Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconFor Her
line break icon

La lettera di Giulia al Papa: “sentivo la tua preghiera quando stavo male”

Bambino Gesù @bambinogesu | Twitter

Giovanna Binci - pubblicato il 09/07/21

Il Santo Padre, ricoverato al Gemelli in questi giorni, ha ricevuto molti messaggi di affetto e vicinanza, ma uno di questi è davvero speciale...e colorato!

“Caro papa Francesco, senti la mia preghiera. Io sentivo la tua quando stavo male”.

La preghiera non si dice, si sente

A leggere la lettera che Giulia ha indirizzato a Papa Francesco, ricoverato in questi giorni al Gemelli dopo aver subito un intervento per stenosi diverticolare, mi è sembrata una specie di gigante (di certo, molto più grande di me nella fede), anche se in realtà non so quanti anni abbia.
Gigante perché ha già capito tutto, del dolore e della preghiera.

Una gigante anche del disegno artistico per quanto mi riguarda: che c’è del surrealismo vero nel Papa nel suo letto d’ospedale con l’inconfondibile outfit total white, papalina compresa.
Gigante perché solo una bimba che in quel letto di ospedale ci è già stata può riuscire a disegnarti la sofferenza con un sorriso sul volto: il suo, mentre tiene la mano del Santo Padre, e quello dello stesso Francesco.

Sorrisi, preghiere: doni gratuiti, ma inestimabili

Un sorriso che non è un mero placebo, che non annulla di certo la sofferenza, ma è la chiave di volta di un mistero davanti al quale lo stesso Papa, nell’udienza del 2016 dedicata proprio alla comunità di malati e personale dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù, ha ammesso che non ci sono risposte, aggiungendo:

Vivendo in mezzo a noi, non ci ha spiegato perché si soffre. Gesù, invece, ci ha mostrato la via per dare senso anche a questa esperienza umana: non ha spiegato perché si soffre, ma sopportando con amore la sofferenza ci ha mostrato per chi si offre. Non perché, ma per chi.

Spesso, da quel letto, Dio non riusciamo a vederlo, a sentirlo e allora ci sono loro, gli amici, i parenti, gli infermieri, persino gli sconosciuti che solo con la vicinanza, con un sorriso, una mano sulla fronte, una scatola di latta coi biscotti al burro o una semplice preghiera (che tutti sappiamo quanto preziosa sia, dato che io non riesco a infilare una decina di fila da non so quanto tempo per me, figurati per qualcun altro) ci ricordano che Lui è lì.

Loro sono il Suo riflesso in un momento in cui ci sembra lontano e non ci accorgiamo che invece è proprio accanto a noi.

Leggi anche:

Lui l’ha accompagnata, ora tocca a lei!

Nonostante ora sia il Papa a non essere troppo in forma, anche se il decorso post operatorio è regolare, come hanno confermato i medici, il suo pensiero è sempre ai piccoli: quelli del vicino reparto oncologico ad esempio, a cui non ha fatto mancare un affettuoso saluto.

E i bambini, anche quelli del “suo” Bambin Gesù rispondono a Francesco con tutti i colori e l’affetto di cui sono capaci:

Lui, che è sempre stato dalla loro parte e ha sempre avuto a cuore i bambini, soprattutto quelli malati:


Accompagnare un bambino che soffre è tanto difficile: soltanto carezze, vicinanza, il pianto, piangere con lui, con lei, soltanto questo.

Ibidem

Giulia deve aver preso alla lettera questa promessa del papa e adesso che è il Santo Padre ad avere bisogno di cure e preghiere, ha voluto fargli sapere che non è solo. Che anche la sua camera è piena di cuori.
Sono certa, che il cuore del Santo Padre lo abbia riempito!

Tags:
bambinipapa francescosofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni