente fondato da San Dabheog, contemporaneo di Patrizio. All’inizio del XII secolo il monastero era sotto la custodia degli Agostiniani, e disponeva già di un ostello per i pellegrini che andavano a visitare il Purgatorio di San Patrizio.

È noto per essere il pellegrinaggio più difficile e rigoroso di tutta la cristianità. I pellegrini devono soddisfare varie condizioni per esservi ammessi: bisogna avere almeno 15 anni, sapersi inginocchiare e camminare (scalzi) da soli ed essere disposti a sopportare il più rigido dei digiuni per tre giorni – acqua, fiocchi d’avena, pane, tè e caffè. Include anche una veglia di 24 ore.

2. Il Percorso Giordano

Alcuni dicono che Mosè abbia seguito questo percorso. La città più vicina a Petra è chiamata Wadi Mousa, la Valle di Mosè. Si dice che il luogo in cui Mosè fece sgorgare acqua da una roccia non sia lontano dal punto in cui si erge oggi la città. Da quella fonte, i Nabatei avrebbero attinto acqua, attraverso un acquedotto d’argilla, fino a Petra.

La tradizione afferma che anche Elia seguì il percorso. Il suo luogo di nascita, Tell Mar Elias, è infatti un punto di sosta lungo il Percorso Giordano. Lì si possono trovare le rovine della città biblica di Tishbe (nota anche come Listib, o El-Istib), come anche i resti di un’antica basilica bizantina. I pellegrini delle tre grandi religioni monoteiste si recano in questo luogo e legano dei fiocchi rossi a una quercia per rendere omaggio al profeta.

Ovviamente il Percorso Giordano non è nuovo. Anche se è stato “lanciato” ufficialmente nell’aprile 2017, il percorso si snoda attraverso antichi sentieri biblici, ma include anche la rotta che i conquistatori romani usavano per andare dal fertile nord della Giordania al sud attraverso la città romana di Jerash fino alla ricca città portuale di Aqaba, sul Mar Rosso. Sono 640 chilometri, a piedi, per almeno 40 giorni, attraversando 52 villaggi, quattro tipi di panorama diversi e varie antiche rotte di pellegrinaggio e commerciali. È una sorta di Cammino di Santiago mediorientale che unisce sia l’Antico che il Nuovo Testamento in un’unica rotta.

3. Il Cammino Ignaziano

Il Cammino Ignaziano è una via di pellegrinaggio che va Azpeitia, la città natale di Sant’Ignazio di Loyola, a Manresa, seguendo le orme del famoso santo basco. Con l’aumento della sua popolarità, questo percorso ha finito per entrare nel novero delle principali otte di pellegrinaggio europee, come il Cammino di Santiago e la Via Francigena.

Il percorso lascia fuori una città in cui Ignazio si ritrovò tre volte, Barcellona, ma ogni pellegrino degno di questo nome potrebbe voler percorrere anche la Carrer De Sant Ignasi, al centro della città vecchia della capitale catalana.

CARRER DE SANT IGNASI

La prima volte che Ignazio mise piede a Barcellona vi rimase solo un mese, perché stava preparando il suo viaggio a Gerusalemme. Arrivò in città il 18 febbraio 1523 e partì per l’Italia il 20 marzo. La terza visita durò tre mesi, mentre era in viaggio da Salamanca a Parigi, dove concluse i suoi studi. La seconda volta, però, vi rimase quasi tre anni, e fu sicuramente il suo viaggio più importante a Barcellona.

Se vi trovate in città, seguite le orme di Ignazio dalla Carrer De Sant Ignasi alla cattedrale di Santa María del Mar. Il percorso vi porterà nelle stradine medievali dei quartieri di La Ribera e El Born fino a Plaça de Santa Maria, dove potrete anche visitare questa chiesa.

  • 1
  • 2
Tags:
pellegrinaggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni