Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Charbel
home iconSpiritualità
line break icon

Quando sentite un’ambulanza, recitate una preghiera, chiede un cardinale

LOIC VENANCE / AFP

Francisco Vêneto - pubblicato il 02/07/21

Quando c'è un segno del fatto che qualcuno ha bisogno di aiuto, recitare una preghiera è un gesto d'amore e di carità nei confronti di quella persona

Il cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York, esorta a recitare una preghiera ogni volta che si sente un’ambulanza.

Il porporato ha dato questo consiglio riferendosi ai casi in cui si sentono passare camion dei pompieri, macchine della polizia o cortei funebri, perché si tratta di situazioni che rimandano a persone che hanno bisogno di solidarietà e aiuto, anche spirituale.

Il cardinale ha rivolto la sua richiesta in un breve video che ha condiviso sulle reti sociali il 28 giugno, in cui ha commentato che questi semplici gesti di pietà sono in genere insegnati da genitori, nonni o altri familiari.

“Se sentite una sirena, che sia di un camion dei pompieri, di un’ambulanza o di una macchina della polizia, recitate una breve preghiera, perché qualcuno, in qualche luogo, ha un problema. Se sentite un’ambulanza, pregate per i malati. Se sentite una macchina della polizia, pregate perché forse si sta svolgendo un atto violento. Quando sentite il camion dei pompieri, pregate perché la casa di qualcuno potrebbe andare a fuoco. Queste cose ci esortano a recitare una preghiera per amore e in segno di carità nei confronti degli altri”.

Il riposo eterno per i defunti

Il cardinale Dolan ha anche parlato dell’antico costume di recitare una preghiera quando suonano le campane di una chiesa, soprattutto quando annunciano la morte di qualcuno, e ha raccontato cos’accadeva quando era piccolo quando gli allievi sentivano le campane a scuola:

“Non sapevamo chi era il parrocchiano che stavano seppellendo, ma quando sentivamo le campane i professori dicevano: ‘Bambini, alziamoci e diciamo insieme: ‘L’eterno riposo donagli, Signore, e splenda a lui la luce perpetua. Riposi in pace. Amen’”.

La stessa preghiera può essere recitata quando vediamo passare un corteo funebre o passiamo vicino a un cimitero.

“Abbiamo bisogno di tutto l’aiuto possibile nella nostra vita spirituale”, ha aggiunto il cardinale. “San Paolo dice che l’uomo giusto prega sette volte al giorno”.

Tags:
cardinalepreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni