Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconNews
line break icon

I benefici che i cattolici possono ottenere con l’enneagramma

Galina F | Shutterstock

don Marcello Stanzione - pubblicato il 03/07/21

I teorici dell’enneagramma “cattolico”, secondo diversi autori cattolici sfavorevoli all’enneagramma, sarebbero certamente influenzati dal cosiddetto new age

Spesso l’enneagramma, una vera e propria mappa della personalità, in ambito cattolico è soggetto a riserve (vedi ad esempio Kosloski “I cattolici possono usare il sistema di personalità dell’enneagramma” in  Aleteia 22 giugno 2021). Si tratta di pregiudizi che nascono da false paure o da valutazioni molto parziali, che ne travisano lo scopo. 

I detrattori dell’enneagramma

I teorici dell’enneagramma “cattolico”, secondo diversi autori cattolici sfavorevoli all’enneagramma, sarebbero certamente influenzati dal cosiddetto new age. Gli autori ostili all’utilizzo ecclesiale cattolico dell’enneagramma affermano: “A parte le indubbie origini gnostiche gurdjeffiane del metodo influenzate dal movimento sufi, l’enneagramma è dentro una linea di psicoterapia che superando la linea scientifica si colora certamente di riferimenti pseudo-religiosi e di una religiosità di tipo gnostico, e il suo simbolo universale a nove punte si è affermato come uno dei segni distintivi popolari del new age” (cfr. Massimo Introvigne, Storia della New Age, Ed. Cristianità 1994). 

Il libro che così padre Pangrazzi

L’Enneagramma, in realtà, per i suoi utilizzatori e fruitori cattolici non è una dottrina di salvezza, ma uno strumento di auto-conoscenza finalizzato alla crescita umana e spirituale. Tale strumento sta riscontrando applicazioni positive in una varietà di contesti, che vanno dalla formazione aziendale al lavoro di gruppo, e così via. Il padre Camilliano Arnaldo Pangrazzi dal 1977 al 1983 ha lavorato quale cappellano al St. Joseph Hospital di Milwaukee, USA. 

Un giorno, all’inizio degli anni 80, mentre ispezionava i titoli dei libri nella sezione psicologia di una libreria della città, è stato colpito dal titolo di una copertina “The Enneagramm”. 

Il gesuita e la domenicana

Ha dato un’occhiata superficiale al testo e l’ha acquistato, depositandolo inizialmente nello scaffale dei suoi libri, ma ripescandolo poi per una lettura più attenta. Anni più tardi sarebbe ritornato negli USA (11-25 agosto 1991, Cleveland, Ohio), per frequentare due settimane intensive di “Basic Enneagram” con il padre gesuita Patrick O’Leary e  la suora domenicana Maria Beesing, primi autori di un libro pubblicato sull’Enneagramma, ricevendo da loro la certificazione all’insegnamento del Corso Base. 

L’entusiasmo per lo strumento lo ha motivato, successivamente, a scegliere come tema della sua Tesi di Dottorato al Camillianum di Roma: “L’Enneagramma e l’antropologia cristiana: un modello per il mondo della salute”. Una tesi corroborata da un’estesa ricerca, condotta in Italia e Spagna, per esplorare eventuali rapporti tra la propria tipologia enneagrammatica e ricorrenti problemi di salute. 

MÓZG
Lo studio della mente umana si può affrontare da un punto di vista cattolico? L’enneagramma può essere la risposta.

“Il valore di uno strumento si misura dal bene che fa” 

Per molti anni ha diffuso poi la conoscenza dell’Enneagramma in Italia, e Padre Pangrazzi scrive: 

“Mi permetto di far riferimento alla mia esperienza personale affermando che tra le migliaia di persone che hanno frequentato i miei corsi negli ultimi vent’anni, non mi risulta che ci siano stati smarrimenti di identità religiosa o perdite di valori tradizionali. Anzi i corsisti hanno espresso gratitudine per l’offerta di uno strumento che li ha aiutati a capire meglio il perché di tensioni o conflittualità con altri – in ambito familiare, interpersonale e lavorativo – e ad individuare modalità per gestire più creativamente le compulsioni e le zone di ombra che limitavano la loro libertà. Attraverso questi corsi formativi ho potuto incontrare imprenditori, avvocati, grafologi, architetti, terapeuti, musicisti e molta gente comune che non avrei mai trovato in chiesa: lo stile con cui si imparte un corso può diventare un modo indiretto per fare “evangelizzazione” ed educare ai valori che sono al cuore dell’etica umana e cristiana”. 

“Il valore di uno strumento si misura dal bene che fa. Se l’enneagramma aiuta le persone, perché condannarlo, incriminarlo o addirittura combatterlo? Forse perché nel corso della trasmissione storica dello strumento si sono registrate mediazioni diverse dalla nostra tradizione cristiana (mi riferisco alla mediazione dei maestri sufi) e questo contatto potrebbe, in qualche modo, inquinare la purezza della fede? San Pietro, rivolgendosi alla prima comunità cristiana ricorda che “Dio non fa preferenze di persone. Ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia a qualunque popolo appartenga” (Atti 10,34-35)”.  

Migliorare l’uomo e la società 

Quindi secondo il sacerdote Camilliano tutto ciò che è buono, costruttivo e aiuta le persone ad essere migliori, da qualunque cultura o tradizione provenga, merita di essere onorato e affermato. 

In un mondo come quello attuale, in cui si cerca, nel rispetto del pluralismo, di promuovere il dialogo interculturale e interreligioso, ben vengano strumenti come l’enneagramma che non sbandierano appartenenze esclusive, ma si adoperano per migliorare l’uomo e la società. Potenzialmente qualsiasi strumento può essere usato per il bene o per il male, perfino la stessa libertà umana. 

Non è un sistema di fede

C’è chi può usare l’enneagramma per fare pace con sé stesso e diventare più comprensivo e sensibile verso gli altri, e chi per giudicare, etichettare o mortificare il prossimo. 

L’enneagramma non è un sistema di fede, ma uno strumento aperto al trascendente, quale espressione della piena realizzazione umana. In questo senso, si colloca in un orizzonte aperto alle diverse tradizioni di fede, senza fare proprie le categorie di un particolare sistema religioso. 

E’ noto come la sua divulgazione al vasto pubblico sia avvenuta inizialmente ad opera di Gesuiti e di religiosi nord-americani che lo hanno usato nel corso di ritiri e corsi di formazione destinati a missionari, sacerdoti e laici per favorire l’introspezione, promuovere le relazioni interpersonali comunitarie, migliorare il lavoro in équipe, aiutare nella formazione così via. E’ difficile pensare che così tante persone siano rimaste ammaliate dallo strumento senza ravvisarne i pericoli.

Non abbandona Dio o la Bibbia

In realtà chi fa uso dell’enneagramma non abbandona Dio, la Bibbia o la fede per conseguire la propria salvezza con questo mezzo. Si avvale piuttosto della mediazione dei nove tipi per comprendere meglio sé stesso, imparare ad essere più tollerante ed accogliere nei confronti del prossimo, acquisire maggiore consapevolezza degli ostacoli che possono interferire nel proprio rapporto con Dio e con gli altri. Perché osteggiare un potenziale aiuto alla propria crescita personale, relazionale e spirituale? Perché qualcuno lo ha associato al new age? 

Il new age 

Il fatto che alcuni autori siano in sintonia con il new age, non significa che l’enneagramma come tale, o quanti lo usano appartengano a questa variegata e complessa galassia o ne assecondino gli orientamenti. Il valore dello strumento dipende molto dall’etica di colui che lo usa. Dovremmo allora come cattolici abbandonare l’enneagramma e lasciarlo unicamente nelle mani degli esoteristi del new age?

Tags:
mente
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni