Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconFor Her
line break icon

Raffaella e quell’amore che fa scoppiare il cuor

sara b., CC BY-SA 2.0 via Wikimedia Commons

Giovanna Binci - pubblicato il 06/07/21

L'amore libero e senza tabù, una maternità che non è mai arrivata, i 130 mila bambini: Raffaella Carrà voleva un amore libero, ma le auguro di aver incontrato un amore che libera!

Mi stupisco sempre della nostra capacità di fare pelo e contro pelo alle storie degli altri. Di concentrarci sulla “pagliuzza”, direbbe qualcuno, anzi, di non lasciarcene sfuggire nemmeno una, così, per sbaglio. Le nostre vite non sono perfette, di certo nemmeno quella di Raffaella Carrà, venuta a mancare ieri pomeriggio, dopo una breve malattia.

Una vita di sogni bambini, di sacrifici e un talento che non si può negare. 

Raffaella voleva intervistare papa Francesco, Raffaella faceva vedere l’ombelico in diretta TV, Raffaella pregava tanto anche “per le persone che non conosco”, aveva un rapporto “molto emiliano” coi preti (come ha raccontato a Famiglia Cristiana) e una spiritualità un po’ sua che però la riportava sempre a quel qualcosa di altro (e alto). Era orgogliosa di aver intervistato Madre Teresa di Calcutta, ma continuava a cantare il suo “tuca tuca” e a voler liberare le donne dai tabù.

Il fatto è che la nostra ricerca di Dio, di un senso, non è sempre lineare e semplice. I nostri percorsi non sono sempre uguali (che di “uguale” negli anni, c’è solo il caschetto della Carrà).

Questo Lui lo aveva previsto e invece di inchiodarci ai nostri errori e alla nostra condanna, ha preferito farsi inchiodare per primo così che potessimo lasciare agli altri, anche a una Raffaella spesso distante anni luce dai nostri valori e dalle nostre battaglie, almeno il beneficio del dubbio fino alla fine. O forse, sarebbe meglio dire, della salvezza

E poi, trovatemelo voi su questa terra uno “che problemi non ha”, tanto per dirla con le parole della Carrà. 

C’è sempre un raggio di luce…

Mi piace concentrarmi sul fatto che “un raggio di luce possa squarciare molte tenebre” (attenzione, non è una frase di San Francesco, ripeto, non è una frase di San Francesco) e che tutti, ma proprio tutti, una volta sperimentata quella luce, anche solo di sfuggita (mica dico come quando alle 18 col sole altezza cruscotto, sei in auto senza occhiali), riusciremo pure contro ogni aspettativa, a scegliere la sua bellezza, a riconoscerla. E questo lo auguro, prima che a Raffaella, alla me stessa insipida e incoerente di tutti i giorni. 

Dall’amore libero…

Raffaella Carrà è stata l’icona dell’emancipazione sessuale, soprattutto femminile. Da “l’importante è farlo sempre con chi hai voglia tu” a “il mio corpo è una moquette dove tu ti addormenterai” (e lo so, che le state leggendo cantando!), il succo è sempre stato quello di portare avanti un amore libero e senza tabù. Eppure, quando si è trattato di scegliere su qualcosa che molti metterebbero nella categoria “my body, my choice”, “autodeterminazione”, “vale tutto se lo vuoi”, lei stessa dichiarava:

“Se (i figli, ndr) non sono venuti cosa devo fare? Non mi sono mai accanita e ho accettato quello che madre natura ha scelto per me. La dimensione genitoriale, in fondo, si può vivere in tanti modi. Io, per esempio, non ho mai smesso di adottare bimbi a distanza. Ogni anno mi arrivano le loro foto e vederli crescere mi rende felice.”

…a un amore che libera

L’unico traguardo che è mancato a Raffaella è stata la maternità “di pancia” che la showgirl, come sembra da queste parole, non si è mai arrogata come diritto, desiderio legittimo o necessario per essere completa o felice. Forse, l’amore libero e sfrenato, quando è solo fatto di corpo e in modalità “godi e getta” non è la chiave per la felicità, almeno dal mio punto di vista, e forse, anche Raffaella avrà pagato in parte il prezzo di questa libertà, eppure non ha mai avuto dubbi quando in gioco c’era la libertà di qualcun altro. Perché forse, non è l’amore che dobbiamo liberare, ma è l’amore che ci libera.

Dove il corpo non arriva, arriva il cuore

Raffaella è mamma di quasi 130 mila piccoli grazie alla adozioni a distanza promosse anche col suo programma televisivo “Amore”, andato in onda su Rai 1.

Ci possiamo soffermare sulle affermazioni discutibili, sull’abbigliamento succinto, sulle dichiarazioni a favore di questo o quello, sulla fede più o meno profonda. Oppure possiamo soffermarci sulla luce. Su quei piccoli frammenti di luce che attraversano la vita di ognuno di noi e che, se li lasciamo riflettere come in un gioco di specchi, possono guidare qualcun altro. Spero davvero che Raffaella abbia incontrato quella luce, lei, abituata a stare sotto i riflettori, a illuminare con il suo sorriso e le paillette, spero che abbia incontrato quell’amore liberante e totale che le abbia fatto dire “scoppia, scoppia, mi scoppia il cuor!”.

Tags:
raffaella carràspettacolo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni