Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconFor Her
line break icon

Endometriosi, è possibile controllarne i sintomi?

DOLORE

Di goffkein.pro|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 05/07/21

Per quanto fino ad oggi non sia ancora stata individuata con chiarezza la causa o le cause di questa patologia, è possibile arrivare alla diagnosi e a controllare il più possibile i sintomi soprattutto il dolore e gli stati depressivi conseguenti.

Ho 30 anni e vivo in provincia di Siracusa. Ho una malattia senza cura, subdola
e complessa: l’endometriosi. In Italia ne sono colpite 3 milioni di donne e il dato
è sottostimato perché non è facile diagnosticarla. Abbiamo bisogno di controlli
continui in centri specializzati, ma in Italia ne esistono pochi… che alternative ci
sono a questa sofferenza quotidiana?

Benessere

3 milioni di donne colpite

Così si apre il servizio di BenEssere, numero di luglio già in edicola, su una condizione patologica che colpisce moltissime donne e spesso le lascia con pochissime armi per difendersi.

Leggendo la risposta competente della Dr.ssa Manuela Farris, ginecologa, ho pensato che fosse utile ribadire quanto si sa e si è fatto finora per questo disturbo complesso che colpisce così tante donne in età fertile.

Che cos’è l’endometriosi

Ne abbiamo parlato, sempre grazie ad un ricco contributo della rivista edita dalla San Paolo edizioni, in questo articolo:

È una malattia caratterizzata dalla diffusione e dall’impianto dell’endometrio al di fuori dell’utero. In condizioni normali questa mucosa cresce sotto l’effetto di estrogeni e progesterone, per prepararsi ad accogliere e nutrire l’embrioncino di una nuova vita. Si sfalda invece e si rinnova a ogni ciclo, in cui non ci sia stata fecondazione, originando la mestruazione.

Quando l’endometrio si impianta in tessuti diversi dall’utero – tube, peritoneo, ovaie, vescica, intestino, ma anche tessuti al di fuori dell’addome – cresce e si sfalda sotto l’effetto degli ormoni sessuali come l’endometrio in utero. Ecco il danno: il sangue rilasciato dallo sfaldamento nei diversi tessuti è un potente fattore di infiammazione, di dolore e di lesioni funzionali e organiche progressive.

Effetti immediati e a lungo termine

Gli effetti immediati e a lungo termine, se non adeguatamente e tempestivamente diagnosticata, sono importanti e invalidanti.

Il dolore intenso durante ogni mestruazione, la perdita di desiderio sessuale correlata al dolore che si prova nei rapporti intimi, la riduzione o perdita della fertilità, la menopausa precoce; ma anche una depressione potremmo dire secondaria, concausata sia dalla persistente infiammazione – stato legato spesso all’insorgenza di stati depressivi , si è visto anche con il Covid- sia dalle limitazioni e dal dolore che l’endometriosi comporta.

Esistono trattamenti efficaci?

Sì esistono ma non sono risolutivi, non rimuovono cioè le cause, ancora ignote, dell’endometriosi, ma possono aiutare sensibilmente a controllare i sintomi dolorosi e migliorare la qualità della vita della paziente.

Spesso ciò che manca è innanzitutto una diagnosi certa, resa ardua dalla difficoltà a scorgere conferme obiettive della patologia; è importante seguire i sintomi e seguire diversi esami sia ematologici che ecografici, fino ad indagini chirurgiche; ma se individuata precocemente è possibile intervenire in tempo utile per gestire al meglio i sintomi. L’endometriosi è, per ora, un esempio di malattia non guaribile ma assolutamente curabile.

I possibili trattamenti includono alcuni farmaci e progestinici specifici, mentre la chirurgia deve essere invece riservata solo a casi determinati.

Benessere, Luglio 2021

Il consiglio della ginecologa è sempre quello di non sottovalutare i sintomi: sono il linguaggio del nostro organismo che ci comunica ciò che non va. Occorre ascoltarlo e decodificarlo, con gli interlocutori più qualificati. In questo caso l’ascolto attento ed empatico oltre alla preparazione specialistica sono un requisito irrinunciabile.

Per approfondire rimandiamo anche a una pagina dedicata dall’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù.

Solidarietà femminile

Le prime a non lasciarsi sole sono proprio le donne affette da questa condizione invalidante; numerosi sono i gruppi di mutuo aiuto sui social, i forum, gli enti benefici sorti a supporto delle donne che ne soffrono.

Solo a titolo indicativo vi segnalo questo sito, completo di informazioni sulla patologia e sulle co-morbilità ad essa associate.

Le regioni in prima linea

La regione Sicilia, per esempio, svolge un buon lavoro di sensibilizzazione e presenza sul territorio per rispondere con la prescrizione di presidi terapeutici in grado di lenire il dolore associato all’endometriosi.


Il 27 marzo scorso, in particolare, è stata celebrata la Giornata dell’endometriosi e in tale occasione proprio il dipartimento materno infantile di Siracusa ha organizzato un convegno per sensibilizzare sul problema.

Ibidem

La regione Sicilia non è la sola che si sta attrezzando per offrire alle donne una rete diffusa di assistenza e l’accesso alle terapie a tutt’oggi disponibili; anche la Lombardia si sta muovendo nella stessa direzione e le regioni tra loro stanno mettendo a punto protocolli simili e condivisi.

Non essere lasciate sole e poter arrivare alle terapie più adeguate è già un sollievo; l’orizzonte della ricerca farmacologica e della condivisione di esperienze cliniche può farci sperare in ulteriori continui miglioramenti nell’approccio sia diagnostico che terapeutico.

QUI IL LINK PER ABBONARSI ALLA RIVISTA BENESSERE

Tags:
donne
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni