Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconFor Her
line break icon

Rae Lin D’Alie, star del basket 3X3 a Tokyo: Gesù fa sempre canestro

George Calvelo / NurPhoto / NurPhoto via AFP

Giovanna Binci - pubblicato il 23/07/21

L'italo americana del basket 3X3 azzurro racconta come, nello sport, ma anche nella vita, ad avere Dio in squadra, si vince sempre!

“Lui segna sempre, io a volte no!”

A sentire parlare di Gesù in questi termini proprio da lei, Rae Lin D’Alie, star del basket 3X3 italiano, ti viene da fidarti (e magari anche affidarti un po’ di più). 

Avere Gesù in squadra… anche nella vita

Una che di canestri se ne intende (tanto per dire, è suo il punto che ha regalato il pass olimpico per Tokyo alla nazionale nella partita decisiva di spareggio contro l’Ungheria) per la partita della vita ha voluto nella sua squadra il top player e non si vergogna di dirlo. 

View this post on Instagram

A post shared by Rae Lin D'Alie (@rmdalie11)

Poi fa comodo averlo anche nelle sfide quelle sul campo, certo, e lo dice ancora nell’intervista al Corriere:

“Sono sempre in conversazione con lui, prego anche prima e durante ogni partita”.

A questo punto io, invece, sono quasi gelosa: non riesco a snocciolare una decina nemmeno mentre lavo i piatti, figurati con la leggera pressione che hai mentre giochi una partita di basket e le avversarie cercano di sottrarti la palla

Immarcabile quanto implacabile

Eppure, proprio lei è conosciuta come l'”immarcabile“: che questa forza sul campo sia specchio di quanto è allo stesso tempo “implacabile” nella preghiera?

E se in campo non è che ti puoi portare la Bibbia di Gerusalemme, Rae si scrive sul braccio piccoli reminder alla Sacra Scrittura. Ad esempio quello “strike” sempre al match decisivo per la qualifica per Tokyo:

“Avevo scritto su un braccio la parola ”strike” dopo aver letto un passo della Bibbia che mi ha ispirato. E strike, appunto, è stato”.

Ma pure spettacolo, aggiungo io, dato che questo punto è arrivato a filo di sirena. 

Direi che questa strategia vincente ce la segniamo anche noi, Rae (magari non sul braccio). 

Una storia italo-americana

Italo americana, con radici siciliane, inizia a giocare a basket a otto anni. Quando arriva la fatidica domanda a cui nessun italo-qualcosa scampa, afferma che non saprebbe scegliere tra Italia e USA, ma che il Bel Paese che l’ha sportivamente adottata è sempre più “casa”:

“Essendo la mia formazione cestistica italiana, ho potuto giocare presto per la Nazionale. Poi è arrivata anche la cittadinanza ed è stata il coronamento di tutto. Mi sento più americana o italiana? Con il passare degli anni mi sento sempre più italiana, ma la verità è che non riesco a immaginare la mia vita senza l’Italia e senza gli Usa”.

Nel 2016 gioca il suo primo torneo di basket 3X3 con l’attuale collega Giulia Rulli ed è subito amore per questo sport che 

“ha ritmo, è spettacolare…ti costringe a restare sempre dentro la partita perché se ti distrai un attimo sei fritta e perdi. Poi si gioca spesso nel centro delle città, in piazza: ecco un altro aspetto affascinante”.

Corriere.it

Non esistono sport minori o sogni minori

Nonostante l’incredibile talento non è mai stata (ancora) convocata dalla WNBA (la versione femminile del sogno di ogni cestista, l’NBA), ma lei prende atto della cosa con un

“Diciamo che non mi ha mai dato una chance” e continua a lavorare come ambasciatrice mondiale FIBA per il suo sport. 

Quando il #restoumile è uno stile di vita, ma soprattutto, quando sai che non ci sono sogni (o sport) più piccoli di altri, solo i tuoi, di sogni, per cui dare tutto. 

Tra questi sogni c’è anche un lavoro che aiuti chi soffre, dato che fuori dal campo Rae ha studiato teologia e sociologia

Non mollare Dio, nello sport e nella vita

Poi c’è la casa quella fatta di cuore. Una mamma e un papà nel Wisconsin che le hanno insegnato l’amore e la fedeltà, come si legge su una dedica in Instagram. E ancora quel “grazie” non solo per il supporto, i balli in cucina, le battute, ma per non aver mai abbandonato Dio e la mano l’uno dell’altra quando sembrava tutto troppo da sopportare. 

Ci credo che questa ragazza poi sogni un matrimonio così, come leggo in chiusura dello stesso post. 

A volte Dio lo mettiamo in panchina, nella nostra vita. Invece, come fa Rae, Dio devi portartelo in campo. Lasciargli il controllo di palla, farlo giocare fianco a fianco con te le partite decisive. 

Io ce lo vedo, Gesù, coi calzoni da basket. 

Voi no? 

Tags:
olimpiadi tokyo 2020
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni