Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconFor Her
line break icon

La California risarcirà le vittime (sopravvissute) della sterilizzazione forzata

CALIFORNIA, HOLLYWOOD

Ingus Kruklitis | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 20/07/21

Dal 1909 lo Stato della California cominciò una campagna eugenetica che portò alla sterilizzazione di circa 20 mila persone. Furono 60 mila in tutti gli Stati Uniti. Anche la Germania nazista prese ispirazione da questo programma.

Il lato oscuro di Hollywood

Hollywood, viali assolati con le palme e spiagge da sogno: questo è la California nell’immaginario collettivo. E’ un film a cielo aperto. Basta citare Los Angeles e San Francisco per immaginare una vita da divi del cinema con residenza a Beverly Hills. Ma fuori dagli stereotipi, sappiamo bene che la California è uno stato all’avanguardia e questo non è affatto sinonimo di benessere sociale e vera premura umana: libertà – proprio sotto la collina di Hollywood – si traduce in una fitta serie di dittature imposte da un pensiero così progressista da arrivare all’abbaglio della sessualità percepita.

La notizia di stretta attualità sulla California ci riporta indietro di più di un secolo. Parlando di inizio ‘900 ed eugenetica ci verrebbe da pensare alla Germania nazista. E invece…

View this post on Instagram

A post shared by Sun Clean Energy India (@sun.cleanenergy)

Un risarcimento (solo apparentemente) notevole

La California pagherà 7,5 milioni di dollari alle vittime sopravvissute del programma di sterilizzazione forzata. L’eugenetica, vale a dire la pratica di sterilizzare quelli che lo Stato riteneva ‘deboli’ o ‘indesiderati’, cominciò a seguito di una legge approvata in California attorno all’inizio del XX secolo.

Da CNN

Un attimo. E’ forse la trama di una nuova serie distopica su Netflix? Putroppo no. E’ una crudissima realtà di cui la maggior parte di noi, probabilmente, era all’oscuro. Partiamo perciò dall’oggi e poi facciamo un passo indietro.

La California ha messo a bilancio per il prossimo anno questo grosso risarcimento, che è tale solo apparentemente. E’ il primo Stato americano a risarcire le vittime sopravvissute alle sterilizzazione forzata che è andata avanti dal 1909 fino al 1979 (NB: nelle carceri la pratica si è protratta – legalmente – fino al 2014!). Si contano in questo lasso di tempo circa 20 mila vittime. Le poche ancora vive riceveranno un indennizzo pro-capite di appena 25 mila dollari.

CHILD, AMERICAN FLAG

Il mea culpa della stampa

Ovvio, il vero obiettivo per chi ha subito questa violenza non era e non è pecuniario. Il traguardo è aver visto riconosciuto in forma ufficiale il diritto alle scuse e alla plateale ammissione che lo Stato californiano ha commesso nel corso degli anni un disumano abuso di potere. Che non riguarda solo la California, ma tutti gli Stati Uniti. Il Los Angeles Times ha firmato un pezzo in cui si scusa, come testata, di aver supportato nei decenni passati la campagna eugenetica:

Il nostro non è l’unico Stato ad aver portato avanti una campagna di sterilizzazione forzata. Un simile tentativo ha riguardato tutta la nostra nazione per tutta la prima metà del ‘900. Un terzo delle 60 mila sterilizzazioni eseguite negli Stati Uniti sono state fatte nel nostro Stato, caricando sulle nostre spalle un pesante fardello di azioni deplorevoli da portare. E’ con grande vergogna che ricordiamo che anche la nostra testata del Times supportò tale campagna. Vennero regolarmente pubblicati pezzi che esaltavano lo sforzo eugenetico.

Da The Los Angeles Times

A questo punto facciamo un passo indietro, per aprire un capitolo di storia ignoto ai più. Scopriremo che fu l’esperimento americano, e californiano in particolare, a dare man forte a quell’abominio che accadde in Europa sotto la Germania nazista.

1909: l’inizio della sterilizzazione a fini augenetici. Come purificare il popolo

In realtà, però, i prodromi dell’eugenetica non nascono da dittature e regimi oppressivi, ma dai democraticissimi Stati Uniti, dove istituzioni private come la Rockfeller Foundation finanziavano studi e ricerche a cui partecipò anche Josef Mengele, passato alla storia come il “medico della morte” di Auschwitz. Questi studi venivano condotti principalmente nelle prigioni e presso il New York Bureau of Industries and Immigration sugli immigrati ebrei e italiani, tra le vittime di sterilizzazione coatta più colpite. Far sì che queste popolazioni non proliferassero contaminando quella americana era considerato un dovere morale.

da The Vision

Anche solo leggendo queste poche righe, verrebbe da dire che molti libri di storia dovrebbero – almeno – aggiungere qualche capitoletto sull’argomento. Certi deliri non appartengono solo a menti deviate, ma anche alle presunte menti illuminate. Nella democraticissima America, terra della libertà, fin dalla fine del XIX secolo attecchì l’eugenetica, come ipotesi per migliorare l’umanità estirpando (presumendo di …) malattie, debolezze, disturbi mentali. Questa visione distorta di purificare il popolo degenerò in una strategia per decimare minoranze etniche, persone fragili e tutti quelli sgraditi al potere.

Si stima che dagli anni ’30 fino alla conclusione del piano, negli Stati Uniti siano state sterilizzate 65.000 persone. Queste sterilizzazioni avvenivano spesso coattivamente su individui che non avevano facoltà di scelta, ad esempio nei manicomi, oppure con l’inganno […] .

I “pazienti” venivano spesso convinti dai medici di avere malattie incurabili, oppure alle donne che volevano abortire veniva praticata l’isterectomia, la rimozione dell’utero, senza un vero motivo medico. In altri casi, compagnie assicurative o programmi di welfare statali si spingevano verso zone rurali, soprattutto negli Stati del Sud, e proponevano la sterilizzazione tubarica o la vasectomia come soluzioni contraccettive gratuite e veloci, senza che le vittime conoscessero realmente le conseguenze di tali interventi.

Ibid.
LOS ANGELES

Il mito di una razza senza malati e deboli

Il primo Stato a introdurre la sterlizzazione involontaria e forzata fu quello del Michigan, ma la California è stato quello che ha mietuto più vittime. Qual era la folle idea dietro questo piano disumano?

Le motivazioni per selezionare la popolazione e impedire la procreazione a certi individui o categorie erano sostanzialmente tre: eugenetica (per evitare che certe malattie ereditarie si diffondessero), terapeutica (per curare certe malattie sessuali), punitiva (sterilizzazione imposta ai carcerati). Ovviamente, una volta aperta la porta della selezione, la situazione non poté che degenerare: gli afroamericani, i nativi americani, i disabili e in generale le persone più fragili furono le vittime privilegiate e scelte in modo mirato per sopprimere la procreazione tra le fette più emarginate e senza voce della popolazione.

32 Stati americani avevano programmi eugenetici, ma la California li sorpassò tutti. Il movimento catturò anche l’attenzione dei membri del partito nazista che negli anni ’30 chiesero consiglio ai medici eugenetisti californiani per applicare il loro programma di sterilizzazione.

Da CNN
WIĘŹNIOWIE AUSCHWITZ
Więźniowie wyzwoleni z obozu Auschwitz sfotografowani przez radzieckiego żołnierza.

Negli anni ’60 il bersaglio privilegiato di questa orrenda purificazione colpì soprattutto le donne afroamericane, la più piccola fu sterilizzata a 13 anni. La storica Christina Cogdell ha dichiarato:

Se un dottore riteneva che qualcuno doveva essere sterilizzato non c’era associazione o comitato a sostegno di una protesta.

Il corpo delle donne, e di tutti

La deputata Wendy Carrillo ha sostenuto la richiesta, approvata in questi giorni, di risarcimento delle vittime sopravvissute in California al programma eugenetico con queste parole:

Parliamo spesso del diritto di scelta delle donne. Questo diritto include anche quello di diventare madre. Sfortunatamente, questa scelta è stata tolta a molte donne. Come Stato dobbiamo correggere ciò che abbiamo sbagliato e dobbiamo fare qualcosa in più che scusarci dell’orrendo impatto che ha avuto la sterilizzazione eugenetica sulle famiglie californiane e delle devastanti conseguenze di questo tentativo fallito di sradicare intere popolazioni.

Da Wendy Carrillo
PREGNANT, ECOGRAPHY

Sarebbe bello chiudere questo articolo dicendo che il passato tremendo è alle spalle e ora lo scenario è cambiato radicalmente. C’è senz’altro chi proverà a raccontare la California come uno Stato che si lascia alle spalle l’incubo dell’eugentica e sta abbracciando una visione di libertà sempre più grande. Qualcuno continuerà ad applaudire questa fetta di terra per essere all’avanguardia nei diritti civili.

La maschera della libertà

Purtroppo tocca fare la parte di Cassandra. Se teniamo sullo sfondo dell’orizzonte il tema della procreazione le tinte del quadro restano cupe. Quello a cui assistiamo in questi anni non è un rinnegamento dell’eugenetica, ma un amaro e subdolo upgrade. Le donne non vengono più sterilizzate per legge, ma quanto sono caldamente coccolate da tutte le fandonie di libertà sull’aborto? Non c’è più un medico che le sterilizza, sono loro che liberamente scelgono di essere accudite da Planned Parenthood & Co.

E poi. Anche se si scrive maternità surrogata, non si legge forse eugenetica? E non è proprio la California una – ahi noi – grande culla dell’utero in affitto? La verità è che un grande veleno permane: un’obiezione pervicace alla vita. E c’è un diabolico spasimo di piantare le grinfie del potere proprio nel grembo e nell’incontro fecondo tra uomo e donna. Non importa che nome abbia, se sia stata una legge chiaramente violenta e ora venga spacciata sotto l’aspetto gradevole di una brezza di libertà, dietro ogni maschera resta un male disumano.

Tags:
disabilieugeneticastati uniti d'america
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni