Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Charbel
home iconSpiritualità
line break icon

La Messa non è bella o brutta: è Messa e basta

Corinne SIMON/CIRIC

José Miguel Carrera - pubblicato il 15/07/21

“'Padre, che bella la Messa di oggi' è una frase che mi infastidisce”, confessa un sacerdote

La Messa non è bella o brutta: è Messa e basta, ha ricordato attraverso le reti sociali padre Wellington José de Castro, dell’arcidiocesi brasiliana di Campo Grande.

“’Padre, che bella la Messa di oggi’ è una frase che mi infastidisce, lo confesso”, ha scritto il sacerdote.

“Può indicare semplicemente un’inclinazione romantica, o che un sacerdote piace più di altri, o che ha valore solo se le persone si sentono ‘toccate’, o ancora se si concorda con quello che ha detto, se è piaciuta la musica, o la voce di quel cantore; se la decorazione era di proprio gradimento, se la casula (spero che la usino ancora!) era bella…”

“Ovviamente non oserei discordare dal fatto che in molte celebrazioni possiamo sentirci a disagio se l’acustica non è buona, se il banco non è confortevole, se il lettore ha proclamato male le letture, se il celebrante ha pronunciato un’omelia lunga, stancante, politicizzata, ecc.”, ha ammesso il presbitero.

“Non dimentichiamo, però, che il protagonista della Sacra Liturgia è Gesù, che offre al Padre il dono prezioso di Se stesso. Non è la comunità ad essere al centro della Messa; l’azione principale non viene realizzata né dal sacerdote né dall’assemblea, ma da Gesù”.

“Per partecipare attivamente alla Santa Messa, i fedeli devono essere motivati a osservare ciò che accade sull’altare, e a non inventare mille cose diverse che finiscono per sviare l’attenzione da tutta l’azione liturgica della Croce. E i ministri ordinati devono seguire con amore, zelo e obbedienza le norme liturgiche.

La Messa non è bella o brutta: è il rinnovamento dell’unico e perfetto sacrificio redentore. Questo ci basta! Sempre!”

Tags:
Messa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni