Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconSpiritualità
line break icon

La felicità di Cristo e la felicità del mondo

KIDS, FUTURE, SUNSET

ESB Professional / Shutterstock.com

Francisco Borba Ribeiro Neto - pubblicato il 14/07/21

Chi è felice sa cosa sia la felicità, e i cristiani sanno che arriva sempre in modo misterioso e sorprende

Molto tempo fa, in un dibattito accademico, sono stato provocato a provare che c’era una verità non relativa, che non dipendeva dalla posizione di ciascuno. Ho chiesto che le persone in sala che non volevano essere felici alzassero la mano. Nessuno lo ha fatto. Ho risposto al mio interlocutore che l’affermazione per cui tutti gli esseri umani vogliono essere felici era una verità assoluta. Una professoressa mi ha contestato, dicendo che dipendeva da ciò che ciascuno intendeva per “essere felici”.

Ho concordato con lei e ho riformulato la frase: “Tutti vogliono essere felici, anche se ciascuno cerca di essere felice a modo suo”. Ho aggiunto che, a partire da lì, si apriva la possibilità di un vero dialogo. Avevamo un punto di arrivo in comune, e potevamo dialogare per paragonare i nostri cammini e imparare insieme cosa sia la vera felicità e come raggiungerla.

La felicità che tutti desiderano

Come accade con la speranza, anche la felicità è un desiderio di tutti gli esseri umani e un dono che Dio ci dà, ma che spesso non capiamo né accogliamo, perché lo vediamo con gli occhi del mondo e non con quelli della fede.

Ma questa è la grande disputa di senso nella società contemporanea – anzi, in tutte, anche se la nostra è probabilmente quella in cui la questione è più evidente. In Storia della Morte in Occidente, Philippe Ariès ha scritto che nella società attuale esiste “la necessità della felicità, il dovere morale e l’obbligo sociale di contribuire alla felicità collettiva, evitando qualsiasi causa di tristezza o di disagio, mantenendo l’apparenza di essere sempre felici, anche se siamo in fondo alla depressione”.

Papa Francesco ha ben chiara questa caratteristica della nostra epoca. Non a caso, il documento considerato la presentazione della sua proposta per la Chiesa, l’esortazione apostolica Evangelii Gaudium (EG), inizia con queste parole: “La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. […] Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia” (EG 1). Questa “gioia del Vangelo” non è altro che la vera felicità cristiana.

Spesso crediamo che la lotta del cristianesimo nel mondo sia un confronto tra valori, che la nostra coerenza morale sia il differenziale tra i buoni cristiani e gli altri. Ci illudiamo che le persone crederanno di più in Cristo perché noi siamo più coerenti. La coerenza è sempre molto importante, ma non è il vero elemento che differenzia tutto. Se il problema fosse la coerenza, al momento decisivo Gesù si sarebbe circondato di bravi farisei e non di pescatori infedeli, come Pietro, o di esattori delle tasse, come Matteo. Le persone seguono Cristo perché si sentono amate e/o perché percepiscono la felicità dei cristiani…

Quando un gruppo di giovani della sua diocesi stava per andare in Brasile come missionari, un vecchio vescovo italiano ha detto loro: “Posso solo augurarvi che quando arriverete alla mia età siate stati felici come me!” Una persona così felice, così sazia di ciò che dà sapore alla vita che non riesce ad augurare nient’altro oltre a ciò che già ha, che non riesce a immaginare che altre persone possano essere più felici, tanto è grande la sua felicità. Non era una frase di prepotenza, non si trattava del “dovere di essere felici” a cui alludeva Ariès, ma del semplice riconoscimento di una grazia ricevuta.

  • 1
  • 2
Tags:
felicitàgesùmondo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni